Non solo le statue. Censurate per Rohani pure le custodi

venere-capitolina-rohani-ansa

Il caso delle statue “nude” dei Musei Capitolini censurate con pannelli di compensato per non “offendere” il presidente iraniano Hassan Rohani in visita a Roma non solo ha assunto proporzioni internazionali, ma a ogni ora che passa regala al pubblico un nuovo imbarazzante particolare.

INDAGHEREMO. Così, mentre il governo Renzi manifesta tutta l’intenzione di passare per incolpevole e per questo promette indagini interne per individuare il responsabile della «scelta incomprensibile», Repubblica rivela che quella di coprire col burqa la Venere Capitolina non è stata l’unico discutibile “convenevole” adottato per l’ospite.

IL SORTEGGIO. Scrive Giovanna Vitale che i custodi della struttura «sono offesi e indignati» e sono stati «obbligati alla consegna del silenzio» con un «ordine perentorio partito dall’alto». Tuttavia qualcuno (una donna) ha accettato di parlare con il quotidiano romano e ha raccontato un dettaglio della vicenda forse perfino più assurdo di quelli emersi finora: «Lunedì pomeriggio – rivela la fonte di Repubblica – ci hanno fatto venire per il solito turno e poi ci hanno rispediti a casa. Tutti, tranne cinque, quelli che gli servivano per l’accoglienza. Sono stati estratti a sorte, ma solo tra gli uomini. Ci hanno detto che le donne non sarebbero state gradite. Anche questo abbiamo dovuto sopportare».

Foto Ansa

Contenuti correlati

Video

Lettere al direttore

Foto

Welcome Back!

Login to your account below

Create New Account!

Fill the forms bellow to register

Retrieve your password

Please enter your username or email address to reset your password.

Add New Playlist