Google+

L’Arabia Saudita propone all’Onu di condannare chi favorisce il terrorismo in Siria (non è uno scherzo)

novembre 12, 2015 Leone Grotti

La monarchia islamica, a capo del Consiglio per i diritti umani senza averne mai rispettato uno, è forse il maggior finanziatore dei jihadisti in Siria

L’Arabia Saudita è stata da poco eletta a capo della Commissione Onu dei diritti umani e ha tutta l’intenzione di sfruttare la sua posizione per scopi politici. Per questo sta facendo pressione per approvare un documento che condanni Iran e Russia per il loro intervento militare in Siria.

DIRITTI UMANI IN ARABIA SAUDITA. Riyad che difende i diritti umani è già una barzelletta di per sé: sotto il regno islamico, infatti, non è previsto il riconoscimento di diritti umani, le decapitazioni hanno raggiunto numeri tali che non bastano più i boia a libro paga dello Stato, un ragazzo è appena stato condannato alla crocifissione, le riviste che mettono in copertina papa Francesco vengono bandite dal paese, la libertà religiosa non esiste, quella di espressione è negata, i migranti vengono sfruttati in modo disumano, le donne oppresse e per quanto riguarda gli omosessuali meglio non parlarne.

LA MOZIONE POLITICA. Eppure Riyad si sente in grado di consegnare patenti di moralità a tutti e così, con il sostegno di Stati Uniti, Qatar e tanti paesi europei, vorrebbe «condannare con forza tutti gli attacchi contro l’opposizione moderata siriana e invocare la loro cessazione immediata, dal momento che simili attacchi favoriscono il cosiddetto Stato islamico e altri gruppi terroristici, come il Fronte al-Nusra (fazione siriana di Al-Qaeda, ndr)».

RIBELLI “MODERATI”. Gli uomini di Re Salman forse sono confusi e hanno dimenticato che l’opposizione “moderata”, sostenuta anche dagli Stati Uniti, non solo non ha bisogno di essere sbaragliata dai raid aerei, a quello ci pensa già Al-Qaeda, ma in molte parti del paese si è già unita e combatte gomito a gomito con quel Fronte al-Nusra di cui Riyad teme il rafforzamento. Inoltre, non ricordano neanche che molte fazioni di ribelli si sono dissociate pubblicamente dall’America difendendo Al-Qaeda, nel momento in cui i droni hanno bombardato Al-Nusra.

ESERCITO DI CONQUISTA. Gli stessi principi sauditi che criticano chi «favorisce gruppi terroristici» farebbero anche meglio a ricontrollare il flusso di denaro che esce dalle loro casse per finanziare diverse formazioni jihadiste. L’Arabia Saudita infatti, insieme a Turchia e Qatar, altro firmatario della mozione “umanitaria”, ha ammesso di stipendiare e armare Jaish al-Fatah, ovvero l’Esercito di conquista composto da un nutrito gruppo di terroristi islamici (tra cui anche milizie del Fronte al-Nusra), che nel nord della Siria si è già impossessato di Idlib. Il modo migliore di tutti per rafforzare lo Stato islamico, infine, è abbattere il regime di Bashar al-Assad, e proprio questo è l’obiettivo che Riyad persegue da quattro anni.

E LO YEMEN? E che cosa dire poi dell’intervento della monarchia wahabita in Yemen, che per distruggere i ribelli sciiti Houthi ha fatto oltre 2.000 vittime civili con bombardamenti a tappeto, consentendo ad Al-Qaeda di conquistare la quasi totalità di Aden (seconda città più importante del paese) e Mukalla (quarta più importante)? Non hanno niente da dire i paladini dei diritti umani dell’Onu a riguardo di questi raid che favoriscono il terrorismo a scapito delle sofferenze della popolazione civile?

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

34 Commenti

  1. Filippo81 says:

    L’opposizione “moderata” ad Assad esiste solo nei sogni dei vertici della nato e della lega araba.

  2. Sebastiano says:

    “L’Arabia Saudita è stata da poco eletta a capo della Commissione Onu dei diritti umani”

    Bastava questo incipit. Per capire chi è e a cosa serva l’ONU.

    • sebastian contrario says:

      Non a caso, è ottima amica di Israele.

      • Filippo81 says:

        Mica tanto, se non avessero paura del potenziale bellico israeliano i vertici sauditi avrebbero già asfaltato Israele .Sono i vertici occidentali che considerano l’arabia saudita un “fedele e moderato alleato”

      • Rader says:

        Si vede proprio da vicende come questa quanto l’O.NU. sia amica di Israele. e si vede da affermazioni demenziali come quella fatta da uno che rovescia e mistifica la realtà dei fatti come fa con i nickname propri e altrui che “l’O.NU. amica di Israele” poteva venire in mente solo a un paranoico come l’hacker troll multinick islamo-nazista.

  3. dodi says:

    CHE VERGOGNA! ma questa gente ha un minimo di coscienza?tutti organismi che non servono piu’ a nulla.da smantellare…

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Piegano come una moto (a volte pure di più) ma offrono più sicurezza e abitabilità. Con un buon "allestimento" possono essere una valida alternativa all'auto offrendo velocità e agilità da scooter e protezione (anche dei vestiti) da auto. Sono i mezzi a tre ruote, sia scooter sia moto, con sistema di basculamento. Quasi tutti scooter hanno però una guest star. Ecco quali sono e come vanno.

L'articolo Moto e scooter, quando due ruote non bastano. Ecco i migliori tre ruote proviene da RED Live.

I prezzi partono da 24.650 euro, quattro gli allestimenti disponibili

L'articolo Peugeot 2008, arriva il 1.5 BlueHDi con cambio automatico proviene da RED Live.

Per chi vuole qualcosa in più della solita Sport Utility, con l'accento sulla sportività. Farà il suo debutto ufficiale al Salone di Parigi, in ottobre

L'articolo Skoda Karoq Sportline, la SUV che va di fretta proviene da RED Live.

Al debutto l'EAT6 con il BlueHDi da 120 cv, già in regola con la normativa Euro 6.2.

L'articolo Citroën C3 Aircross, il cambio automatico arriva anche sulla Diesel proviene da RED Live.

L’originale tre ruote Piaggio compie 70 anni e li festeggia con un grande raduno a Salsomaggiore Terme. Le iscrizioni sono aperte

L'articolo Euro Ape 2018, dal 21 al 23 settembre 2018. Info e iscrizioni proviene da RED Live.