Google+

Usa, l’intera diocesi di Cheyenne fa causa allo Stato federale per l’Obamacare: «Viola la libertà religiosa»

gennaio 31, 2014 Redazione

La riforma sanitaria voluta da Obama obbligherebbe gli istituti religiosi a fornire ai dipendenti l’assicurazione per aborto e contraccezione. Altri 91 enti in causa

obamacare-riforma-sanitaria-usaLa diocesi di Cheyenne (Wyoming), insieme a diverse scuole e charity, ha fatto causa allo Stato federale che, con l’approvazione della riforma sanitaria definita Obamacare, obbliga molte istituzioni cattoliche a includere nell’assicurazione sanitaria da fornire ai propri dipendenti la copertura per aborto e contraccezione.

LIBERTÀ RELIGIOSA. Secondo la diocesi, l’Obamacare viola il principio costituzionale della libertà religiosa. Il vicario generale della diocesi, Carl Gallinger, ha dichiarato ieri: «È davvero una disgrazia che il governo federale abbia deciso di minare la libertà religiosa. Ed è solo questa che chiediamo con la nostra azione legale, dal momento che tale libertà è garantita dal Primo emendamento».

SI ATTENDE LA CORTE SUPREMA. Noi, ha aggiunto Gallinger, non vogliamo solamente praticare la nostra fede «ma anche contribuire con le nostre azioni al bene comune della società». Non è la prima volta che istituti religiosi, al pari di aziende e associazioni private, fanno causa allo Stato federale per la legge approvata da Barack Obama. Attualmente sono 91 gli enti che, al pari della diocesi di Cheyenne, attendono una parola definitiva da parte della Corte Suprema.
Il vescovo della diocesi, Paul Etienne, è fiducioso: «È inaccettabile dal punto di vista morale che organizzazioni religiose siano costrette a fornire servizi moralmente discutibili».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Riequilibrio says:

    L’Obamacare è un’ altra espressione di totalitarismo relativista.

  2. Cornacchia says:

    CRA! CRA! CRA! Rispondete alle mie domande o vi becco! CRA! CRA! CRA!

  3. malta says:

    speriamo arrivi presto il midterm così la schizofrenia ippf e lgbt subiranno una rallentata, anche in europa

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download