Google+

Usa, l’intera diocesi di Cheyenne fa causa allo Stato federale per l’Obamacare: «Viola la libertà religiosa»

gennaio 31, 2014 Redazione

La riforma sanitaria voluta da Obama obbligherebbe gli istituti religiosi a fornire ai dipendenti l’assicurazione per aborto e contraccezione. Altri 91 enti in causa

obamacare-riforma-sanitaria-usaLa diocesi di Cheyenne (Wyoming), insieme a diverse scuole e charity, ha fatto causa allo Stato federale che, con l’approvazione della riforma sanitaria definita Obamacare, obbliga molte istituzioni cattoliche a includere nell’assicurazione sanitaria da fornire ai propri dipendenti la copertura per aborto e contraccezione.

LIBERTÀ RELIGIOSA. Secondo la diocesi, l’Obamacare viola il principio costituzionale della libertà religiosa. Il vicario generale della diocesi, Carl Gallinger, ha dichiarato ieri: «È davvero una disgrazia che il governo federale abbia deciso di minare la libertà religiosa. Ed è solo questa che chiediamo con la nostra azione legale, dal momento che tale libertà è garantita dal Primo emendamento».

SI ATTENDE LA CORTE SUPREMA. Noi, ha aggiunto Gallinger, non vogliamo solamente praticare la nostra fede «ma anche contribuire con le nostre azioni al bene comune della società». Non è la prima volta che istituti religiosi, al pari di aziende e associazioni private, fanno causa allo Stato federale per la legge approvata da Barack Obama. Attualmente sono 91 gli enti che, al pari della diocesi di Cheyenne, attendono una parola definitiva da parte della Corte Suprema.
Il vescovo della diocesi, Paul Etienne, è fiducioso: «È inaccettabile dal punto di vista morale che organizzazioni religiose siano costrette a fornire servizi moralmente discutibili».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Riequilibrio scrive:

    L’Obamacare è un’ altra espressione di totalitarismo relativista.

  2. Cornacchia scrive:

    CRA! CRA! CRA! Rispondete alle mie domande o vi becco! CRA! CRA! CRA!

  3. malta scrive:

    speriamo arrivi presto il midterm così la schizofrenia ippf e lgbt subiranno una rallentata, anche in europa

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana