Google+

Uno Stato che lega le mani ai cittadini può fare più danni del terremoto

giugno 9, 2012 Luigi Amicone

Dal ddl anticorruzione al decreto che imporrebbe una nuova normativa antisismica per gli stabilimenti nelle zone colpite dal sisma. Due misure che darebbero in pasto alla crisi quel poco che resta della nostra economia

Dal ddl anticorruzione alla normativa antisismica per gli stabilimenti che impone una serie di procedure prima di rimettere in moto le linee di produzione nelle zone terremotate dell’Emilia. Ecco un paio di misure con cui il governo dei “tecnici” potrebbe aiutare la crisi a mangiarsi quel poco che rimane del tessuto economico italiano e garantire più legalità in astratto nel mentre che certifica una prospettiva di recessione e disoccupazione concreta. Quanto alla misura per impedire “raccomandazioni” e “favori” illegittimi, lo sappiamo, è figlia di una sottocultura dei talk-show manipulitisti che parassitano sul lavoro altrui e immaginano un sistema delle relazioni così perfetto che non sarà più necessario vincere commesse all’estero, né avere la libertà di scegliere manodopera e collaboratori. Un sistema così esiste solo nella fantasia concentrazionaria dei burocrati e aggiungerà altro piombo al già appesantito sistema industriale. Quanto al problema delle imprese nelle zone terremotate, specie nel Modenese, dove un ricco e avanzato distretto industriale chiede solo di essere messo nelle condizioni di ripartire, lo ha sollevato per tutti Giovanni Ferrari, presidente di un piccolo colosso della chimica: «I compratori americani e la distribuzione tedesca possono aspettare al massimo un paio di mesi. Poi li perdi. Se il governo ci impone la nuova normativa antisismica ci vorranno mesi di lavori, non possiamo fare aspettare tanto i committenti». Ecco di cosa c’è bisogno nel terremoto e nel resto terremotato della società italiana: più sussidiarietà e meno Stato, via libera alla responsabilità dei cittadini e meno protezione civile, certificazioni prodotte facendo ricorso a tecnici privati e procure lontane dai posti dove si deve pensare a tornare al lavoro, non ai processi per chi ha costruito capannoni dove nessuno poteva immaginare che sarebbero arrivati i terremoti.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. karm2807 scrive:

    In merito al discorso sui processi, le procure e la responsabilizzazione dei privati … le mappe del rischio sismico sono state aggiornate nel 2003, quindi è da quasi 10 anni che si conosce la sismicità di quelle zone.
    Che il terremoto sia la causa ultima dei crolli non ci piove, così come che ci sia stato un notevole (colpevole ?) ritardo nell’adeguamento delle norme alle nuove mappe sismiche. Però alcuni capannoni sono crollati, altri no … siamo sicuri che in tutti tutti i casi si tratti solo di un un problema di norme inadeguate e non ci siano state omissioni ? sono morte delle persone.

    cosa intende con “meno protezione civile” ?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana