Google+

Uno Stato che lega le mani ai cittadini può fare più danni del terremoto

giugno 9, 2012 Luigi Amicone

Dal ddl anticorruzione al decreto che imporrebbe una nuova normativa antisismica per gli stabilimenti nelle zone colpite dal sisma. Due misure che darebbero in pasto alla crisi quel poco che resta della nostra economia

Dal ddl anticorruzione alla normativa antisismica per gli stabilimenti che impone una serie di procedure prima di rimettere in moto le linee di produzione nelle zone terremotate dell’Emilia. Ecco un paio di misure con cui il governo dei “tecnici” potrebbe aiutare la crisi a mangiarsi quel poco che rimane del tessuto economico italiano e garantire più legalità in astratto nel mentre che certifica una prospettiva di recessione e disoccupazione concreta. Quanto alla misura per impedire “raccomandazioni” e “favori” illegittimi, lo sappiamo, è figlia di una sottocultura dei talk-show manipulitisti che parassitano sul lavoro altrui e immaginano un sistema delle relazioni così perfetto che non sarà più necessario vincere commesse all’estero, né avere la libertà di scegliere manodopera e collaboratori. Un sistema così esiste solo nella fantasia concentrazionaria dei burocrati e aggiungerà altro piombo al già appesantito sistema industriale. Quanto al problema delle imprese nelle zone terremotate, specie nel Modenese, dove un ricco e avanzato distretto industriale chiede solo di essere messo nelle condizioni di ripartire, lo ha sollevato per tutti Giovanni Ferrari, presidente di un piccolo colosso della chimica: «I compratori americani e la distribuzione tedesca possono aspettare al massimo un paio di mesi. Poi li perdi. Se il governo ci impone la nuova normativa antisismica ci vorranno mesi di lavori, non possiamo fare aspettare tanto i committenti». Ecco di cosa c’è bisogno nel terremoto e nel resto terremotato della società italiana: più sussidiarietà e meno Stato, via libera alla responsabilità dei cittadini e meno protezione civile, certificazioni prodotte facendo ricorso a tecnici privati e procure lontane dai posti dove si deve pensare a tornare al lavoro, non ai processi per chi ha costruito capannoni dove nessuno poteva immaginare che sarebbero arrivati i terremoti.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. karm2807 says:

    In merito al discorso sui processi, le procure e la responsabilizzazione dei privati … le mappe del rischio sismico sono state aggiornate nel 2003, quindi è da quasi 10 anni che si conosce la sismicità di quelle zone.
    Che il terremoto sia la causa ultima dei crolli non ci piove, così come che ci sia stato un notevole (colpevole ?) ritardo nell’adeguamento delle norme alle nuove mappe sismiche. Però alcuni capannoni sono crollati, altri no … siamo sicuri che in tutti tutti i casi si tratti solo di un un problema di norme inadeguate e non ci siano state omissioni ? sono morte delle persone.

    cosa intende con “meno protezione civile” ?

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi