Google+

Un’altra estate con Silvio “Crono” a sgranocchiare nemici e figli

agosto 29, 2017 Pietrangelo Buttafuoco

Tutti finiti male i delfini di Berlusconi: da Pierferdinando Casini, smarrito nei passaggi di triangolazione dell’area moderata fino ad Angelino Alfano

Berlusconi ansa

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – L’apparizione post-beauty di Silvio Berlusconi – l’epifania agostana dopo il tonificante soggiorno di dimagrimento – lo conferma inossidabile e, per dirla con Filippo Ceccarelli, post-umano.

C’è uno smalto speciale nella mistura mitico-politica del Cavaliere. Non ce n’è uno vivo tra quelli che ne pregustavano la sparizione dalla scena.

Il suo primo sfidante alle elezioni – quelle della discesa in campo – è quasi disperso nelle nebbie della mnemonica archivistica: nientemeno che Achille Occhetto. Una presenza ambita nei seminari universitari più che nei talk tivù o nella vivacità del dibattito giornalistico.

Peggio ancora la sorte dei suoi figli, elettorali e quelli di partito. Tutti finiti male i delfini di Berlusconi: da Pierferdinando Casini, smarrito nei passaggi di triangolazione dell’area moderata fino ad Angelino Alfano che adesso sta a sinistra, ma che comunque si piazza secondo – non essendogli riuscito di essere secondo a zio Silvio – nella gara tra i politici più invisi all’opinione pubblica di centro-destra.

Nella gara del precipizio Alfano arriva dopo Gianfranco Fini, a suo tempo additato dagli ottimati quale salvatore della patria presentabile, e se è vero che sarà Antonio Tajani il candidato premier nelle future elezioni nazionali, significa che nel frattempo tanti se ne sono scesi dal podio degli eredi riconosciuti da Berlusconi per un istante e dopo mai più. Per esempio c’è Giovanni Toti, costretto perfino a dimagrire, o Stefano Parisi – adesso leader di Energie – fino alla scorsa estate frullato in un’impossibile opera di ricostruzione del centro-destra fino a quando Silvio, simile a Crono, non ne ha sgranocchiato le prime fatiche cercando altrove un ipotetico altro giammai arrivato.

Non dunque un successore, tra tanti figli generati in politica, il Cavaliere è mai riuscito ad avere. Piuttosto un erede. E l’ha avuto Berlusconi. È Matteo Renzi. Ma come gli altri, più degli altri. È già stato inghiottito e sputacchiato. Renzi, infatti, se ne va. Silvio, come al solito, resta.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

Sino a pochi anni fa parlare di auto a guida autonoma era credibile quanto prevedere lo sbarco degli alieni sulla Terra o aderire alla religione dei pastafariani che, per inciso, credono in un creatore sovrannaturale somigliante agli spaghetti con le polpette. Questo almeno sino a ieri, dato che oggi, con l’immissione sul mercato delle prime […]

L'articolo Guida autonoma: quanto ne sai? proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download