Google+

Torna Berlusconi. E Repubblica riattacca il disco

luglio 19, 2012 Francesco Amicone

A una settimana dall’annuncio di Berlusconi di volersi ricandidare, Repubblica interrompe «l’astinenza» e lancia i suoi strali appoggiandosi ai magistrati. Anche se nega.

Se lo scrive anche lei, Liana Milella, storica giornalista di Repubblica, non ci sono dubbi. La procura di Palermo ha convocato Silvio Berlusconi a testimoniare per il processo Dell’Utri ben due giorni prima che si (ri)candidasse. Non si tratta di una convocazione a orologeria, quindi. Sarà, sta di fatto che l’articolo di Milella è utile a ricordarci qualcos’altro: mercoledì 17 luglio “qualcuno” ha riportato indietro l’orologio di Repubblica. Di una settimana: il tempo che è passato da quando Berlusconi ha annunciato la propria candidatura. Soltanto quando esce la notizia di una “convocazione come teste”, il 17 luglio, Repubblica mette Berlusconi nel titolone di prima pagina, riempiendo gli spazi lasciati vuoti per giorni con editoriali velenosi sul Cavaliere. Forse perché non conviene parlare di Berlusconi se prima non è invischiato in qualche nuovo processo?

Della puntualità del quotidiano di Ezio Mauro non si può dubitare. Sembra proprio un ritorno al passato: appena arriva Berlusconi si rispolvera il collaudato canovaccio. Con una novità. La ricandidatura dell’ex presidente del Consiglio, seguita alla convocazione a Palermo da parte dei magistrati, ha offerto a Repubblica il destro per svicolare dalla pesante questione “intercettazioni al Quirinale”, che grava da qualche settimana su Repubblica. L’antiberlusconismo sembra un ottimo modo per risanare la spaccatura fra Eugenio Scalfari e la linea editoriale del giornale da lui fondato.

I problemi per Repubblica sono due: come continuare a sostenere i pm di Palermo nel processo sulla trattativa Stato-Mafia senza urtare il Quirinale, tirato in ballo dai magistrati ma difeso strenuamente da Scalfari, e come evitare il passo falso sulle intercettazioni. Dopo l’editoriale di Scalfari dell’8 luglio, in cui accusava la Procura di Palermo di «illecito», il quotidiano si è disarmato e ha assunto un atteggiamento più soft, a tratti pilatesco, nei confronti della vicenda che ha coinvolto il capo dello Stato. E mercoledì 17 luglio, dopo che Giorgio Napolitano ha sollevato il conflitto di attribuzione contro i pm di Palermo, Ezio Mauro ha dovuto trovare il modo di uscire dalle secche in cui il suo giornale si è incagliato. Ecco la soluzione: spiegare le vele all’antiberlusconismo, richiamando all’attenti i suoi giornalisti. Ed ecco udirsi «il passo oracolare di una veneranda sibilla», Barbara Spinelli, come descritto oggi in terza pagina sul Foglio dal suo punzecchiante editorialista.

«Nella riflessione di Barbara Spinelli è contenuto lo spettro completo della demonologia cara a Repubblica», afferma Il Foglio. «In superficie affiora – non certo per la prima volta – la convinzione che l’Italia abbia sospeso invano la democrazia, e che ora quella stessa democrazia elettorale attenda ghignante di vendicarsi al prossimo volgere di clessidra. Con il volto del Cav. […] Ma al fondo di questo incubo, mentre Lady Spread danza invasata sulle disillusioni dei repubblicones, traspare anche la presenza limacciosa di una fascinazione. Una fascinazione stanca ma vivida nei confronti dell’incubo berlusconiano. Come fosse la dipendenza da uno stupefacente politico, mai surrogato a sufficienza dacché il Cav ha dovuto lasciare Palazzo Chigi. La fissazione non sempre è peggio della malattia, a volte serve a curare l’astinenza».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana