Google+

Toccafondi (Pdl): «I mercati crollano? La sinistra dovrebbe fare mea culpa»

novembre 10, 2011 Redazione

Gabriele Toccafondi, parlamentare del Pdl, esclude ogni possibilità di governo tecnico e sull’andamento dei mercati dichiara: «L’instabilità politica manda in fibrillazione i mercati. La sinistra ha voluto le dimissioni di Berlusconi e ora non ha una alternativa politica. Con il maxi emendamento che approveremo ci dimostriamo più responsabili di loro»

«Berlusconi e Napolitano hanno parlato chiaro. Le dimissioni ci saranno e si aprono così due scenari: o un governo di larghissima maggioranza per fare alcune cose significative oppure elezioni. Per rispetto del voto degli italiani, i papocchi non sono ammissibili». Gabriele Toccafondi, parlamentare del Pdl, esclude con Tempi.it la possibilità di governi tecnici e sul pessimo andamento dei mercati dice: «La Borsa va male quando la politica è incerta e non riesce a rispondere ai problemi. La sinistra ha voluto a tutti i costi le dimissioni di Berlusconi, le chiede da anni, ora le ha ottenute ma non ha un’alternativa. Dovrebbe fare mea culpa».

Berlusconi ha annunciato che si dimetterà dopo l’approvazione di un maxi emendamento alla legge di stabilità. Ora cosa succederà?
O un governo di larghissima maggioranza per fronteggiare la crisi o nuove elezioni. La sinistra ha iniziato a parlare di governicchi, ma non sono possibili se si rispetta il voto degli italiani.

Un governo di larghissima maggioranza composto da chi?

E’ quello che bisogna cercare di capire nelle prossime ore. Onestamente, però, stando alle dichiarazioni fatte dall’Idv di Di Pietro e dall’Udc di Casini, mi sembra molto difficile che si realizzi qualcosa del genere.

E ad eventuali elezioni come si presenterà il Pdl?

Innanzitutto bisogna capire cosa fare con il Terzo polo e i moderati. Sarebbe sensato correre insieme, governiamo già uniti in comuni province e regioni, ma finora allargare il governo all’Udc è stato impossibile, quindi è tutta da vedere. E’ una strada da costruire a livello nazionale, ma i tempi sono stretti perché il voto sarebbe tra gennaio e febbraio.

Non sembra che i mercati abbiano preso molto bene la possibilità di nuove elezioni: lo spread tra Btp e Bund è alle stelle.
La sinistra dovrebbe fare mea culpa. I mercati entrano in fibrillazione quando la politica non sa dare risposte. Sono anni che chiedono solo le dimissioni di Berlusconi e ora che le hanno ottenute non hanno una alternativa politica e chiedono governi tecnici instabili. Questo non fa per nulla bene ai mercati. Poi c’è un problema di contenuti.

Cioè?

Noi con il maxi emendamento applicheremo quello che ci chiede l’Ue, che poi è quello che qualunque governo ragionevole farebbe in un momento di crisi come questo. Però mi chiedo: al nostro posto, Vendola, Di Pietro e Bersani come agirebbero? Avrebbero fatto le manovre correttive di luglio e settembre? Proporrebbero al paese tutto quello che noi abbiamo proposto con la famosa lettera all’Europa? La verità è che il Pd non sarebbe riuscito a fare niente di tutto ciò. La politica non è solo potere, è anche governare e la sinistra non è in grado.

Le dimissioni di Berlusconi rappresentano un fallimento?

Si tratta di prendere atto della realtà. Ieri alla Camera sono arrivati 308 voti a favore, e sono numeri ben diversi da quelli che gli italiani ci avevano consegnato a inizio legislatura. Sono troppo pochi e Berlusconi ne ha preso atto, dicendo che per andare a votare è disposto a fare un passo indietro. La sinistra invece ha solo detto che Berlusconi se ne doveva andare, salvo chiedere adesso governicchi. Direi che a dimostrare responsabilità, più che loro, siamo stati noi.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. paolo delfini scrive:

    ERA SINCERAMENTE ASSURDO PENSARE CHE BASTASSERO LE DIMISSIONI DI BERLUSCONI PER CALMARE LE ACQUE DEI MERCATI RELATIVI ALL’ITALIA,PENSO PERO’ CHE SAREBBE IMPORTANTE CHE NOI ITALIANI COMINCIASSIMO AD ACQUISIRE MAGGIORE COSCIENZA NAZIONALE E A CERCARE DI CAPIRE COSA E CHI C’E’ DIETRO A QUESTO VERO E PROPRIO ATTACCO AL NOSTRO PAESE.SE L’ITALIA NON FACESSE PARTE DELLA NATO LA FRANCIA E GLI ANGLOSASSONI
    AVREBBERO MANDATO I LORO BOMBARDIERI PER STANARE QUEL TIRANNO DEL NOSTRO PREMIER,FINO A IERI LORO AMICO? SINCERAMENTE SONO STUFO DI VEDERE L’ITALIA DOVER LUSTRARE GLI STIVALI AI GOVERNI DI QUESTI FALSI AMICI COME SARKOZY MERKEL OBAMA O CAMERON,CORDIALI SALUTI PAOLO

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana