Google+

Tiraboschi (Adapt): altro che #lasvoltabuona, il contratto unico di Renzi è solo un turbo contratto a termine

marzo 14, 2014 Matteo Rigamonti

Intervista al giuslavorista: «Le misure sul lavoro del governo contraddicono la filosofia del Jobs Act di Renzi. Non influiranno sul precariato e rischiano di essere bocciate dall’Europa»

Non è vero che «è #lasvoltabuona», come ha twittato Matteo Renzi in vista del Consiglio dei ministri di mercoledì 12 marzo. Almeno non lo è per il mercato del lavoro. Secondo Michele Tiraboschi, direttore del centro studi internazionali e comparati Adapt-Marco Biagi, le roboanti promesse del presidente del Consiglio, indubbiamente lanciate «con abilità comunicative mai viste», una volta “filtrate” dal governo, non hanno avuto l’esito sperato. Come ha scritto il giuslavorista in un suo recente editoriale: «Doveva essere la svolta del contratto unico a tempo indeterminato, ma così non è stato. Il Governo ha approvato il suo esatto contrario con una sostanziale liberalizzazione del contratto di lavoro a termine che già oggi copre il 60 per cento degli avviamenti al lavoro». Una impostazione che «nel breve periodo è senza dubbio utile per riattivare il mercato del lavoro», ma che tuttavia «si pone in piena contraddizione, nel medio e lungo periodo, con la filosofia più volte annunciata nel Jobs Act di sostegno al lavoro di qualità e alla lotta al precariato». Gli abbiamo chiesto di spiegarci perché.

Professore, da tempo le imprese si attendevano una semplificazione dell’apprendistato. C’è stata?
Sì, pochissimi giorni fa. Ma a farla non è stato Renzi. Il pacchetto di misure sul lavoro del governo Letta, infatti, aveva già previsto una robusta semplificazione dell’apprendistato la cui realizzazione è stata affidata alla Conferenza Stato-Regioni. Ora, invece, l’intervento più drastico pensato da Renzi e non concordato con le Regioni, che rimangono pur sempre le dirette interessate della normativa in questione, corre il rischio di essere bocciato dall’Europa.

Come mai?
La decisione di abolire l’obbligo della formazione pubblica delegandola in toto all’azienda privata potrebbe essere giudicata dalla Corte di giustizia europea come un aiuto di Stato. Proprio come è già accaduto con il contratto di formazione e lavoro, infatti, all’aiuto dello Stato concesso all’impresa non corrisponderebbe più alcun obbligo di formazione pubblica, ma solo il suo impegno ad arrangiarsi a formare il giovane come meglio ritiene di farlo. Oltretutto, esponendo l’apprendistato alla concorrenza di altre forme contrattuali fiscalmente più “convenienti” come lo stage e i contratti a progetto che metterebbero l’apprendistato, per così dire, “fuori gioco”, a tutto svantaggio del lavoratore.

Come giudica la svolta sul contratto a termine?
Capisco la logica che sottende la decisione di estendere la acausalità del contratto a termine dagli attuali 12 fino a 36 mesi, per di più senza obbligo di pause forzate nel caso di proroghe, ma non condivido la soluzione adottata. La logica, infatti, è quella di consentire ai datori di lavoro di assumere chi vogliono senza che siano costretti a “sposare a vita” il loro dipendente, perché l’articolo 18 impedisce loro i licenziamenti senza giusta causa. Ma Renzi aggredisce l’articolo 18 dal lato sbagliato. Meglio sarebbe stato mettere mano a una seria riforma del tempo indeterminato. Così, invece, si incentiva ulteriormente il ricorso al contratto a termine, che già oggi copre il 60 per cento degli avviamenti al lavoro. Oltretutto, anche questa novità presenta potenziali profili di contrasto con la normativa europea che impone precisi limiti alla reiterazione dei contratti a termine. In Italia se ne potrà far firmare quanti si vuole alla medesima persona, anche 20, in Europa solo 7.

Il fatto che in azienda i contratti a termine non possono superare il 20 per cento dei dipendenti non rappresenta un deterrente sufficiente contro gli abusi?
Per nulla, perché ci sono settori, come la manifattura, dove la percentuale dei lavoratori con contratto a termine è pari circa al 4-5 per cento, e dove pertanto quel tetto è come se non ci fosse; ma ce ne sono anche altri, come per esempio il turismo che è evidentemente contraddistinto dalla stagionalità, dove la percentuale è addirittura vicina al 50 per cento e il limite al 20 potrebbe essere un ulteriore ostacolo a creare occupazione.

Cosa pensa della decisione di estendere la “garanzia giovani” da 25 a 29 anni?
Questa è una misura indubbiamente positiva perché consente di aiutare concretamente quei giovani che non riescono a trovare lavoro proponendo loro un’offerta formativa e sostenendoli nella ricerca grazie ai centri per l’impiego. Prima, infatti, il limite di età era pari a 25 anni, un’età in cui spesso uno nemmeno lavora semplicemente perché sta ancora studiando, mentre la fascia di età più critica è proprio quella compresa tra i 25 e i 29 anni.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

5 Commenti

  1. francesco taddei scrive:

    scusi Professore ma due pariline sulle fesserie della commissione?

  2. Leo scrive:

    Ma come si crea lavoro?? E come far ripartire i consumi? A mio giudizio non basta precarizzare a vita l’essere umano..non si vendono piu case, macchine..dietro quelle 2 cose c’e un indotto che sta morendo e Renzekel pensa ad aumentare i contratti a termine? Ci vuole un contratto a tempo indeterminato unico per far ripartire i consumi.e poi..se non abbassi il costo del lavoro come porti investimenti in Italia? ? Aa giusto. .aspettano il famigerato Semestre italiano al parlamento europeo…la Grecia lo presiede da 3 mesi e ancora i greci muiono di Fame..sono tutti venduti al diavolo!

  3. Leo scrive:

    Ma come si crea lavoro?? E come far ripartire i consumi? A mio giudizio non basta precarizzare a vita l’essere umano..non si vendono piu case, macchine..dietro quelle 2 cose c’e un indotto che sta morendo e Renzekel pensa ad aumentare i contratti a termine? Ci vuole un contratto a tempo indeterminato unico per far ripartire i consumi.e poi..se non abbassi il costo del lavoro come porti investimenti in Italia? ? Aa giusto. .aspettano il famigerato Semestre italiano al parlamento europeo!

  4. Leo scrive:

    Ma come si crea lavoro?? E come far ripartire i consumi? A mio giudizio non basta precarizzare a vita l’essere umano.non si vendono piu case, macchine.dietro quelle 2 cose c’e un indotto che sta morendo e Renzekel pensa ad aumentare i contratti a termine? Ci vuole un contratto a tempo indeterminato unico per far ripartire i consumi.poi,se non abbassi il costo del lavoro come porti investimenti in Italia?Aa giusto,aspettano il famigerato Semestre italiano al parlamento europeo!

  5. Leo scrive:

    Ma come si crea lavoro?A mio giudizio non basta precarizzare a vita l’essere umano.non si vendono piu case, macchine.dietro quelle 2 cose c’e un indotto che sta morendo e Renzekel pensa ad aumentare i contratti a termine? Ci vuole un contratto a tempo indeterminato unico per far ripartire i consumi.poi,se non abbassi il costo del lavoro come porti investimenti in Italia?Aa giusto,aspettano il famigerato Semestre italiano al parlamento europeo!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana