Google+

Sudan, parla Meriam: «Ho dovuto partorire con le gambe incatenate. Per questo mia figlia è nata disabile»

luglio 1, 2014 Redazione

La donna cristiana condannata a morte per apostasia in Sudan e poi scagionata intervistata dalla Cnn: «In carcere mi insultavano, sono davvero infelice»

meriam-bbc-sudan-cristiani«Poiché sono stata costretta a partorire in catene, mia figlia è disabile». È la drammatica dichiarazione rilasciata oggi da Meriam Yahya Ibrahim alla Cnn. La donna cristiana di 27 anni condannata a morte per apostasia e adulterio, poi scagionata in appello, e attualmente all’ambasciata americana a Khartoum in attesa del passaporto sudanese, è stata costretta a partorire in carcere la sua seconda figlia, Maya.

«MIA FIGLIA È DISABILE». «Non ero ammanettata ma incatenata per le gambe. Non riuscivo ad aprire le gambe e così le donne mi hanno dovuta alzare dal tavolo. Non ho partorito stesa sul tavolo e mia figlia ha qualcosa», ha aggiunto la donna di 27 anni riferendosi a una possibile disabilità fisica della figlia. «Non so se in futuro avrà bisogno di un sostegno per camminare».

times-meriam-sudan-home«SONO SEMPRE STATA CRISTIANA». Meriam è stata accusata dal “fratello”, che lei non riconosce, di essersi convertita dall’islam, reato punibile secondo la sharia con la morte, «ma io sono sempre stata cristiana. Non avrei potuto essere musulmana». Quando ho sentito la sentenza di condanna a morte, «ho solo pensato a mio figlio [Martin] e a come avrei fatto a partorire. Ero davvero spaventata dal parto in prigione».

INSULTI IN CELLA. La donna parla di come le altre compagne di cella musulmane la offendevano e degli imam venivano mandati per convincerla ad abiurare il cristianesimo. «Le donne in prigione mi dicevano di tutto e mi schernivano: “Non mangiare il cibo degli infedeli”. Anche gli agenti del carcere si univano e mi insultavano».

meriam-sudan-passaporto«SONO DAVVERO INFELICE». Ora Meriam è in attesa dei documenti per lasciare il Sudan per gli Stati Uniti insieme al marito Daniel Wani, ma gli avvocati non li hanno ancora ottenuti. Senza contare che il “fratello” ha aperto una nuova causa per chiedere che venga riconosciuta la loro parentela. «Onestamente, sono davvero infelice. Ho lasciato la prigione per mettere insieme i miei figli e sistemarmi ma mi sono ritrovata di nuovo in prigione e ora protestano contro di me nelle strade».

«SEMPRE UN NUOVO PROBLEMA». Rigettando l’accusa di aver falsificato i documenti («sono stati approvati dall’ambasciatore del Sud Sudan e avevo diritto ad usarli perché mio marito è del Sud Sudan»), Meriam si dice esausta: «Non riesco neanche a decidermi su cosa fare adesso. Vorrei andarmene e allo stesso tempo non vorrei. Ma lo stato in cui mi ritrovo è sintomo del fatto che sono costretta ad andarmene. Ogni giorno sorge un nuovo problema sulla mia partenza».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

8 Commenti

  1. Milla says:

    ma non e’ possibile!
    e la sua bambinapoverina?
    Signore fa’ qcsa!

  2. Valeria says:

    Spero che riesca ad andarsene; poi si potrebbe organizzare una raccolta fondi mondiale per aiutarla con le spese mediche per la bambina.

  3. Raffaella says:

    Povera donna… detto questo: il parto distesa sul tavolo è un pò una “mania” in Africa, non è detto che sia il meglio per il bimbo, anzi spesso è il contrario. Sarebbe bene che la bimba fosse vista da un neonatologo, che possa valutare gli eventuali danni.

  4. filomema says:

    Ma questa disabilità chi l’ha certificata? Tra l’altro l’articolo neanche spiega di cosa si tratta. Mi sembra quantomeno altrettanto grave che Meriam abbia partorito da sola e legata, di questo non si è preoccupato nessuno. Cerchiamo di aiutarla ad andarsene da quel Paese infame dove è nata e si trova compresa la sua famiglia di origine, il cui fratello l’ha denunciata per compiacere un dogma religioso. Se mai riuscirà a trasferirsi in Occidente si renderà subito conto che la qualità di vita nei Paesi laici è decisamente migliore.

    • EquesFidus says:

      Che sfrontata, eh, Filomena? Se solo si fosse convertita all’Islam tutto ciò non sarebbe accaduto; e ora che verrà qua, in questo Occidente falso e decadente che piange lacrime di coccodrillo per lei ma che se ne frega altamente delle altre migliaia di cristiani che, ogni giorno, vengono uccisi per la loro fede (“che imbecilli ‘sti cristiani, si convertissero all’Islam si salverebbero la vita, anzi avrebbero dei privilegi”, non è vero, Filomena?) se dovesse osare non riconoscere la supremazia e la superiorità etica, morale, sociale, civile, religiosa (o anti-religiosa) via di nuovo a casa! Che sfrontati, questi cristiani: per il solo fatto di esistere (e di credere in dogmi), nonché di protestare contro il marciume ateo-massonico imperante, devono stare zitti. O riconoscere la superiorità dello Stato laicista. Anche se magari vorrebbero solo stare in pace e proclamare la loro fede senza aver paura di punizioni da parte del prossimo, cosa che la povera Meriam non potrà fare neppure qua.

      • filomena says:

        Ma cosa sta dicendo? Da noi esiste la libertà di culto. Nessuno vieterà ne’ a lei ne a nessuno di pregare il Dio che vuole, ma allo stesso tempo non sarà costretta a seguire alcun dogma se non lo desidera. Nella maggior parte degli Stati europei (purtroppo non in Italia) la religione viene lasciata nell’ambito del privato. Lo spazio pubblico che è di tutti è aconfessionale, laico.

        • EquesFidus says:

          E fanno male, infatti. Molto male. Anche perché continua (da brava laicista) a confondere libertà di culto, laicità ed aconfessionalità: le do un indizio, nessuna delle tre cose è un sinonimo dell’altra.

  5. Corrado says:

    La violenza ed il sopruso fanno orrore a chiunque, di qualsiasi religione; questo rifiuto e’ nelle nostre coscienze. Una religione che si impone con la violenza non ha futuro e’ destinata a scomparire

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.

A Mandello del Lario sono attesi migliaia di appassionati del marchio, per un lungo weekend a base di divertimento, test e grandi anteprime

L'articolo Moto Guzzi Open House, 7-9 settembre 2018 proviene da RED Live.

Dettagli scuri e connettività Android Auto ed Apple CarPlay per la piccola del Leone un po' speciale

L'articolo Peugeot 208 Black Line, edizione limitata in salsa dark proviene da RED Live.