Google+

Strage di bambini in Yemen. «L’Onu tocca il fondo e capitola davanti all’Arabia Saudita»

giugno 7, 2016 Leone Grotti

Nel 2015 l’esercito saudita ha ucciso almeno 510 bambini in Yemen. Dopo le pressioni degli sceicchi, però, l’Onu ha rimosso Riyad dalla lista nera dei paesi violatori dei diritti dei bambini

L’anno scorso in Yemen almeno 1.953 bambini sono stati uccisi o feriti a causa della guerra cominciata nel marzo 2015 tra Arabia Saudita e ribelli sciiti Houthi. Le bombe saudite sono responsabili del 60 per cento dei casi, avendo ucciso 510 bambini e feriti altri 667. Senza contare che sono imputabili a Riyad anche gli attacchi a una cinquantina tra scuole e ospedali. Non c’è da stupirsi, dunque, se il 2 giugno l’Onu ha criticato aspramente il regime islamico inserendolo nella lista nera dei violatori dei diritti dei bambini.

«RIMOZIONE IRREVERSIBILE». Lunedì però, scorrendo la lista, era impossibile trovare l’Arabia Saudita. Dopo le veementi proteste degli sceicchi, infatti, secondo i quali i numeri dell’Onu sono «ampiamente esagerati, i morti sono decisamente meno», il segretario generale Ban Ki-moon ha deciso di togliere il paese dalla lista e accettato di verificare di nuovo i dati con Riyad. Ma l’ambasciatore saudita all’Onu, Abdallah al-Mouallimi, ha fornito un’altra versione: «La rimozione del nostro paese dalla lista è incondizionata e irreversibile».

GUERRA IN YEMEN. Il caos si è impadronito del poverissimo paese arabo paese fin dall’inizio dell’anno scorso: nel gennaio del 2015 gli Houthi hanno conquistato i principali centri di potere nella capitale Sana’a. I ribelli discesi dal nord del paese, un tempo diviso dal sud, chiedevano da tempo di essere più rappresentati negli organi decisionali. L’assalto, che ha portato alla cacciata del premier e alla fuga del presidente Abdrabuh Mansur Hadi in Arabia Saudita, ha aperto uno scontro tra gli sciiti, le milizie fedeli al presidente e i secessionisti del sud. A marzo l’Arabia Saudita, temendo un nuovo dominio sciita al confine, ha cominciato a bombardare il paese a tappeto per stanare i ribelli, facendo più di 6.000 vittime (la metà civili). Oggi molte parti del paese sono finite in mano a Isis e Al-Qaeda. Dal 10 aprile le parti in conflitto stanno cercando una soluzione politica in Kuwait.

«ONU TOCCA IL FONDO». Philippe Bolopion (Human Rights Watch) ha criticato aspramente la «manipolazione politica» dell’Onu: «Dopo aver dato una simile scappatoia a Israele l’anno scorso, ora l’ufficio del segretario generale ha toccato il fondo capitolando davanti alle sfacciate pressioni dell’Arabia Saudita e togliendo il paese dalla sua lista della vergogna. I bambini dello Yemen meritano di meglio».

SAUDITI DETTANO LEGGE. Non è la prima volta che l’Arabia Saudita dimostra di poter fare il bello e il cattivo tempo a New York e Ginevra. Il regime è un campione indiscusso della violazione di ogni diritto umano, eppure è riuscito a farsi eleggere nel 2016 a capo del Consiglio Onu per i diritti umani. Nel novembre dell’anno scorso, inoltre, è riuscito a far passare una mozione di condanna contro Russia e Iran per il loro intervento in Siria, che favorirebbe Stato islamico e Al-Nusra, quando tutti sanno che Riyad è in primissima fila nel finanziamento del terrorismo islamico jihadista in Siria. Ciliegina sulla torta, ha impedito ripetutamente al coordinatore umanitario delle Nazioni Unite per lo Yemen, Johannes Van Der Klaauw, di indagare i responsabili di 8.800 violazioni dei diritti umani avvenute nel paese arabo da marzo 2015, cioè da quando i sauditi hanno cominciato a bombardare il paese.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Filippo81 says:

    L’onu è ormai un potente freno allo sviluppo socioeconomico e un’ostacolo alla democrazia e ai diritti umani,secondo me va sciolto.

    • Menelik says:

      Su questo punto, la penso esattamente come te.
      E’ solo un ostacolo, va eliminata o drasticamente ridimensionata.
      A proposito, quanto costa sta ONU ?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Una Chevrolet così potente non la si era mai vista. Del resto, mai una Corvette di serie si era spinta tanto in là. La nuova ZR1 promette di scrivere un inedito capitolo della storia della Casa americana. Attesa sul mercato dalla primavera del 2018, la sportiva a stelle e strisce vede il V8 6.2 sovralimentato […]

L'articolo Chevrolet Corvette ZR1 2018: lo show dei record proviene da RED Live.

Il Ciclocross moderno ha poco a che vedere con ciò a cui eravamo abituati: percorsi più tecnici e veloci hanno portato a un cambiamento nelle attitudini dei biker, che devono essere assecondate da biciclette altrettanto evolute. Canyon ha progettato la nuova Inflite CF SLX con in mente proprio queste rinnovate esigenze e l’ha dotata di […]

L'articolo Canyon Inflite CF SLX proviene da RED Live.

Anche se ottima ventilazione, aerazione, visiera amovibile e comfort sono aspetti molto importanti in un casco da bici, la differenza reale la fa la capacità di proteggere… Bontrager ha scelto di affidare la nostra sicurezza alle mani, o meglio, alla tecnologia di MIPS, dotando il nuovo Quantum del MIPS Brain Protection System, che a oggi rappresenta […]

L'articolo Bontrager Quantum MIPS, nuova sicurezza proviene da RED Live.

In questo momento storico, l’immagine che identifica maggiormente la californiana Tesla è quella della dea Shiva che, facendo roteare le otto braccia di cui è dotata, elargisce schiaffi a destra e a manca a tutti i brand concorrenti. Il costruttore americano, parallelamente all’unveiling della straordinaria supercar elettrica Roadster, accreditata di 10.000 Nm di coppia e […]

L'articolo Tesla Semi Truck: il camion elettrico è una belva proviene da RED Live.

L’alternativa alle note Lotus 3-Eleven, KTM X-Bow e Radical SR8 è italiana. E costa (almeno) 200.000 euro. Forte di una lunghissima esperienza nelle competizioni, la parmense Dallara Automobili, specializzata in telai e vetture da pista, ha presentato il primo modello targato della propria storia. Una vettura, non a caso denominata “Stradale”, nata quale barchetta estrema, […]

L'articolo Dallara Stradale: la prima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download