Google+

Storia di padre Giuseppe Girotti, il martire di Dachau che diceva: «Tutto quello che faccio è solo per la carità»

aprile 26, 2014 Redazione

La vicenda del dominicano piemontese che sarà beatificato sabato. Gli aiuti agli ebrei perseguitati, la vita nel campo di concentramento. Morì a Pasqua «con le lampade accese e la letizia dei santi»

padre_giuseppe_girottiSabato pomeriggio le campane del Duomo di Alba suoneranno a festa: nel piccolo comune cuneense è tempo di grandi celebrazioni per la beatificazione di uno dei figli, un giovane sacerdote che da qui se n’è andato nel ’44 per non tornare più, morto nel campo di concentramento di Dachau. Si chiamava Giuseppe Girotti, era un domenicano e nel lager nazista perse la vita nemmeno quarantenne. Era stato internato per  aver dato soccorso ad alcuni ebrei durante gli anni della Seconda Guerra Mondiale. Dichiarato giusto tra le nazioni nel 1995, papa Francesco ne ha autorizzato la beatificazione un anno fa, chiudendo un processo iniziato nel 1988.

GLI STUDI E L’ASSISTENZA. A 13 anni aveva varcato la soglia del Collegio domenicano di Chieri, il 3 agosto 1930 era stato ordinato sacerdote. Studiò teologia tra Gerusalemme e Roma e tornò in Piemonte per insegnare Sacra Scrittura ai dominicani di Santa Maria delle Rose, a Torino. Furono anni che segnarono la sua vocazione e alimentarono la sua fedeltà alla Chiesa e a Dio, spesa anche tra i poveri e gli anziani dell’ospizio cittadino che stava proprio di fronte al suo convento.

GLI AIUTI AGLI EBREI. E fu con questa attenzione al prossimo che si mosse quando scoppiò la Seconda Guerra Mondiale e i regimi fascista e nazista cominciarono la caccia agli ebrei. Come tanti altri sacerdoti, anche padre Giuseppe organizzò una rete di contatti e amicizie con cui aiutare le famiglie più perseguitate, nascondendole o facendole fuggire: «Tutto quello che faccio – disse un giorno al suo Priore – è solo per la carità».
Poco si conosce di questa sua attività, ma di alcuni episodi si sa con certezza i dettagli: fece scappare in Svizzera il nipote del rabbino Deangeli di Roma e offrì aiuto a Salvatore Fubini, avvocato ebreo. Quando il 29 agosto del ’44 un repubblichino si presentò a lui fingendosi un partigiano ferito, padre Giuseppe lo accompagnò da un medico di nascosto e cadde nella trappola tesa contro di lui. Fu arrestato e messo in carcere: da Torino finì e San Vittore, Milano, poi a Bolzano e infine nel campo di concentramento di Dachau.

LA MORTE. Qui fu messo a raccogliere le patate assieme ad altri prigionieri: le mani nude immerse nella terra gelida d’acqua e neve. Sul petto, teneva cucito un triangolo rosso, quello dei detenuti politici. Ogni mattina alle 4, assieme agli altri preti del campo, si ritrovava a dire Messa. «Dobbiamo prepararci a morire, ma serenamente, con le lampade accese e la letizia dei santi», furono le sue parole quando avanzò il rigido inverno tedesco. E più i mesi passavano più le sue condizioni di salute peggioravano, aggravate da freddo, sporcizia e tifo. A fine marzo del ’45 era ormai ridotto a pelle e ossa, fu trasportato in infermeria e qui morì l’1 aprile, giorno di Pasqua. A ucciderlo fu un’iniezione di benzina, pratica usata già altre volte dai nazisti. Il suo corpo non fu bruciato perché all’epoca i forni di Dachau erano già fuori uso, e così padre Giuseppe fu seppellito assieme ad altri 200 cadaveri.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. domenico b. scrive:

    lui ha tenuto acceso la sua lampada, e ore fa luce a noi che non dobbiamo aver paura di essere testimony della Fede

  2. andrea scrive:

    Grazie della segnalazione, è una storia commovente di cui anche Avvenire ne ha parlato. Sono uomini di umanità sconfinata che si conoscono troppo poco.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nel mondo delle supercar c’è grande fermento per l’imminente debutto della Aston Martin Valkyrie e della Mercedes-AMG Project One, “parenti strette” delle vetture da Formula 1. Auto che, però, vuoi per il frazionamento dei propulsori, vuoi per alcune soluzioni telaistiche, non attingono tanto profondamente quanto affermato nei proclami alla tecnologia delle monoposto. Diversamente da quanto […]

L'articolo Ferrari F50: la Formula 1 sono io proviene da RED Live.

Ha riconquistato ciò che un tempo era già suo. La Honda Civic Type R di nuova generazione è tornata al Nürburgring, riprendendosi il record per le vetture a trazione anteriore. Del resto, quello che altri chiamano “l’Inferno verde”, vale a dire la mitica Nordschleife – in tedesco l’anello nord – pista di 20,8 km entrata […]

L'articolo Honda Civic Type R MY17: Regina del Ring proviene da RED Live.

Cittadino, fuoristradista, “agonista”, pratico o “alieno”. Cinque modi d’essere automobilista. Cinque modi d’interpretare SUV e crossover. Ecco 20 modelli che soddisfano ogni gusto e desiderio.

L'articolo SUV e crossover compatte: ecco le migliori 25 proviene da RED Live.

Ebbene sì, è accaduto. Anche il Giaguaro si è spuntato le unghie ed è sceso a compromessi con il downsizing. La rinnovata sportiva F-Type, disponibile in configurazione sia Coupé sia Convertible, verrà dotata di un “piccolo” 4 cilindri 2.0 turbo da 300 cv, destinato ad affiancare i confermati V6 e V8 Supercharged. Turbina twin-scroll Pietra […]

L'articolo Jaguar F-Type 2.0T: la prima volta del 4 cilindri proviene da RED Live.

In mezzo a tante amenità con gli occhi a mandorla, al Salone di Shanghai si possono ammirare anche alcune autentiche perle. Tra queste merita una menzione speciale l’Aston Martin Vantage S Great Britain Edition, una serie speciale tirata in soli cinque esemplari destinati proprio al mercato cinese. Ciascuno sarà venduto a 236.000 sterline, pari a […]

L'articolo Aston Martin Vantage S Great Britain Edition proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana