Google+

Stasera in tv Scusa ma ti voglio sposare, dialoghi e scene d’amore per nostalgici dei fotoromanzi

giugno 1, 2013 Paola D'Antuono

L’ultimo film di Moccia è un tripudio di stereotipi, scene improponibili e un finale degno del miglior Harmony

Su Sky Cinema 1 ore 21.10 è il turno di Scusa ma ti voglio sposare. E quasi quasi ti viene voglia di disdire l’abbonamento. È sabato, fuori piove e la voglia di uscire è poca ma questo film ti scatena l’istinto di uscire e urlare sotto la pioggia: «Noooooo!». Il sequel di Scusa ma ti chiamo amore ritrova i due protagonisti, Michela Quattrociocche e Raul Bova, nei panni dei due fidanzati con vent’anni di differenza che però si amano nonostante tutto. Ma l’amore secondo Moccia non è mica tutto rose e fiori e così ci vuole un altro film per raccontarci gioie e dolori di Niki e Alex (un minuto di silenzio per i nomi).

TROPPO DIFFICILE. Mentre i suoi coetanei si divertono, Niki frequenta l’università ma poi arriva la proposta di matrimonio e lei, urlante come l’avevamo lasciata, accetta. Ma i preparativi del matrimonio non sono divertenti come una serata in discoteca, tanto che Niki decide di fuggire verso la calda Ibiza con un corteggiatore coetaneo. Ma state tranquilli, non tornerà incinta di un altro, anzi il finale regalerà punte che nemmeno l’Harmony negli anni ruggenti. Ma prima di arrivare alla degna conclusione, si passa attraverso un mare di stereotipi, dialoghi improponibili, universitari e pubblicitari che non sono mai esistiti e scene d’amore che fanno rimpiangere i fotoromanzi di Cioè.

LATO POSITIVO. Ma anche scorrendo queste sequenze si possono trovare almeno tre note positive: la prima è che Federico Moccia da allora (2010) non è più tornato dietro la macchina da presa, la seconda è che non c’è stato un terzo episodio della saga dell’amore a tutti costi. La terza? Qualsiasi storia adolescenziale al confronto sembrerà la nuova Via col vento. Lasciate stare il buon Raul e la bella Micaela e fatevi due risate con Lino Banfi e L’allenatore nel pallone su Iris alle 21.00

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.