Google+

«Sono un soldato islamico». L’Fbi pubblica le parole di Mateen senza la censura di Obama

giugno 22, 2016 Redazione

Il presidente degli Stati Uniti aveva chiesto che per lo stragista di Orlando non si parlasse di «islam radicale» ma solo di «estremismo»

omar-mateen-orlando-strage-ansa-ap-HOME

Barack Obama l’aveva detto: parlare di «islam radicale» non è una «strategia» e siccome «non c’è nessuna confusione su chi siano i nostri nemici», continuerò a parlare degli attentati dei terroristi islamici senza citare la parola “islam”. Ecco perché domenica il dipartimento di Giustizia ha annunciato che l’Fbi avrebbe diffuso le telefonate tra l’autore della strage al club gay di Orlando, Omar Mateen, e il 911 togliendo però ogni eventuale riferimento all’islam, allo Stato islamico o al suo leader Al-Baghdadi.

LO SCOPO DELLA CENSURA. L’obiettivo, ha elaborato il procuratore generale Loretta Lynch, è «non amplificare la propaganda di questo uomo» diffondendo i suoi «giuramenti di fedeltà a gruppi terroristici». L’intento è senza dubbio sensato, ma negli Stati Uniti è sempre più diffusa l’opinione che negare la realtà, omettendo alcuni dettagli mirati, non servirà a vincere la battaglia contro il terrorismo di matrice islamica.

VERSIONE INTEGRALE. La notizia ha sollevato un putiferio tale, che l’Fbi è tornato sui suoi passi e ha pubblicato le telefonate integrali. Mateen afferma di essere un «soldato islamico», ringrazia Allah e Maometto («Lode ad Allah, che le preghiere e la pace siano con il Profeta di Allah») e dedica il suo gesto al Califfato e alla sua gloria. Parole che fanno apparire la definizione della strage di Orlando da parte di Obama quanto meno lacunosa: «Si tratta di estremismo cresciuto entro i confini nazionali». Nella trascrizione integrale fornita ai media, però, non sono comunque state inserite le parole in arabo pronunciate da Mateen, come «Allahu akbar», ma solo una traduzione in inglese.

IL PRECEDENTE. Come scrive Breitbart, media della galassia repubblicana, non è la prima volta che l’Amministrazione Obama modifica una trascrizione. Quando nel 2014 Obama annunciò la liberazione del sergente americano Bowe Bergdahl, tenuto in cattività in Afghanistan per quasi cinque anni e scambiato con cinque jihadisti talebani detenuti a Guantanamo, fece parlare brevemente anche i genitori. Il padre, munito di una barba vistosa, all’inizio del suo intervento disse: «Bismillah al-Rahman al-Rahim», ovvero: «Nel nome di Allah, il più magnanimo, il più misericordioso». La Casa Bianca nella trascrizione ha censurato solo questa invocazione contenuta nel Corano, senza spiegare perché.

Foto Ansa/Ap

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. Toni scrive:

    Accipicchia che problema che hanno, non possono sostenere che il califfato è manovrato dal Vaticano. Se fosse stato possibile il simpatico ed inutile presidente americano avrebbe allargato oltre “i confini nazionali” la responsabilità dello stragismo in un battibaleno.

  2. Filippo81 scrive:

    E’ gia tanto che obama e i suoi non abbiano ordinato alla stampa di parlare di strage “fascista”,senza tirare in ballo l’islam fondamentalista.

  3. Menelik scrive:

    Poi si stupiscono del massiccio consenso che prende Trump.
    Ma si può essere più cretini di così?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana