Google+

Siria, fatwa salafita: i ribelli possono stuprare le donne cristiane e alawite, «non quelle sunnite»

aprile 5, 2013 Leone Grotti

Yasir al-Ajlawni, sheikh salafita, ha affermato che non è contrario ai precetti dell’islam stuprare «qualunque donna siriana non sunnita».

I ribelli siriani possono stuprare le donne, basta che non siano sunnite: è il contenuto di una fatwa diffusa ieri su Youtube ed emessa da Yasir al-Ajlawni. Per lo sheikh salafita, di origine giordana residente a Damasco, i ribelli possono stuprare «qualunque donna siriana non sunnita»: catturare e violentare donne alawite o cristiane non sarebbe dunque contrario ai precetti dell’Islam.

CRISTIANI IN FUGA DA ALEPPO. La notizia arriva insieme a quella della conquista di Cheikh Maksoud, quartiere di Aleppo, da parte dei ribelli, che combattono da oltre due anni contro il regime di Bashar Al-Assad. «Quel quartiere» riferisce il missionario padre David Fernandez a Fides, «si trova su una collina che domina Aleppo e rappresenta un settore strategico per chi vuole puntare a conquistare la zona centrale della città, dove ci sono anche i palazzi del governo. Mi dicono che già molte strade del centro sono state chiuse e non ci può passare più nessuno, perché dai palazzi i franchi tiratori sparano su tutto quello che si muove».

STUPRI E OMICIDI. Cheikh Maksoud è un quartiere tradizionalmente cristiano di Aleppo. Negli ultimi giorni più di 300 famiglie cristiane sono fuggite per timore (giustificato) di essere bersagliate dai ribelli: «Almeno 120 cristiani» continua padre David «hanno trovato rifugio nella casa dei fratelli maristi. Ho sentito dire che ci sono stati omicidi e stupri di donne perpetrati ai danni di famiglie che erano collegate all’esercito governativo. Ma le informazioni che arrivano sono tante e a volte contraddittorie, e per il momento non c’è modo di verificarle».

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. ragnar says:

    Quasi quasi mi converto all’islam, visto che permette simili libertá quando viene emessa una fatwa

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Neve, ghiaccio, temperature polari e 26 passi alpini. La terza edizione della 20Quattro Ore delle Alpi, organizzata da Audi, ha incontrato le condizioni giuste per mettere alla prova 5 equipaggi che si sono sfidati a suon di km percorsi e prove speciali ghiacciate sulle nuove RS4. C’eravamo anche noi

L'articolo 20Quattro Ore delle Alpi Audi. C’ero anch’io proviene da RED Live.

Presentata per la prima volta nel 2007, la Peugeot 308 ha subito un restyling nel giugno 2017. Dal punto di vista meccanico la novità preponderante era stata la sostituzione del cambio automatico a 6 rapporti in favore di un nuovo 8 rapporti. Un cambio più evoluto sviluppato dalla giapponese Aisin capace di rubare sulla bilancia […]

L'articolo Peugeot 308: aggiornamenti a 8 rapporti proviene da RED Live.

Più dinamica - non solo nel look - e tecnologica. Per sfidare a testa alta le rivali più pericolose del segmento. La nuova Kia Ceed è pronta per sfilare sulla passerella del Salone di Ginevra 2018

L'articolo Nuova Kia Ceed, senza apostrofo ma con più stile proviene da RED Live.

La 2ª edizione del circuito organizzato da Bosch eBike Systems, con il supporto di Trek, coinvolgerà 5 Paesi europei. I percorsi sono adatti sia agli amatori sia ai professionisti. Il via dal Bike Festival di Riva del Garda a fine aprile

L'articolo Bosch eMTB-Challenge – Da aprile a settembre – Info e iscrizioni proviene da RED Live.

Marchio di fabbrica tanto quanto l’acciaio e i baffi di Tom, la grafica con i tre colori sfumati della bandiera americana ha segnato un’epoca, soprattutto nel mondo delle ruote grasse.  Era da tempo che i fan di Ritchey chiedevano di metterla di nuovo a catalogo e alla fine hanno raggiunto lo scopo, anche se in realtà […]

L'articolo Ritchey Road Logic Heritage, acciaio per pochi proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi