Google+

Shalit, Reibman: «E’ sempre un dilemma ma Israele non abbandona i suoi»

ottobre 19, 2011 Leone Grotti

Il portavoce della comunità ebraica di Milano, Yasha Reibman, spiega a Tempi.it perché Israele è disposta a scambiare più di mille uomini per un solo soldato: «Negli ultimi 30 anni gli israeliani hanno scarcerato 7 mila detenuti palestinesi per liberare 19 soldati prigionieri e riavere 4 salme. Senza contare che Shalit è un semplice caporale»

Gilad Shalit, soldato israeliano rapito nel 2006 da Hamas, è libero, sta bene e ha riabbracciato ieri la sua famiglia in Israele. In cambio, Tel Aviv ha liberato 1.027 detenuti palestinesi, tra i quali molti attentatori, assassini e terroristi. «La logica non è nuova» spiega a Tempi.it Yasha Reibman, portavoce della comunità ebraica milanese. «Israele ha sempre cercato di seguire la tradizione di non abbandonare mai i suoi soldati».

Certo che il numero mille per uno, stupisce.
Ci sono sempre stati scambi con proporzioni incredibili. Negli ultimi 30 anni gli israeliani ne hanno scarcerati 7 mila per liberare 19 soldati prigionieri e per riavere 4 salme. E bisogna pensare che Shalit è un semplice caporale, non un generale o un politico, è un cittadino qualunque. Israele non vuole lasciare nessuno indietro.

Non sono pochi quelli che hanno protestato. Anche il premier Netanyahu, dopo aver espresso la gioia per la liberazione, si è subito rivolto alle famiglie delle persone uccise dai detenuti liberati.
Ogni volta che si prende una scelta del genere, si apre un dilemma: da un lato c’è una vita umana, che ha un valore non calcolabile con la matematica, dall’altro ci sono terroristi e uomini pericolosi per Israele, senza contare il dolore dei parenti delle vittime.

Sono stati fatti diversi tentativi, militari e diplomatici, per liberare Shalit. Come mai le trattative sono andate in porto solo ora?

E’ un mistero, solo il tempo potrà dirci cosa è successo davvero. Israele ci ha sempre provato, in tanti modi, ma non era mai riuscito a portare a termine l’operazione. Ci sono due letture, una pessimista e una ottimista.

Partiamo da quella pessimista.
La prima, dunque, è che fossero costretti. Cioè, il ragionamento potrebbe essere questo: la situazione può a tal punto peggiorare nei prossimi mesi, a causa delle rivoluzoni arabe, e regimi ben più violenti di Hamas possono prendere il potere, che è meglio raggiungere un accordo ora, abbiamo l’ultima opportunità.

E la lettura ottimista?

Shalit è stato liberato perché ci sono dei nuovi spiragli di pace. E’ possibile ma è anche tutta da vedere, perché tanti accordi sono stati presi senza che a questi seguisse un reale cambiamento del clima. Speriamo di essere alle porte di un grande accordo di pace, anche se la strada verso la riconciliazione in Medio Oriente è costellata di speranze ed enormi delusioni.

In tutto questo Abu Mazen e Fatah hanno avuto un ruolo?

Difficile dirlo ma molti sostengono che la liberazione dei 1.027 detenuti sia uno schiaffo ad Abu Mazen, perché tra i liberati non ci sono uomini dell’Olp ma solo di Hamas.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

No, decisamente la Volkswagen non poteva restare a guardare. Il segmento delle B-Suv, vale a dire delle sport utility compatte, vive un momento di grande fermento e successo. La Casa tedesca, che sinora aveva nella Tiguan la proposta più “piccola”, doveva correre ai ripari. Ecco dunque avvicinarsi la presentazione ufficiale, prevista in occasione del Salone […]

L'articolo Volkswagen T-Roc: pronta alla battaglia proviene da RED Live.

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana