Google+

Se l’imperatore europeo non ha più neanche la pietas per “parcere victis”

giugno 15, 2015 Piergiacomo Ghirardini

Se la Grecia esce dall’euro c’è qualcuno disposto a prefigurare uno scenario diverso dall’agosto 2011?

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Angela Merkel è probabilmente l’unico vero statista del continente. È saldissimamente al governo di una delle più avanzate economie manifatturiere del pianeta e di un paese profondamente civile, con un federalismo funzionante, un invidiabile sistema di welfare, probabilmente il miglior mercato del lavoro – dove risultano tuttora centrali il diritto, la continuità e i contenuti educativi e professionali. La vita pubblica non è esente da errori ma non ammette errori. Angela Merkel è seria, i tedeschi sono seri.

La Germania esprime un tale grado di egemonia che il «gemello rivale», con cui ha tragicamente codeterminato il corso della storia europea, la Francia, ha deciso di sottrarsi ormai sistematicamente al confronto, beneficiando di uno stato di apparente neutralità che Carl von Clausewitz qualificherebbe come il «livello base» della guerra: l’«osservazione armata». Quanto questa drôle de guerre sia al limite di ben altre possibili escalation si incarica di rammentarcelo il ministro delle finanze Wolfgang Schäuble, con periodici perentori inviti alla Francia a tagliare servizi pubblici e a comprimere i diritti del lavoro – certo, rispediti al mittente con un orgoglio nazionale che pochi si possono permettere. In questo tit for tat, se la Merkel rende imperscrutabile l’«intenzione ostile», Schäuble non fa mistero del suo «sentimento ostile», il secondo termine della bipolarità clausewitziana.

All’estremo opposto è la Grecia: su quasi 11 milioni di abitanti, 2,5 vivono sotto la soglia di povertà e 3,8 ne sono a rischio, ultima nella classifica dei nuovi vinti, seguita da Spagna, Italia eccetera.

Ciò che è in gioco nei prossimi giorni non è la Grexit o la resa di Alexis Tsipras, ma la sostenibilità futura di un gioco che ha consentito alla Germania (e a ristrette oligarchie transnazionali) di trasformare la crisi dei debiti sovrani in un lucroso gioco a somma zero. Se la Grecia esce dall’euro c’è qualcuno disposto a prefigurare uno scenario diverso dall’agosto 2011? Quanto ci metteranno i mercati a tornare a speculare irreparabilmente contro i paesi del Sud Europa (Francia compresa)?

L’impero romano, profondamente malvagio, proclamava il buon senso di risparmiare i vinti per placarne il risentimento. O torna un senso di pietas in Europa o è un affar serio.


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana