Google+

Scambio embrioni, chi sono i genitori? Il legale del Pertini fa chiarezza: «Il parto è apparenza. La genetica è verità» (eh?!)

aprile 18, 2014 Redazione

Il giurista dell’università di Roma Tre, avvocato dell’ospedale dove è avvenuto l’incidente, non ha dubbi: «I gemelli non sono della gestante, lo dice la legge 40»

I figli sono della coppia che li ha concepiti o di quella che li ha fatti nascere? È questo il grande interrogativo che domina il dibattito suscitato dalla scoperta dello scambio di embrioni avvenuto accidentalmente nel dicembre scorso all’ospedale Pertini di Roma. Attualmente una donna si trova in grembo due gemellini concepiti dai gameti di un’altra coppia, e si è detta intenzionata a tenerli dopo il parto. Ma se la coppia che li ha concepiti pretendesse di farseli assegnare, cosa succederebbe?

LO STATO GIURIDICO DEL NATO. Fin qui la maggioranza dei giuristi interpellati dai giornali ha accreditato la tesi secondo la quale i bambini appartengano a chi li partorisce. Tuttavia oggi dalle colonne del Corriere della Sera si mette di traverso Vincenzo Zeno-Zencovich, ordinario di Diritto comparato all’università di Roma Tre e soprattutto legale del Pertini, che invece è certissimo della tesi contraria: i figli non sono della gestante, e ad attestarlo sarebbero – ironia della sorte – gli articoli 6 e 8 della legge 40 sulla fecondazione assistita, «laddove si parla di stato giuridico del nato, la parte che non è stata dichiarata incostituzionale dall’ultima sentenza della Consulta» (sentenza che ha spianato la strada alla fecondazione eterologa in Italia).

IL CONSENSO ALL’IMPIANTO. «I nati della procreazione medicalmente assistita hanno lo stato di figli legittimi della coppia che ha espresso la volontà di ricorrere alle tecniche e che ha dato il consenso per ricevere attraverso l’impianto i propri embrioni», spiega Zeno-Zencovich a Margherita De Bac. Dunque i gemellini «non sono figli della madre gestante perché manca il presupposto del consenso all’impianto di embrioni non propri», mentre «esiste la prova che attesta l’impiego, per l’impianto, di materiale genetico estraneo».

ACCORDO IMPOSSIBILE. Insomma, secondo il legale del Pertini con la fecondazione assistita la madre in Italia non è più “semper certa”, non è più la donna che mette alla luce il bambino: «Il parto è apparenza. La genetica è verità. E la verità è che quei figli non sono stati concepiti dalla donna che li partorisce», dice Zeno-Zencovich. E neanche un eventuale accordo tra le coppie risolverebbe la situazione: «Avrei dei dubbi sul fatto che un accordo privatistico possa essere valido e che un pubblico ministero non intervenga. (…) È una prospettiva che per un giurista non sussiste».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

26 Commenti

  1. domenico b. scrive:

    Se il nato, giuridicamente, è figlio della coppia che lo ha concepito e non di chi lo ha partorito, significa che l’embrione, giuridicamente, ha già uno status di essere umano…bella confusione, tutte queste ideologie si accartocciano sulle loro stesse contraddizioni

  2. Fabio scrive:

    La visione laicista considera le persone alla stregua degli animali di allevamento: i bambini sono cagnolini da acquistare per soddisfare la voglia di affettività dei loro padroni.
    E’ evidente in sé che non è moralmente accettabile nessuna fecondazione omologa o eterologa semplicemente perché ogni persona ha diritto di venire al mondo in modo umano.
    Gli esseri umani infatti sono soggetti non oggetti (da poter concepire in laboratorio in una provetta), sono fini non mezzi…
    E’ evidente inoltre che la Costituzione Italiana è stata completamente stravolta poiché la fecondazione artificiale sottintende una mercificazione dell’essere umano.
    Mi domando con S. Agostino, a questo punto, «che cosa distingue lo Stato da un’associazione a delinquere ben organizzata?»

    • Menelik scrive:

      Eh…bella domanda.
      Aborto in ogni caso, basta richiederlo, droga libera per tutti negli smart shops, bambini acquistati come cagnolini, indottrinamento a scuola col pretesto della lotta al bullismo omofobico (un caso ogni tot centinaia di bullismo), ecc…ecc……
      C’è da stupirsene? L’Occidente è nelle mani delle lobby massoniche, dunque in quei casi “associazione a delinquere ben organizzata” è una definizione che ci sta tutta.

  3. ldg scrive:

    Che bel caos…. mi spiace per i gemelli ma questa storia serve proprio a capire che con la natura non si scherza e che le leggi umane a confronto sono ben poca cosa

    • filomena scrive:

      Vorresti dire che la natura è perfetta? Se fosse così non servirebbe correggerla.

      • ldg scrive:

        Dio ha dato all’uomo il potere sul suo creato. Ne chiederà conto come ai servi nella parabola dei talenti.

      • Paolo scrive:

        Quindi vorresti dire che ‘correggendola’ la natura diventa perfetta?

      • Simone scrive:

        @Filomena. Ma chi sei per “correggere” la natura? E pensi che sia bene “correggere” la natura? Verso dove?
        Sei delirante Filomena. A volte mi fai sorriddere così piena di certezze incerte, a volte mi fai paura.

  4. Diamante scrive:

    Biologicamente sono tutti e tre genitori, sia i datori dei gameti serviti per formare l’embrione, sia la donna il cui corpo e le cui sostanze vitali permetteranno all’embrione di diventare un bambino. L’embrione da solo non sarebbe approdato a nulla. Non è neppure detto che impiantato nell’utero della donna che ha dato l’ovulo per la sua formazione, sarebbe attecchito. Giuridicamente, secondo me in questo caso si dovrebbe applicare la regola dell’accessione, anche se appartiene ai diritti reali, si adatta a questo caso, le piante seminate in un terreno altrui, sono acquistate dal proprietario del terreno. Quindi il bambino quando ci sarà, sarà della coppia o quanto meno della donna che ha prestato il suo corpo per farlo formare, mentre il marito di lei lo dovrà adottare.

    • giovanna scrive:

      Toglimi una curiosità, Diamante, sei parente di Filomena o sei Filomena sdoppiata, come usa tra voi simil-troll ?
      La stessa freddezza glaciale, la stessa mancanza di sentimenti e di alcun tipo di empatia, lo stesso modo di porsi mascolino, ma di un maschio del tutto anaffettivo, la stessa impressione che parli un robot programmato !
      La mancanza di umanità è il risultato più evidente di questa gente imbottita di ideologia.
      ( si parlava di bambini, non di cose, né di alberi ! )

      • Diamante scrive:

        Non capisco cosa ci sia di trollesco o di “ideologico”nel non vedere persone o bambini dove ancora non ci sono. Mi sembra solo aderenza ai fatti. E quella delle piante era solo una analogia.

        • Giannino Stoppani scrive:

          Stabilire arbitrariamente, ovvero senza alcun fondamento scientifico, l’età biologica a partire dalla quale un bambino c’è e prima non c’era, è ideologico e anche parecchio nazistoide, che ti piaccia o no.
          E se lo ripeti cento volte cambiando pure nickname diventa pure “trollesco”.
          Sarà forse il caso che di questa evidenza tu te ne faccia una ragione.

  5. Giannino Stoppani scrive:

    Tutto questo pastrocchio all’italiana mi ricorda vagamente il cuculo, che fa l’uovo nel nido degli altri.

  6. filomena scrive:

    La tua indignazione deriva dal fatto che non prendi neanche in considerazione che la persona non può essere paragonata a una potenziale persona cioè l’embrione.

    • Giannino Stoppani scrive:

      Stabilire un confine arbitrario tra la persona e la non persona è da criminali.
      Punto.
      Anche perché qualcuno si potrebbe svegliare domani con la convinzione che i neri o gli ebrei o gli omosessuali non sono esseri umani e pertanto li si può far fuori nelle camere a gas.
      Ma se invece che studiare la storia vi rollate la propaganda…

      • filomena scrive:

        La mia osservazione non deriva dal fatto di essermi svegliata una mattina….ma è oggettiva. Tu hai mai visto di persona un neonato prematuro alla 24 esima settimana? Io per motivi professionali si. La legge dice che in questi casi il neonato va rianimato anche se le possibilità di sopravvivenza sono bassissime e per tanto giustamente in rispetto della legge lo si fa sempre. Questo lo dico per evitare ogni tipo di polemica sulla comportamento da adottare. Di fatto però da un punto di vista morale ma anche soprattutto oggettivo, ti assicuro che il neonato ha ben poco di umano sia per quanto riguarda la clinica che evidenzia un certo grado di immaturità di molti organi vitali spesso incompatibile con la vita, sia riguardo alle sembianze umane. Stiamo parlando di un esserino di 15 cm che sta on una mano anche se dal punto di vista affettivo per i genitori rappresenta la loro idea ed aspettativa di figlio. Questa caro Giannino è la realtà.

        • Giannino Stoppani scrive:

          Oggettiva un paio di balle!

          • Giannino Stoppani scrive:

            P.S.: vale la pena solo aggiungere che, ovviamente, in quell’esserino c’è molta più umanità di quella che potrai mai dimostrare tu in tutta la tua miserabile esistenza.

        • Fran'cesco scrive:

          Filomena, noi anni fa abbiamo perso 2 gemelli piu’ o meno a quell’eta’. Per noi non erano prorpio un’idea, erano moooolto di piu’. E non sai che sofferenza nel sapere che non potevamo nemmeno seppellirli…
          Buona Pasqua comunque.

          • filomena scrive:

            Rispondo solo a te perché non mi piace l’aggressività e la maleducazione di Giannino. Mi rendo perfettamente conto che per i genitori é un grande dolore e infatti ne ho accennato anche sopra. Io però in questo contesto cercavo di dare una visione esterna non legata all’esperienza personale di genitore che va sempre rispettata. Ti posso garantire che per quanto si cerchi di comprendere il dolore dei genitori, é opinione comune in questi casi tra gli operatori augurarsi di non trovarsi mai a dover essere rianimare neonati così prematuri perché significa solo prolungare le sofferenze dei genitori che sperano sempre che tutto si risolva, ma purtroppo non é così. Mi dispiace comunque per ciò che hai vissuto.

            • Giannino Stoppani scrive:

              Aggressività e maleducazione un altro paio di balle!
              La verità è che non sei, anzi, non siete minimamente in grado di argomentare alcunché di decentemente oggettivo, ciononostante pretendete di sottomettere la vita umana, (specie quella altrui s’intende!) al vostro arbitrio fondato sulla menzogna, sull’ignoranza e il disprezzo totale per l’essere umano.
              Stessa cosa, pari pari, succedeva ad Auschwitz, ma con molta meno ipocrisia di quella che ostenti te.
              Hai voglia di fare la vittima!
              E non rispondere, che è meglio!

              • filomena scrive:

                Non c’è problema, ribadire alle tue esternazioni non serve, ti squalifichi da solo…

                • Giannino Stoppani scrive:

                  Ecco, abbiamo trasmesso Adolf Hitler Filomena che dal Bunker inveisce contro il destino cinico e baro…
                  Eppure, bisognerà che qualcuno ve lo spieghi, una volta o l’altra, che il ruolo della vittima della supposta maleducazione altrui, ahimè, è un tantino incompatibile con quello del superuomo che pretende, dall’alto della sua ariana genia o della sua inarrivabile esperienza professionale (PRRRRRRRT!), di decidere in modo sommamente arbitrario cos’è umano e cosa non lo è, ovvero, meglio, di decidere con criteri soggettivi grossolanamente fondati sulla menzogna e la disinformazione, chi è degno di vivere e chi non lo è!

                  • filomena scrive:

                    Hai dimenticato:fine delle trasmissioni. Il ruolo di signorina buonasera ti calza a pennello ma devi applicati di più

                    • Giannino Stoppani scrive:

                      Eh sì, deve essere proprio dura vivere con l’umanità e l’intelletto di un frigorifero eppure dover obbedire all’impulso irrefrenabile di avere per forza l’ultima parola.

  7. Nino scrive:

    La situazione è complessa perchè non regolamentata dalla legge, da uomo della strada io ritengo (opinione personale) che la madre sia quella che porta in grembo il bambino e lo mette al mondo. Sul padre … mi verrebbe da dire che il padre è quello che ha accettato che la moglie (o la compagna) accedesse alla fecondazione assistita e quindi un processo che, per una serie di eventi, ha portato a questo evento … ma mi rendo conto che è una posizione molto più opinabile. Visto che la legge 40 è stata di fatto rfesa molto monca, sarebbe il caso di riscriverla tenendo conto delle varie sentenze della corte costituzionale regolamentando anche questi casi. Anche se poi certe cose non dovrebbero accadere

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana