Google+

Prestiti alle Pmi giù del 5 per cento. Se non fosse per il Pil, si brinderebbe

ottobre 17, 2012 Massimo Giardina

Bankitalia ha diffuso nell’ultimo bollettino il dato sui prestiti alle imprese: -5 per cento. Il dato è negativo, ma se il Pil fosse con segno più, per la notizia si stapperebbe lo champagne.

Cattive notizie da Bankitalia. I prestiti alle Pmi sono diminuiti del 5 per cento nel periodo intercorso tra i mesi di agosto 2011 e 2012. La notizia non è buona se si rileva che il costo medio dei prestiti per la clientela è sceso dal 3,7 al 3,3 per cento.
Perché tanta negatività? Per il semplice fatto che i prestiti di breve periodo sono strettamente correlati ai fatturati realizzati dalle imprese che per finanziarsi fanno uso di quelle operazioni bancarie cosiddette “autoliquindanti”, ovvero legate a anticipazioni dei crediti delle società nei confronti dei loro clienti che trovano documentazione nelle fatture emesse. In sostanza meno prestiti, meno fatture, meno ricavi che a livello nazionale significa meno Pil.

SE L’ECONOMIA FOSSE IN CRESCITA. La notizia dell’abbassamento della quota dei prestiti avrebbe invece altro significato se accompagnata da una fase positiva del Pil. Un dato siffatto indicherebbe la capacità delle Pmi di autofinanziare e autosostenere il proprio ciclo economico di breve periodo cioè la possibilità per le imprese per pagare gli stipendi e i fornitori senza transitare dal sistema bancario. Questa è la vera anomalia delle imprese italiane e soprattutto per le Pmi al centro della crisi degli ultimi anni: un esagerato accesso al credito di natura onerosa con diverse conseguenze. Primo fra tutti il fatto che l’accesso al credito costa e lede i già risicati utili delle società laddove esistano. Secondo il fatto che si fa dipendere il flusso finanziario passivo dalle disponibilità del sistema bancario, in modo da vincolare i pagamenti ai dipendenti, fornitori e erario a due fattori: fatture emesse e mondo del credito.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.