Google+

Prestiti alle Pmi giù del 5 per cento. Se non fosse per il Pil, si brinderebbe

ottobre 17, 2012 Massimo Giardina

Bankitalia ha diffuso nell’ultimo bollettino il dato sui prestiti alle imprese: -5 per cento. Il dato è negativo, ma se il Pil fosse con segno più, per la notizia si stapperebbe lo champagne.

Cattive notizie da Bankitalia. I prestiti alle Pmi sono diminuiti del 5 per cento nel periodo intercorso tra i mesi di agosto 2011 e 2012. La notizia non è buona se si rileva che il costo medio dei prestiti per la clientela è sceso dal 3,7 al 3,3 per cento.
Perché tanta negatività? Per il semplice fatto che i prestiti di breve periodo sono strettamente correlati ai fatturati realizzati dalle imprese che per finanziarsi fanno uso di quelle operazioni bancarie cosiddette “autoliquindanti”, ovvero legate a anticipazioni dei crediti delle società nei confronti dei loro clienti che trovano documentazione nelle fatture emesse. In sostanza meno prestiti, meno fatture, meno ricavi che a livello nazionale significa meno Pil.

SE L’ECONOMIA FOSSE IN CRESCITA. La notizia dell’abbassamento della quota dei prestiti avrebbe invece altro significato se accompagnata da una fase positiva del Pil. Un dato siffatto indicherebbe la capacità delle Pmi di autofinanziare e autosostenere il proprio ciclo economico di breve periodo cioè la possibilità per le imprese per pagare gli stipendi e i fornitori senza transitare dal sistema bancario. Questa è la vera anomalia delle imprese italiane e soprattutto per le Pmi al centro della crisi degli ultimi anni: un esagerato accesso al credito di natura onerosa con diverse conseguenze. Primo fra tutti il fatto che l’accesso al credito costa e lede i già risicati utili delle società laddove esistano. Secondo il fatto che si fa dipendere il flusso finanziario passivo dalle disponibilità del sistema bancario, in modo da vincolare i pagamenti ai dipendenti, fornitori e erario a due fattori: fatture emesse e mondo del credito.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download