Google+

Piemonte. I giudici annullano le elezioni regionali del 2010 a causa di due liste farlocche. Cosa succederà ora?

febbraio 12, 2014 Redazione

Il Consiglio di Stato colpisce «la scelta di milioni di cittadini» denuncia Cota. Le elezioni si faranno a maggio probabilmente. Possibili candidati: Sergio Chiamparino (Pd) e Guido Crosetto (Fratelli d’Italia).

I magistrati hanno deciso: il Piemonte deve tornare al voto. Lo ha decretato il Consiglio di Stato respingendo il ricorso del governatore leghista Roberto Cota contro la sentenza del Tar che annullava l’elezione regionale del 2010. Le motivazioni usciranno entro due settimane. Alla base della decisione che annulla il voto democratico espresso dai cittadini piemontesi, la presenza nelle due coalizioni di centrodestra e di centrosinistra di due liste che erano riuscite a presentarsi alle urne grazie ad alcune firme false.

LA LISTA FARLOCCA DELLA BRESSO. «Giustizia è stata fatta», esulta il legale di Mercedes Bresso (Pd), Gian Luigi Pellegrino. «La democrazia in Piemonte – ha sostenuto l’avvocato della candidata sconfitta nel 2010 da Cota – era stata incredibilmente ferita ingannando gli elettori con una lista farlocca dove nemmeno i candidati avevano mai accettato di essere candidati a sostegno del centrodestra». Quello che il legale di Bresso omette di dire, ha notato il portavoce dei 5 Stelle in Regione Piemonte, Davide Bono, è che le elezioni sarebbero state truccate «non solo per la lista Pensionati per Cota ma anche per la lista Pensionati e invalidi per Bresso». Bresso, che per anni si è lamentata della presunta ingiustizia subita, era stata sostenuta a sua volta da una lista che aveva taroccato le firme dei suoi sostenitori, come aveva già confermato il Tar nella precedente sentenza.

COTA AVREBBE VINTO LO STESSO. «Annullare le elezioni vuol dire colpire la scelta di milioni di cittadini, quindi il bene più prezioso che esiste in democrazia» ha commentato Cota a seguito della decisione dei giudici. «Rifletta chi ha reso possibile questo scempio sulla colpa di cui si è macchiato». Al governatore del Piemonte il quale aveva ricordato ai magistrati che anche la lista “Pensionati e invalidi” che sosteneva la Bresso era illegittima, il Tar aveva risposto che «l’assommarsi di liste illegittime, anche se collocate su fronti contrapposti della competizione elettorale, giammai attenua, ma al più aggrava l’effetto di alterazione della corretta espressione del voto». I magistrati non hanno fatto passi indietro nemmeno quando la difesa di Cota ha dimostrato che il centrodestra avrebbe vinto le elezioni del 2010 con migliaia di voti di scarto anche senza il sostegno di quella lista incriminata che né Cota né i cittadini piemontesi sapevano fosse illegittima.

E ORA? Probabilmente il Piemonte andrà al voto con l’europee di maggio. Tra i possibili candidati alla successione di Cota c’è l’ex sindaco Sergio Chiamparino, uno dei pochi della vecchia guardia comunista che, grazie a un’antica simpatia con Matteo Renzi, è sopravvissuto all’ondata di rottamazione portata dal segretario Pd. Chiamparino, da poco dimessosi dalla presidenza della Compagnia di San Paolo, ha salutato con gioia il risultato sancito dai giudici sulla battaglia contro l’esito delle regionali 2010: «Sono contento come cittadino: che vinca il centrodestra o il centrosinistra, tra pochi mesi il Piemonte tornerà ad avere certezze». «Ho già detto di essere disponibile a candidarmi – ha aggiunto – e, se il Pd lo deciderà, anche a fare le primarie, a condizione che siano vere».

CHI CORRE PER IL CENTRODESTRA? Per il neo-segretario della Lega Nord, Matteo Salvini, la vicenda giuridica che porta il Piemonte alle elezioni anticipate è frutto delle azioni dei poteri forti: «Non hanno digerito i 30 milioni di euro di taglio annuo ai costi della politica regionale e il ripianamento dei buchi della sanità», alcuni dei quali nascosti dalla precedente giunta di centrosinistra, ha spiegato Salvini. Ora, ha aggiunto, «andiamo a testa alta a provare a rivincere contro la Torino snob, la Torino delle banche». Il problema che dovrà affrontare il segretario della Lega è però quale candidato proporre in una ipotetica coalizione di centrodestra – di nuovo Cota? – , il solo modo per riuscire a concorrere con Chiamparino. Per ora l’unico ad essersi dichiarato pronto a candidarsi contro l’ex sindaco di Torino è l’esponente di Fratelli d’Italia, Guido Crosetto (foto a sinistra, insieme a Giorgia Meloni). Non si esclude che per decidere si ricorra – sarebbe la prima volta per il centrodestra – alle primarie.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. ragnar scrive:

    Ci aspetta un plurimandato di Chiampa… il buco della sanità piemontese passerà da 13 a 20 miliardi. Nuove tasse in arrivo, nuovi tagli, nuovi aumenti… nonché nuove clientele da sfamare.
    Non che Cota abbia fatto bene (tutt’altro), ma forse si stava meglio quando si stava peggio.

  2. beppe scrive:

    in piazza a protestare non si dovrebbero vedere solo i soliti leghisti ma tutti quelli che si sentono derubati del loro voto da questa decisione allucinante. ma si sa quando c’è da azzoppare la lega anche gli amici si danno da fare. vergogna.

  3. Sasso Luigi scrive:

    E c’è ancora chi crede che la magistratura ed i tribunali non fanno politica!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana