Google+

Perché dobbiamo sperare in un successo di Macron

settembre 8, 2017 Giuliano Ferrara

Incombe un settembre complicato, con il lavoro da riformare e la sinistra del bolivariano Mélenchon che fa la voce grossa in una materia incandescente, in sintonia con i lepenisti

macron-ansa

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Il problema dell’Europa è sempre lo stesso: la carne troppo grassa della Germania (la definizione è di Jean Genet, quando il poeta difendeva i terroristi negli anni Settanta) e l’incostanza irritabile dei francesi. Emmanuel Macron, che è la rivoluzione sulla base di una minoranza elettorale di partenza del 24 per cento e con le idee e i progetti di una esigua minoranza liberale ed europeista che ha sempre suscitato diffidenza e astio nell’Esagono, ha una caduta di popolarità dopo il breve stato di grazia seguito alla sua spericolata elezione. Secondo l’Economist, a parte qualche errore come il licenziamento frettoloso di un generale ciarliero ma popolare e il tentativo di introdurre uno statuto da Première Dame per Brigitte Trogneux, la consorte, Macron paga il blocco dei salari del settore pubblico, una decontribuzione che tocca le pensioni e una defiscalizzazione che premia fra l’altro le grandi ricchezze. Ha vinto perché nessun francese, l’esprit commerçant insegna, voleva che gli si toccasse il portafogli in euro, ma i portafogli degli altri, specie se pesanti, non attraggono simpatie sociali, anche quando la ratio del riassesto di bilancio fondato sul contenimento della spesa e non su un inasprimento delle imposte si vede a occhio nudo.

Incombe un settembre complicato, con il codice del lavoro da riformare, i sindacati all’erta nonostante un ciclo di trattative accurato e gestito con meticolosità del governo di Edouard Philippe, e la sinistra anticasta del bolivariano, chavista e maduriano Mélenchon che fa la voce grossa in una materia incandescente, in sintonia con una destra lepenista colpita ma non affondata dall’insuccesso di Marine. La sempre più probabile affermazione della cara Angela a Berlino dovrebbe essere un fattore di stabilità e di equilibrio, in un clima di ripresa che sembrerebbe strutturale, ma senza una Francia in cui un potere autorevole e decisionista spinga per una vera modernizzazione pro mercato, con le caule di uno Stato forte e interventista, tutto diventerebbe più disagevole e l’asse di una ripresa duratura e innovatrice sarebbe scompaginato, malgrado la penosa debolezza di Londra nel negoziato sulla Brexit, ora che il Labour ha scelto di battersi comunque per preservare i legami del mercato unico.

È vero che l’opposizione politica e parlamentare a Parigi è in briciole, e resistono solo le estreme che hanno un esteso diritto di tribuna ma non di più, visto che gaullisti e socialisti sono alla frutta e la ricomposizione di quelle famiglie politiche deve scontare probabili conflitti devastanti e altre scissioni. È anche vero che Macron ha azzeccato il punto con l’idea di una presidenza che cerca di fare molto e parlare poco, sopra tutto con la stampa querula e malfidata, affida al ruolo di sicurezza e di politica estera del presidente il grosso dell’aura di popolarità che di fronte a successi strategici i francesi non hanno mai fatto mancare, e sembra in grado di fronteggiare le oscillazioni dei sondaggi meglio di quanto non abbiano fatto qualche anno fa i pettegolezzi e gli immobilismi di un François Hollande senza rotta e senza idee. Resta però il fatto certo che quando la Francia, in specie in un momento di ritrovata ambizione, si mette di malumore, per non dire che s’incendia e si paralizza, all’Europa politica viene a mancare qualcosa di fondamentale.

Non sogni ma solida produttività
Il successo riformatore di Macron, con tutti gli incerti del mestiere e della congiuntura, sarebbe il perno che fa ruotare l’ingranaggio di una globalizzazione liberale forse incapace di far sognare ma certo attrezzata per un nuovo ciclo di benessere e di produttività, dopo le turbolenze degli anni trascorsi e la grande fumata indiana dei gruppi antisistema dovunque in corsa per un ritorno a un incerto passato nazionale. Anche le elezioni italiane, per quanto modeste e in un quadro di modesto ripiegamento rispetto alle ingegnose trovate e alla spinta energetica dello statista di Rignano sull’Arno, saranno influenzate dal giro del perno francese.

Se Macron desse un segno concreto di potercela fare, e di tenere botta di fronte alle controspinte che sempre premono sui tentativi di cambiamento, anche per un paese come il nostro, senza ballottaggio, senza doppi turni elettorali, senza istituzioni decisionali flessibili e capaci di accogliere l’imprevisto e gioviale affermarsi di cose nuove, le cose potrebbero mettersi benone.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ci sono biciclette che sono la Storia del Mountain Biking e la Stumpjumper rientra a pieno titolo fra queste. Nata nel 1981, è stata la Mtb che ha lanciato Specialized in orbita, quella che ha portato Ned Overend all’iride e quella che con il suo telaio in acciaio rosso, mi ha fatto sbavare sulle pagine dei cataloghi […]

L'articolo Specialized Stumpjumper 2018: Trail revolution proviene da RED Live.

Poco ingombrante e facile da aprire la nuova bici a pedalata assistita ha un’autonomia che raggiunge i 70 km. Costa 1.090 euro

L'articolo Askoll eBfolding, l’elettrica che si ripiega proviene da RED Live.

Fervono i preparativi per la 10ª volta del raduno internazionale Ducati, una tre giorni in cui incontrare campioni, partecipare a contest, a corsi di guida e molto altro. Aperta la vendita dei biglietti

L'articolo World Ducati Week, 20-21-22 luglio 2018. Info e biglietti proviene da RED Live.

Trionfare alla Pikes Peak e riportare i riflettori sulla I.D. family, la gamma dei prototipi elettrici che ultimamente tiene banco nello stand Volkswagen durante i tutti principali Saloni. Sono queste le due missioni affidate alla strabiliante supercar I.D. R Pikes Peak, svelata nei giorni scorsi ad Alès, in Francia, città natale del leggendario Jacky Ickx. […]

L'articolo Volkswagen I.D. R Pikes Peak, un fulmine sulla vetta proviene da RED Live.

Non è usuale per Kawasaki variare sul tema a così poca distanza dal lancio di un nuovo modello, ma nel caso della Z900RS ha fatto uno strappo alla regola. La “colpa” è di Norikazu Matsumura – il designer che ha concepito la modern classic di casa Kawa -, che complice anche una certa insistenza della […]

L'articolo Prova Kawasaki Z900RS Cafe proviene da RED Live.