Google+

Pakistan. Terroristi islamici aprono una corte della sharia illegale a Lahore: «Pericolo per i cristiani»

aprile 8, 2016 Leone Grotti

La corte non è riconosciuta dallo Stato pakistano, eppure recapita avvisi di garanzia e preleva a forza gli imputati. «Renderà la vita impossibile alle minoranze»

Khalid Saeed è un pakistano che vive a Lahore, capitale del Punjab, e ha avuto problemi con la giustizia nel 2010. Condannato in tribunale, ha pagato un’ammenda ed è tornato a condurre una vita normale. Ma a gennaio del 2016 ha ricevuto per lo stesso crimine un secondo avviso di garanzia da una seconda corte: la Corte federale della sharia. L’unico problema è che questa corte non dovrebbe esistere, non essendo riconosciuta dallo Stato.

CORTE DELLA SHARIA. Da tre mesi Saeed non esce di casa, perché degli uomini l’hanno chiamato al telefono minacciandolo che se non fosse comparso davanti alla corte il 25 gennaio, sarebbero andati a prelevarlo con la forza al lavoro. Saeed ha informato le autorità e sul suo caso dovrebbe indagare la polizia, che però non può essere raggiunta dall’uomo visto che gli sgherri della corte della sharia si aggirano per le strade su un pick-up.

TERRORISMO ISLAMICO. Ma c’è di peggio. Questa corte illegale è stata fondata da Jamaat-ud-Dawa (Jud), un’organizzazione che nel 2014 è stata definita “terroristica” dagli Stati Uniti. Infatti è stato dimostrato che dietro alle pretese umanitarie del gruppo si nasconde il Lashkar-e-Taiba, molto conosciuto in Pakistan, perché è il gruppo che combatte per la liberazione del Kashmir dalla dominazione indiana (il territorio è conteso) ed è ritenuto responsabile degli attentati di Mumbai del 2008, nei quali morirono 166 persone. Jud vanta anche l’addestramento di mujaheddin, inviati alla guerra per il Kashmir, e la morte di seimila “martiri”.

PERICOLO PER I CRISTIANI. Com’è possibile che un’organizzazione terroristica abbia aperto una corte della sharia che opera alla luce del sole a Lahore, costituendo di fatto uno stato parallelo? La notizia, spiegano fonti della comunità cristiana a tempi.it, è particolarmente preoccupante per i cristiani, che potrebbero essere accusati di blasfemia senza avere neanche diritto a un processo: «Potrebbero prendere gli accusati a forza, portarli davanti ai giudici e poi applicare le sanzioni della sharia, come la decapitazione. Questo tribunale islamico renderà impossibile la vita alle minoranze religiose».

ATTENTATO DI PASQUA. Si tratta dell’ennesima cattiva notizia per i cristiani di Lahore, colpiti a Pasqua nel parco di Gulshan Iqbal da un kamikaze talebano. Un gruppo terroristico ha rivendicato come obiettivo l’uccisione dei cristiani, anche se la maggioranza delle 76 vittime è costituita da musulmani.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. Sebastiano scrive:

    Beh, magari da noi la Boldrini (con il supporto di qualche rivista “cattolica” e di qualche prelato “multiculturale”) potrebbe farci un pensierino.
    Dopotutto, “che male fanno” queste corti? e “cosa tolgono a chi non le usa”?

  2. Rolli Susanna scrive:

    Che male gli avranno mai fatto ‘sti cristiani!!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana