Google+

Pakistan. Per cristiani e musulmani accusati di blasfemia, neanche il carcere è un luogo sicuro

settembre 27, 2014 Leone Grotti

In una settimana un uomo è sfuggito di poco all’assassinio in carcere e un musulmano è stato ucciso per false accuse di blasfemia

pakistan-zafar-bhatti«Vicende come questa, in cui singole persone si fanno “giustizia” da sole, rappresentano un segnale preoccupante». Così l’ex ministro Paul Bhatti ha commentato ad AsiaNews il tentato assassinio in Pakistan del pastore protestante Zafar Bhatti, del quale in un primo momento è stata riportata la morte il 25 settembre scorso nella prigione in cui era rinchiuso dal 2012 per false accuse di blasfemia, poi smentita. Il suo processo è ancora in corso.

MINACCE DI MORTE. Zafar Bhatti, originario di Karachi (foto a sinistra), è stato denunciato nel luglio del 2012 a Rawalpindi per violazione della legge sulla blasfemia da Ahmed Khan, vicesegretario del movimento islamico Jamat Ehl-e-SunnatKhan ha accusato il pastore di avergli mandato messaggi blasfemi sul cellulare insultando la madre di Maometto, reato punibile con la condanna a morte. L’accusa in questi due anni non è mai stata dimostrata. Anzi, il numero da cui sono stati inviati i messaggi incriminati si è rivelato di proprietà di un’altra persona.

“BLASFEMO” SALVO. Un agente di polizia, «ispirato da Dio», la mattina del 25 settembre è entrato nella prigione di Rawalpindi per uccidere i blasfemi e ha cercato di assassinare Mohammad Asghar, scozzese di origini pakistane e malato di mente, condannato a gennaio per la sua pretesa di essere un profeta dell’islam venuto dopo Maometto, è stato colpito da un proiettile alla schiena ma è rimasto miracolosamente illeso.

pakistan-blasfemia-Mohammad-Shakil-AujPROFESSORE LIBERALE. Questo caso segue di appena una settimana l’omicidio a Karachi del decano di Studi islamici presso l’università di Karachi. Mohammad Shakil Auj (foto a destra) aveva 54 anni ed era considerato un professore liberale. Per questo era stato accusato più volte da nemici e colleghi di essere blasfemo. Il professore sosteneva pubblicamente, ad esempio, che una donna musulmana poteva sposare un uomo di un’altra religione e che le donne non dovevano togliersi il rossetto o lo smalto prima di recitare le preghiere rituali. Per questo il 18 settembre un uomo ha affiancato la sua macchina e gli ha sparato un colpo alla testa.

LEGGE SULLA BLASFEMIA. Nella stragrande maggioranza dei casi la legge sulla blasfemia viene utilizzata in modo strumentale per vendette personali o ragioni economiche: gli accusati, infatti, sono spesso costretti ad abbandonare le loro proprietà, che vengono rilevate per due soldi o addirittura sequestrate dagli accusatori. Ne è prova il fatto che oltre il 95 per cento di queste accuse si rivelano in sede giudiziaria false e infondate.
Ma nonostante questo non c’è scampo per chi viene accusato di blasfemia: cristiani e musulmani sono stati uccisi mentre entravano in tribunale per il processo, perché per i gruppi fanatici islamici non c’è giustizia umana che possa contraddire quella divina. Questo è il motivo per cui sempre più spesso gli imputati non assistono ai dibattimenti in aula e, anche quando vengono assolti, sono costretti a lasciare il paese per sempre. Purtroppo, come i casi dell’ultima settimana dimostrano, gli accusati non vengono protetti neanche in carcere.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Non è la prima volta che BMW utilizza la dicitura Rallye per la sua GS: accadde già nel 2013, quando fu una vistosa versione Rallye con telaio rosso e colori Motorsport a celebrare l’uscita di scena del motore ad aria. Ora la dicitura torna in auge sulla BMW R 1200 GS Rallye, che per la […]

L'articolo Prova BMW R 1200 GS Rallye 2017 proviene da RED Live.

COSA: BIKE FESTIVAL GARDA TRENTINO, quest’anno dura un giorno in più  DOVE E QUANDO: Riva del Garda, Trento, 28-30 aprire e 1° maggio Tra le più importanti rassegne outdoor del comparto ruote grasse il Bike Festival Garda Trentino quest’anno aggiunge un giorno in più al suo (sempre) ricco programma di iniziative. Eventi speciali, escursioni, gare, test, un […]

L'articolo RED Weekend 28-30 aprile e 1° maggio, idee per muoversi proviene da RED Live.

A volte ritornano. Oltretutto quando meno te lo aspetti. Dopo dodici anni di assenza dal panorama europeo, lo storico marchio inglese MG annuncia il rientro nel Vecchio Continente. Un’operazione che avrà inizio nel 2019 e che vedrà protagonista la cinese Saic, dal 2005 proprietaria del brand. Il successo con le spider negli Anni ‘60 La […]

L'articolo MG, il ritorno in Europa è in salsa cinese proviene da RED Live.

Il marchio Seat ha la sportività incisa in modo indelebile nel proprio DNA. Un’inclinazione caratteriale impossibile da nascondere persino quando a Martorell hanno a che fare con una SUV. Ecco allora che la Ateca, la prima sport utility della storia della Casa spagnola, beneficia della versione FR (Formula Racing), sinora riservata alle “cugine” Ibiza e […]

L'articolo Seat Ateca FR: il SUV ha un’anima sportiva proviene da RED Live.

Prenderà il via dall’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola sabato 29 e domenica 30 aprile il Campionato monomarca MINI Challenge 2017, organizzato con il supporto di ACI Sport. Le sei tappe previste, da aprile a ottobre, si correranno sui più celebri circuiti italici e, chi non potrà partecipare o assistere, potrà godersi la visione in streaming su Dplay, la piattaforma on […]

L'articolo MINI Challenge, al via la nuova edizione proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana