Google+

Padre Dall’Oglio, la famiglia lancia appello ai rapitori: «Vorremmo riabbracciarlo, ma siamo pronti anche a piangerlo»

luglio 28, 2014 Chiara Rizzo

A un anno dal rapimento del gesuita a Raqqa da parte dei ribelli siriani, i suoi familiari scrivono: «Non abbiamo più notizie di nostro figlio e fratello Paolo. Chiediamo ai responsabili di avere la dignità di farci sapere della sua sorte»

La famiglia del gesuita padre Paolo Dall’Oglio ha rivolto un appello ai suoi rapitori tramite l’agenzia Ansa. Padre Dall’Oglio è stato rapito un anno fa, il 29 luglio 2013: «Vorremmo riabbracciarlo, ma siamo anche pronti a piangerlo» implorano i familiari.

UN ANNO SENZA NOTIZIE. La famiglia ricorda nell’appello che «è oramai passato un anno da che non si hanno più notizie di nostro figlio e fratello Paolo, sacerdote, gesuita, italiano, scomparso in Siria il 29 luglio 2013. Tanto, troppo tempo anche per un luogo di guerra e sofferenza infinita come la Siria. Chiediamo ai responsabili della scomparsa di un uomo buono, di un uomo di fede, di un uomo di pace, di avere la dignità di farci sapere della sua sorte. Vorremo riabbracciarlo ma siamo anche pronti a piangerlo. Domani, 29 luglio, ad un anno dalla sua scomparsa, in tanti pregheremo e saremo vicino a lui, a tutti i rapiti, agli ingiustamente imprigionati e alle tante persone che soffrono a causa di questa guerra».

FORSE È A RAQQA. Padre Dall’Oglio conosceva benissimo la Siria, dove aveva vissuto per decenni (fin dagli anni Ottanta), e dove aveva intensamente lavorato per la promozione del dialogo tra i cristiani e gli islamici, sino alla sua espulsione dal paese nel 2012: ma il gesuita aveva voluto tornare, per non abbandonare i confedeli cristiani e per tentare una mediazione, con il rilascio di attivisti siriani prigionieri. Si era così diretto a Raqqa, nel nord del Paese, il centro nelle mani degli estremisti islamici. È così che un anno fa è stato catturato dai miliziani, secondo quello che hanno poi riferito vari testimoni: sul resto è giallo, perché da allora mai più, pubblicamente, è giunta alcuna rivendicazione o notizia del gesuita. In questi mesi un sito arabo e inglese, TahrirSy, citando un testimone anonimo del rapimento, aveva raccontato che Padre Dall’Oglio in realtà era stato ucciso il giorno stesso del rapimento, e aveva dato elementi molto circostanziati, come l’ora e il luogo dell’esecuzione, ma anche il nome degli assassini materiali. Solo lo scorso giugno, invece, un quotidiano libanese filo siriano ha ricostruito, secondo altre testimonianze locali, che Dall’Oglio è ancora vivo, e che anzi sarebbe aperto un canale di negoziati con il governo italiano. La Farnesina ha però smentito entrambe queste notizie e, sia secondo il governo italiano che secondo il Vaticano, queste fonti sarebbero inattendibili. Papa Francesco, anche lui gesuita come Dall’Oglio, ha sempre seguito la vicenda chiedendo informazioni tramite la Nunziatura di Damasco e la Curia dei Gesuiti.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Pierpaolo says:

    Non si può dire che frequentasse buone compagnie. Avrebbe fatto mehlio a prendere esempio da Monsignor Hilarion Capucci.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.