Google+

Nigeria, i cristiani uccisi in chiesa da Boko Haram sono stati «sgozzati uno a uno»

gennaio 29, 2014 Redazione

Lo ha riferito alla Bbc il vescovo di Yola Mamza Dami Stephen, che ha parlato con alcuni cristiani sopravvissuti

Sono arrivati sui camion, hanno fatto irruzione in chiesa «verso la fine della messa» e l’hanno chiusa a chiave. Chi ha tentato di scappare «dalle finestre è stato raggiunto da colpi di arma da fuoco», gli altri «sono stati sgozzati uno a uno». Così i cristiani del villaggio di Waga Chakawa (Adamawa, Nigeria), sopravvissuti all’attacco di Boko Haram, hanno raccontato l’attentato di domenica scorsa al vescovo di Yola Mamza Dami Stephen, che l’ha riportato alla Bbc.

CRISTIANI SGOZZATI. Sono almeno 30 i fedeli uccisi dai terroristi islamici, che prima di andarsene hanno bruciato le case del villaggio, preso alcuni residenti in ostaggio per quattro ore e piazzato delle bombe.
«Tutti gli abitanti ora sono terrorizzati, vivono nella paura. Nessuno li protegge e non è possibile dire dove e quando attaccheranno la prossima volta. La gente non può più dormire con gli occhi chiusi».

VILLAGGIO RASO AL SUOLO. Lo stesso giorno Boko Haram ha anche innescato delle bombe in un mercato nel villaggio di Kawuri (Borno) uccidendo almeno 52 persone. Nelle esplosioni, tutte le case del villaggio, circa 300, sono state rase al suolo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

14 Commenti

  1. liggen scrive:

    … ecco proprio all’indomani della giornata della Memoria….gli olocausti…i genocidi..continuano..non voglio fare memoria. Tra 20 anni..x chissa quale generazione futura..agire ora..intervenire e punire gli assassini..liberta di credo e politico x tutti…

  2. anna scrive:

    certo che il grande Bergoglio ne spende poche di parole per i crisitani sgozzati…

  3. Fausto scrive:

    Sei distratta, Anna, il Santo Padre, il Sommo Pontefice Romano, ne ha parlato anche pochi giorni fa.

  4. Riequilibrio scrive:

    Aiutate anche me a vincere la mia cristianofobia, vi prego!

    • Gabriella Tescaro scrive:

      Riequilibrio, Vincere la cristiano fobia? Credo tu debba risalire a come l’hai contratta. Potrai sicuramente accorgerti come e scoprire che di un’altra malattia si tratta: la cristianofalso-fobia. Ti sarà nata quasi sicuramente venendo in contatto con cristiani falsi, o per sentito dire. Gesù ha combattuto con tutta la sua forza tutto ciò che era falso, e non ha mai richiesto che lo amassimo o odiassimo per sentito dire. Ha sempre cercato lo incontrassimo personalmente. Allora troverai in Gesù un amico di Verità’ (che si scrive Amore) e ti innamorerai così tanto di lui che non lo lascierai più. e amerai tutto ciò che egli ama. Te stessa per prima , e, guarita dall’amore di Gesù, tutte le tue fobie se ne andranno. La tua unica fobia sarà il peccato, non i peccatori cristiani e i falso-cristiani, ma il peccato e la falsità che li tiene prigionieri. Proverai per loro la stessa pietà e misericordia di Dio che ha usato a te. Aiuterai Gesù, con la tua testimonianza nuova,a convincerli di amore. In una frase: LASCIATI incontrare da Gesù e saprai schierarti dalla sua parte sempre, perché il suo sguardo che penetra è diverso da tutti gli altri sguardi che sviluppano punti di vista di morte. Amerai tutto ciò che l’Amico Gesù ama. Un abbraccio anche da me.

  5. Leo scrive:

    Solo per completezza di informazione :

    “Kano, 28 gen. E’ salito ad almeno 52 morti il bilancio
    delle vittime di un attentato dinamitardo
    perpetrato ieri in un mercato nello Stato nigeriano del Borno: lo
    hanno reso noto fonti della polizia locale, che hanno attribuito
    la responsabilità dell’attacco al gruppo terroristico islamico di
    Boko Haram. Il numero dei feriti, secondo le stesse fonti, resta
    a 26, molti dei quali gravi.

    L’attentato è stato messo a segno nel
    pomeriggio di domenica. Secondo le testimonianze, un gruppo di
    uomini armati ha collocato diverse bombe nei pressi del mercato
    di Kawuri, circa 37 chilometri dalla capitale dello Stato
    Maiduguri, e dopo averle fatte esplodere ha aperto il fuoco sulla
    popolazione.(con fonte Afp)”

    Riflessione personale :

    I morti di un mercato non appartengono a nessuna confessione in particolare. Chi ci va di mezzo è un popolo intero.
    Non è questione di “cristiani” o “musulmani”, ma di un piano più grande che tende a diffondere destabilizzazione in vari paesi del mondo (ultima l’Ucraina) a vantaggio dei soliti noti.

    • Toni scrive:

      Il fatto che sia un gruppo terroristico islamico è un fatto accidentale?
      Il luogo e la modalità (chiesa e sgozzare) non ha un significato che si relaziona con il gruppo terroristico islamico?
      Destabilizzare non significa anche terrorizzare ogni eventuale conversione? (Come dire se ti converti, ti chiudo in una chiesa e ti sgozzo).
      Non ti pare che annacqui la cosa?

      • Leo scrive:

        Forse non hai letto bene il mio commento dove facevo notare che i Boko Haram hanno fatto una strage di musulmani al mercato di Kawuri (in una zona a stragrande maggioranza islamica).
        Destabilizzi creando terrore (non so se tu sia abbastanza vecchio da ricordarti gli anni di piombo). Poi i metodi possono essere differenti. Il metodo usato da Boko Haram è senza dubbio funzionale al piano Yinon del 1982 che continua ancora oggi ad andare avanti, ahimè con successo. E si basa sulla destabilizzazione di tutti gli stati a maggioranza o forte componente islamica attraverso la divisione secondo linee etnico-religiose. Per informarti digita su un motore di ricerca “Yinon Plan”.

        • Toni scrive:

          Io sono d’accordo che la strage è un mezzo per destabilizzare. E non mi meraviglia, perché non è una novità, che in una logica perversa i danni collaterali (musulmani uccisi) “ci stanno” a fronte di “un grande fine”. Penso solo che se l’obbiettivo è creare uno stato islamico l’odio religioso (non limitato al solo cristianesimo) è un elemento costitutivo. In altri termini la condizione del cristiano (sgozzato oggi) non sarà migliore domani a risultato ottenuto.

  6. Luca scrive:

    Siete tutti semplici, boooooom! Ma che, scrivete a casaccio? Consultate tutti un medico! Craaaaaashhhh! Gnam gnam, mi mangio un donut. Yuppiie mi guardo i Simpson. Qualcuno pensi ai bambini!

  7. Emmanuele scrive:

    C’è poco da dire e tanto da fare! Attentati o no la nostra mission è proprio li! Vi chiediamo una preghiera e se volete e potete, sosteneteci, anche con una sola parola di sprono 😉 se volete saperne di più questi sono i nostri link:
    http://www.steadfastfoundation.com
    http://www.facebook.com/Steadfast.onlus

  8. Melo scrive:

    Cari fratelli in Cristo , che ne pensate se preghiamo e basta per tutte queste situazioni invece di attaccarci a tante cose che poi non portano a nulla anzi spesso dividono la comunità e fanno il gioco del nemico?. Il nemico vuole dividere le comunità per sfasciare la Chiesa, anche se lui ha perso HA VINTO CRISTO, lui cerca di portare il massimo degli uomini a l’Inferno. Mi permetto solo di ricordare alla sorella Lucia, che il mondo è fatto di uomini e anche la Chiesa, e dunque anche li ci sono state e ci saranno errori, Il Sacerdote è un uomo come noi e sbaglia, solo sull’Altare non sbaglia perchè non può. La Chiesa e di Cristo e se è di Cristo come si può dire amo Cristo e non amo la Chiesa, che poi siamo tutti noi. Mi sembra incoerente la cosa, comunque essendo uomini liberi rispetto il tuo pensiero ma ti dovevo ricordare.
    Il Signore al passaggio finale, quando saremo faccia a faccia, ci chiederà quanto hai amato e se hai amato i tuoi fratelli……… un abbraccio fraterno a tutti.

  9. Cornacchia scrive:

    CRA! CRA! CRA! Rispondete alle mie domande.CRA! CRA! CRA!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

COSA: BIKE FESTIVAL GARDA TRENTINO, quest’anno dura un giorno in più  DOVE E QUANDO: Riva del Garda, Trento, 28-30 aprire e 1° maggio Tra le più importanti rassegne outdoor del comparto ruote grasse il Bike Festival Garda Trentino quest’anno aggiunge un giorno in più al suo (sempre) ricco programma di iniziative. Eventi speciali, escursioni, gare, test, un […]

L'articolo RED Weekend 28-30 aprile e 1° maggio, idee per muoversi proviene da RED Live.

A volte ritornano. Oltretutto quando meno te lo aspetti. Dopo dodici anni di assenza dal panorama europeo, lo storico marchio inglese MG annuncia il rientro nel Vecchio Continente. Un’operazione che avrà inizio nel 2019 e che vedrà protagonista la cinese Saic, dal 2005 proprietaria del brand. Il successo con le spider negli Anni ‘60 La […]

L'articolo MG, il ritorno in Europa è in salsa cinese proviene da RED Live.

Il marchio Seat ha la sportività incisa in modo indelebile nel proprio DNA. Un’inclinazione caratteriale impossibile da nascondere persino quando a Martorell hanno a che fare con una SUV. Ecco allora che la Ateca, la prima sport utility della storia della Casa spagnola, beneficia della versione FR (Formula Racing), sinora riservata alle “cugine” Ibiza e […]

L'articolo Seat Ateca FR: il SUV ha un’anima sportiva proviene da RED Live.

Prenderà il via dall’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola sabato 29 e domenica 30 aprile il Campionato monomarca MINI Challenge 2017, organizzato con il supporto di ACI Sport. Le sei tappe previste, da aprile a ottobre, si correranno sui più celebri circuiti italici e, chi non potrà partecipare o assistere, potrà godersi la visione in streaming su Dplay, la piattaforma on […]

L'articolo MINI Challenge, al via la nuova edizione proviene da RED Live.

Ci sono eventi che arrivano immediatamente ai fasti della cronaca e altri, non meno importanti, che vuoi per casualità, vuoi perché comunicati con meno forza, passano quasi sotto silenzio. Mentre il Salone di Shangai, tuttora in corso, celebra una miriade di modelli e versioni dedicati pressoché esclusivamente al mercato cinese, resta inspiegabilmente in secondo piano […]

L'articolo Jeep Yuntu: l’ora dell’ibrido plug-in proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana