Google+

Monti vuole vendere gli immobili pubblici: «Giusto, se si abbassano le tasse»

giugno 14, 2012 Daniele Ciacci

Il premier stende un piano per le cessioni dei beni dello Stato. Un’iniziativa positiva «se avviene rapidamente, e porta ad una riduzione del carico fiscale». Intervista all’economista Ernesto Felli.

Ieri, a Montecitorio, il premier Mario Monti ha parlato di un piano di cessioni per evitare una nuova manovra economica, attraverso l’asta di parte dei beni pubblici immobili e quote di partecipazione su beni mobili. «Non basta – dice a tempi.it Ernesto Felli, professore di Economia Politica all’Università di Roma 3 –, ma la vendita deve essere compensata da una riduzione delle tasse. Solo così si avrà un volano positivo, non solo sui consumi, ma incentivando la gente a produrre e le imprese a dare lavoro. Aumentiamo il nostro potenziale economico»

Professore, cosa ne pensa dell’idea del premier?
Monti ha fatto un’allusione sulla vendita di beni immobiliari e mobili pubblici. Per ora, non ci sono ancora programmi definitivi. È necessario capire come verrà realizzata e in quanto tempo. Perché se avverrà rapidamente – ammesso che la cifra incamerata sia significativa – avrà effetti positivi su tutto il sistema. Meno pressione sulla finanza pubblica distribuirà risorse per interventi diretti sulla crescita e, di conseguenza, ridurrà il carico fiscale.

Quindi, questa vendita è cosa buona…
Ripeto: bisogna essere chiari. Ammesso che la vendita di beni pubblici sia fatta bene e in tempi rapidi, può dare effetti immediati sulle aspettative, ma ci vorrebbero comunque anni per sanare il bilancio. Va unita a un programma di valorizzazione, di utilizzo più efficiente delle risorse pubbliche a disposizione. Io, a suo tempo, calcolai che dal patrimonio pubblico edilizio abitativo si possono ricavare attorno ai 40 miliardi, ma non esiste una stima precisa. Il valore totale di questi beni non è sicuramente inferiore allo stock del debito pubblico, ma non tutto può essere dismesso o venduto. Monti prevede che rimetterà in circolo qualcosa come 400 miliardi di euro. Non sarebbe male.

Chi li compra, questi beni?
Li comprano i privati: fondi, società. Non credo che l’argomento contrario sia la mancanza di domanda: esistono soggetti di vario tipo che possono essere interessati. L’opzione di vendita è sicuramente importante. Bisogna fornire un piano serio di dismissione che sia credibile, fattibile e rapido, che crei un effetto positivo sulle aspettative. E bisogna trovare un modo – finanziario e contabile – perché si ottenga un effetto immediato sul bilancio pubblico.

Insieme, Monti propone un piano di tagli. Eppure la spending review porterà nelle casse dello Stato non più di 8 miliardi, quest’anno. Una goccia nell’oceano di 1900 miliardi di debito pubblico. La revisione di bilancio funziona?
Si ricordi che la spending review va a ridurre la spesa in maniera permanente. La riorganizzazione della spesa pubblica ridotta, in prospettiva, è buona cosa. Non si risolve il problema del debito, ma di riduce il disavanzo, e il disavanzo pubblico è fatto quasi completamente degli interessi che paghiamo sul debito. Noi abbiamo un avanzo primario, ovvero il saldo entrate e uscite sul debito al netto degli interessi è positivo. Quindi, diminuendo l’entità del debito diminuisce, di conseguenza, il disavanzo pubblico. E respiriamo un po’ di più.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. francesco taddei says:

    perdonate l’ignoranza/arroganza.
    vendere gli immobili può essere fatto una volta. metterli in un fondo finanziario gestito da società apposite garantirebbe una rendita per lo stato.

  2. ale says:

    e quando li abbiamo venduti, senza però eliminare il debito, cosa dobbiamo vendere, le nostre case. è una soluzione che tampona il problema ma non lo risolve e in più noi perdiamo beni che appartengono a noi italiani. Che il signor Monti venda le sue di propietà e se ne vada via dall’Italia, che ritorni da quei ladri della Goldman Sachs

  3. Jarrod Hernando says:

    what about new ui as you mention in twitter?

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi