Google+

Manipolò gli studi contro gli Ogm? Prof universitario sotto accusa

gennaio 13, 2016 Redazione

Repubblica racconta la vicenda di un docente universitario i cui risultati sono stati pesantemente contestati. Ma sorvola su qualche particolare

Oggi Repubblica racconta una vicenda interessante a proposito di Ogm con qualche piccola dimenticanza. Il quotidiano narra l’infelice inghippo in cui è incappato Federico Infascelli, docente ordinario di Nutrizione e alimentazione animale nel dipartimento di Veterinaria dell’università Federico II di Napoli. Il professore è accusato di aver manipolato i risultati di alcuni studi sugli Ogm, a suo dire pericolosi per quanto riguarda i mangimi per animali. Il professore, già autore di alcune pubblicazioni sull’argomento, aveva partecipato l’8 luglio 2015 a un’audizione in Senato nella quale aveva esposto i risultati dei suoi studi e le sue opinioni. All’audizione aveva partecipato anche la senatrice a vita Elena Cattaneo, scienziata, e da sempre attenta a queste tematiche (si ricordi la vicenda Stamina). Cattaneo, poco convinta dei risultati presentati da Infascelli, oltre a porgli alcune domande durante e a lato dell’audizione, gli aveva poi scritto il 28 luglio una lettera, in cui gli esprimeva le sue perplessità in tono garbato ma deciso. «Il vostro esperimento non può avere un valore sostanziale», scriveva la senatrice, rivolgendosi a Infascelli e alla collega Raffaella Tudisco. Chiedendo conto del loro lavoro, cattaneo concludeva:

Io credo continueremo a servire male il nostro Paese e il nostro lavoro ogni volta che accetteremo di fare ciò che non dovremmo mai fare, o di fare male quello che potremmo fare bene, in sicurezza e con l’occhio a quel che lasceremo. Come ho detto più volte non ho alcun interesse sugli Ogm ma mi interessa capire come si deve lavorare, non da sola, per provare a rompere un incantesimo costruito negli anni da una pessima politica che ha distorto fatti e realtà, creato falsi miti, paure infondate, sfiducia nella scienza che indaga, limitato fortemente libertà di studio, cancellato l’orizzonte per molti giovani, allo stesso tempo privilegiando ciarlatani, famigli e lacchè e dando l’impressione che in Italia di fatti accertabili e accertati non ne esistano mai.

«VIOLAZIONI MOLTO GRAVI». Cattaneo ha coinvolto nella discussione anche il direttore del dipartimento, Luigi Zicarelli, che non ha risposto, e il rettore della Federico II, Gaetano Manfredi, che, invece, allarmato, ha nominato una commissione d’indagine che ha, come scrive Repubblica, «riscontrato violazioni molto gravi, difficilmente frutto di una svista, piuttosto finalizzate ad un obiettivo preciso: inventare tout court un risultato sperimentale di fatto inesistente, per dimostrare la pericolosità degli Ogm, gli organismi geneticamente modificati». «In particolare – spiega Repubblica – per quanto riguarda le immagini pubblicate a corredo degli articoli, foto alterate, immagini copiate da un articolo all’altro, legende modificate. Manipolazioni che ora vanno a carico di Infascelli e del gruppo interdisciplinare di studiosi da lui coordinato, gruppo del quale fanno parte anche altri docenti dell’ateneo. Si trattava di sospetti sino a quando un software che rileva le alterazioni delle foto non ha confermato quanto la Cattaneo aveva visto anche ad occhio nudo».
L’accusa, insomma, è molto grave e «Infascelli ha presentato, nei giorni scorsi, le sue controdeduzioni, ora all’esame del giurì. La sua difesa verrà vagliata al pari delle accuse, e solo dopo, se i sospetti troveranno conferma, il rettore porterà in Senato accademico le sanzioni da comminare».

DA SLOW FOOD AI 5 STELLE. Ciò su cui Repubblica sorvola sono i luoghi e gli ambienti culturali in cui Infascelli, in questi anni, ha potuto esprimere, legittimamente, le proprie opinioni. Ma basta una rapida ricerca in rete per scoprire che il professore è tra gli autori di un libretto divulgativo intitolato Scienza incerta e dubbi dei consumatori promosso da Slow Food; che ha partecipato il 30 giugno a Roma a un convegno intitolato “Futuro della ricerca e applicazione degli Ogm in agricoltura” organizzato dalla senatrice Elena Fattori del M5S; più incontri vari sempre in collaborazione con Slow Food e l’amministrazione comunale napoletana di Luigi de Magistris.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Svelata la concept che anticipa la nuova WRC del Double Chevron, attesa ai vertici del Campionato mondiale rally 2017. Esteticamente simile a una Gruppo B degli Anni ’80, può contare su di un 1.6 turbo benzina da 380 cv.

La concept spagnola ama l’off road. Al 2.0 TDI da 190 cv si accompagnano il cambio a doppia frizione DSG, le 4WD e un allestimento estetico degno di una 4x4 nuda e pura. Potrebbe derivarne una versione di serie.

Debutta la variante tutto terreno della wagon tedesca. Può affrontare facili sterrati grazie all’assetto regolabile, all’altezza da terra superiore allo standard e a protezioni specifiche. Motori turbodiesel di 2,0 e 3,0 litri da 195 e 258 cv.

Il lieve restyling della berlina/wagon nipponica porta in dote una superiore insonorizzazione dell’abitacolo e il sistema di gestione dell’erogazione G-Vectoring Control. Confermati i propulsori, arricchito il capitolo sicurezza.

Un'aerodinamica di nuova generazione caratterizza il telaio della nuova top di gamma del marchio veneto. Tecnologia Balanced Design, manubrio integrato e freni direct mount per un prezzo che parte da 4.600 euro

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana