Google+

L’Italia è in recessione, le tasse aumentano. E gli 80 euro di Renzi? Per Confcommercio l’effetto è stato «quasi invisibile»

agosto 6, 2014 Redazione

Consumi fermi al palo, Pil negativo per il secondo trimestre consecutivo. Ma Renzi tira dritto: «C’è molto da fare, lo faremo con più decisione»

80EUROrenziNon solo è costato alle casse statali un conto salatissimo. Ma non è servito a nulla. Secondo Confcommercio l’effetto del bonus da 80 euro «è quasi invisibile». Lo dicono i dati forniti dall’associazione dei commercianti: le vendite al dettaglio sono cresciute, a giugno, dello 0,4 per cento rispetto al 2013. Ad aggravare il dato del commercio al dettaglio è il confronto con gli altri paesi dell’Eurozona: +1,3 per cento in Germania; +1,1 in Polonia. Mentre Finlandia, Portogallo, Malta e Spagna hanno fatto peggio di noi.

INCERTEZZA NEL FUTURO. «È troppo poco rispetto alle attese – fa sapere Confcommercio –, sono segnali positivi ma straordinariamente deboli e insufficienti per affermare che la domanda delle famiglie sia giunta a un incoraggiante punto di svolta. La cautela nell’interpretare i dati deriva anche dal peggioramento registrato a luglio proprio dal clima di fiducia delle famiglie – il secondo consecutivo – sintomo del permanere di uno stato di disagio caratterizzato dalla dominanza dell’incertezza per il futuro rispetto agli effetti reali di un maggior reddito disponibile».

TASSE, TASSE, TASSE. E le ragioni di questa sfiducia iniziano a essere chiare a tanti. I primi giorni di maggio undici milioni di italiani si sono trovati in busta paga il bonus promesso da Renzi. Hanno intascato, ringraziato e ricambiato il favore all’interno delle urne allestite per le elezioni europee. Il 42 per cento dei voti, il Partito democratico non l’aveva mai sfiorato. Tutti felici e contenti. Peccato che da lì in avanti le notizie per i contribuenti italiani siano andate di male in peggio. Imu aumentata, ennesima nuova tassa su rifiuti triplicata o anche più, Irpef portato al massimo consentito dalla legge, ticket sanitari che prevedevano l’esenzione per la maggioranza dei cittadini diventati a pagamento. Un’ondata di nuove tasse e imposte che hanno allertato i cittadini. Meglio accantonare gli spiccioli donati per ridarli quadruplicati sotto forma di imposte, tasse e trattenute. Altro che aumento dei consumi. Come dice Renzi, «l’estate arriverà, diversa da come l’aspettavamo, ma arriverà». Intanto l’allerta meteo è sempre in agguato.

DI MALE IN PEGGIO. Altra doccia fredda sulla ripresa è la flessione del Pil per il secondo trimestre consecutivo. Rispetto ai primi tre mesi dell’anno il Pil è sceso dello 0,2 per cento (-0,3 per cento su base annua) e il calo congiunturale, ha fatto sapere l’Istat, è la sintesi di una diminuzione del valore aggiunto in tutti e tre i grandi comparti di attività economica: agricoltura, industria e servizi. L’Italia è ancora in recessione e il dato avrà un impatto negativo sullo spread tra Btp e Bund, sulle finanze pubbliche e rallenterà di nuovo la ripresa. I dati sono devastanti, per certi economisti sono peggiori di quelli registrati durante il governo Letta. Ma il premier va dritto per la sua strada; come se nulla stesse accadendo la maratona del governo è ripresa.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Enrico Z says:

    Renzi…il pil se ne frega dei suoi provvedimenti gay friendly, e senza tutela della famiglia naturale, soprattutto il sistema Italia é destinato a saltare, speriamo insieme al totalitarismo UE.

  2. beppe says:

    oggi su molti GIORNALONI si leggono le prime timide critiche all’ottimismo di renzi, ai suoi 80 euro, all’euro che è causa di molti mali. ma questi pseudo progressisti non si rendono conto di essere dei ritardati cronici. ( ho sentito – per cui non giuro sulla veridicità – che la nana SERRACCHIANI avrebbe esultato per la bocciatura dell’introduzione di costi standard nelle spese della pubblica amministrazione. questa sarebbe solo l’ennesima conferma che siamo governato da incapaci e da fanfaroni e menzogneri).

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rialzata, “rinforzata” nel look ma con lo stesso grande comfort di ogni Classe E, la All Terrain entra di forza nel segmento delle Statio Wagon rialzate. Offre tanto spazio e un comfort sontuoso, ma la sua attitudine off road è reale

L'articolo Prova Mercedes E 220 CDi All Terrain proviene da RED Live.

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi