Google+

Libia. Il vescovo Martinelli: «Devo rimanere! Se non ci fosse la fede, non saremmo qui»

febbraio 16, 2015 Redazione

Il vicario apostolico di Tripoli non vuole lasciare la piccola comunità cattolica: «Magari un momento o l’altro ci prendono e dicono: “Tu sei contro l’islam”… e basta»

martinelliAd agosto, quando già la situazione era compromessa, aveva detto: «Intendo restare qui fino a quando rimane anche un solo cristiano». Fedele alla parola data e alla sua vocazione, il vicario apostolico di Tripoli, Giovanni Innocenzo Martinelli (foto da internet), storica presenza della comunità cattolica in Libia, torna oggi a ripetere quelle parole. Anche ora, quando sa che tutto potrebbe precipitare da un momento all’altro e che la sua stessa vita è a rischio.

TESTIMONI DI GESU’. In un’intervista rilasciata alla Radio Vaticana questo francescano nato in Libia 72 anni fa (vi è tornato nel 1971) ha detto di essere pronto «a testimoniare quello che siamo e quello che facciamo. Devo rimanere! Come lascio i cristiani senza nessuno?». Con lui ci sono un centinaio di filippini, a custodia della Chiesa di San Francesco, a pochi passi dall’ambasciata italiana. Non nega la «paura», ma ribadisce di voler rimanere, per essere «testimone di quello che Gesù ci dice di fare. E basta. Se non ci fosse la fede, non saremmo qui». Per ora «può uscire» ma, racconta, «magari un momento o l’altro ci prendono e dicono: “Tu sei contro l’islam”… e basta».
Il vescovo invoca dialogo, comprensione reciproca, stigmatizza chi pensa solo alle implicazioni economiche della vicenda (il petrolio) e il «vuoto nella cultura occidentale» che è soprattutto «un vuoto di dialogo, un vuoto di impegno a incontrare l’altro, preoccupandosi soltanto degli interessi e meno delle persone e dei valori».

LA NUOVA MAFIA. Alla Stampa, ieri, ha raccontato le medesime cose. «Come faccio ad andarmene?» ha detto. «Devo restare per il momento, qui c’è ancora un gruppo di cristiani che ha bisogno di essere assistito». «Al momento – ha raccontato ieri – non ho paura, ma so che arriverà il momento in cui avrò paura». Si dice contrario a un intervento armato, ma si mostra anche un po’ scettico sui tentativi di riconciliazione messi in campo, perché le milizie non paiono così propense al dialogo: «Sono loro che hanno tutto in mano. C’è bisogno di tanta buona volontà per trovare un’intesa». Ma non è facile, come dimostrano i naufragi delle carrette spinte in mare dai capi etnici: «Sono loro la nuova mafia».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

6 Commenti

  1. Saint-Juste says:

    Meno male che c’e’ la Mogherini a risolvere la crisi libica…Il vesco Martinelli e il suo gregge possono dormire sogni tranquilli….

    • Saint-Juste says:

      A parte gli scherzi, leggetevi l’articolo sul vescovo Martinelli pubblicato sul Corriere della sera.

      Da non credente, laico-laicista vi dico che quest’uomo e’ un grande. Uno stato (Italia) con un minimo di dignita’ non lo lascerebbe solo.

      #italiariparte…??? si, da gente come il vescovo Martinelli. Orgoglioso di essere italiano come lui.

  2. Saint-Juste says:

    A parte gli scherzi, leggetevi l’articolo sul vescovo Martinelli pubblicato sul Corriere della sera:

    http://www.corriere.it/esteri/15_febbraio_17/vescovo-tripoli-che-mi-taglino-pure-testa-92c2aed2-b669-11e4-a17f-176fb2d476c2.shtml

    Da non credente, laico-laicista vi dico che quest’uomo e’ un grande. Uno stato (Italia) con un minimo di dignita’ non lo lascerebbe solo.

    #italiariparte…??? si, da gente come il vescovo Martinelli. Orgoglioso di essere italiano come lui.

  3. Sasso Luigi says:

    Ho pregato per te, vescovo e fratello Martinelli, e per gli ultimi trecento battezzati e fratelli miei.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ridisegnata nei dettagli e capace di offrire un allestimento più ricco, la Ford Ecosport sta riuscendo a ritagliarsi una fetta importante del mercato SUV. Il motore TDCi da 100 cv è il cuore giusto per lei? Scopriamolo in questa prova

L'articolo Prova Ford Ecosport 2018 <br> il bello della concretezza proviene da RED Live.

Nasce sulla base del Crafter e promette praticità e abitabilità da camper. A fine agosto ne sapremo di più

L'articolo Volkswagen Grand California, perché la vita è un viaggio proviene da RED Live.

Piegano come una moto (a volte pure di più) ma offrono più sicurezza e abitabilità. Con un buon "allestimento" possono essere una valida alternativa all'auto offrendo velocità e agilità da scooter e protezione (anche dei vestiti) da auto. Sono i mezzi a tre ruote, sia scooter sia moto, con sistema di basculamento. Quasi tutti scooter hanno però una guest star. Ecco quali sono e come vanno.

L'articolo Moto e scooter, quando due ruote non bastano. Ecco i migliori tre ruote proviene da RED Live.

I prezzi partono da 24.650 euro, quattro gli allestimenti disponibili

L'articolo Peugeot 2008, arriva il 1.5 BlueHDi con cambio automatico proviene da RED Live.

Per chi vuole qualcosa in più della solita Sport Utility, con l'accento sulla sportività. Farà il suo debutto ufficiale al Salone di Parigi, in ottobre

L'articolo Skoda Karoq Sportline, la SUV che va di fretta proviene da RED Live.