Google+

Libia: quattro cristiani arrestati con l’accusa di proselitismo. «Minano la sicurezza nazionale»

febbraio 19, 2013 Leone Grotti

L’accusa è di essere missionari intenti a fare proselitismo distribuendo materiale cristiano. Dalla caduta di Gheddafi la vita dei cristiani in Libia è molto dura.

Quattro stranieri sono stati arrestati in Libia con l’accusa di essere missionari intenti a fare proselitismo distribuendo materiale cristiano. È successo ieri a Bengasi e, come sottolinea Hussein Bin Hmeid, membro della sicurezza libica, «fare proselitismo è vietato in Libia. Siamo un paese composto al 100 per cento da musulmani e questo tipo di azioni mina la sicurezza nazionale».

CRISTIANI SOTTO ATTACCO. In Libia il proselitismo, secondo una legge dell’era Gheddafi, è punibile anche con la pena di morte, anche se non si sono mai verificati incidenti di questo tipo. Da quando il regime è caduto, due anni fa, la vita dei cristiani (3% della popolazione) è andata peggiorando costantemente: molte suore sono state costrette ad abbandonare la Cirenaica, perché minacciate da bande armate di estremisti islamici, e come dichiarato da Daimasso Bruno, giardiniere del cimitero italiano a Tripoli, «non passa giorno senza che le nostre tombe siano profanate e vandalizzate».

TORNANO GLI ISLAMISTI. E mentre nel paese si festeggia il secondo anniversario della caduta di Gheddafi, fortunatamente in modo pacifico, preoccupa la notizia che Ansar al-Sharia, milizia composta da terroristi responsabili dell’assassinio dell’ambasciatore americano a Bengasi Chris Stevens, è tornata ad occupare la città più importante della Cirenaica. Dopo l’attentato a Stevens, il gruppo era stato cacciato dai cittadini, ora però ha ripreso il controllo dell’entrata ovest della città e di alcuni ospedali. Se molti cittadini si sono lamentati del loro ritorno, altri sono felici. Come testimoniato da alcuni medici al Washington Post: «I miliziani sono gli unici in grado di garantire la sicurezza in città. Il ministro degli Interni, invece, non è in grado di tutelarci».

ISOLAMENTO INTERNAZIONALE. La Libia è in forte difficoltà dalla fine della rivoluzione: nella speranza di bloccare l’afflusso di terroristi sul suolo libico, il governo ha già chiuso le frontiere con Chad, Niger, Sudan e Algeria. In occasione del secondo anniversario della rivoluzione, il governo ha annunciato che chiuderà per quattro giorni anche le frontiere con Egitto e Tunisia. La Libia quindi si isolerà completamente. Non solo, l’intero sud del paese è stato dichiarato zona militare, nel tentativo di liberarlo dalle milizie irregolari che lo governano di fatto al posto dello Stato.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. WiWa says:

    Ma c’è in giro qualcuno che abbia il coraggio di parlare di primavera in questa notte di gelo polare?

  2. Marcus says:

    questo è il risultato di chi nelle cancellerie di roma, parigi, londra, washington, ha nutrito protetto e fomentato tagliagole salafiti per saccheggiare il petrolio, migliaai di cristiani in iraq, israele, siria, egitto, libia sono martirizzati da questi pupazzi dell’occidente . sveglia fretelli!basta votare per politici guerrafondai che si dicono cristiani!ipocriti come i farisei.anche la pace sancita dalla costituzione deve essere un valore irrinunciabile per noi come la difesa della vita.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Permette di registrare tragitti, monitorare lo stato del manto stradale, analizzare e condividere con altri appassionati informazioni e dati. Si scarica gratuitamente da Apple Store e Google Play

L'articolo Sicurezza in moto? Arriva Moto App proviene da RED Live.

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.