Google+

«La vita non mi appartiene, la dono volentieri». Liberato in Siria padre Dhiya Azziz

luglio 8, 2015 Redazione

Il custode di Terrasanta Pierbattista Pizzaballa racconta ad Avvenire chi è il francescano iracheno “prelevato” il 4 luglio da miliziani di Al Nusra a Yacoubieh

AGGIORNAMENTO (tratto da Agenzia Fides – sabato 11 luglio):
Padre Dhiya Azziz (…) è stato liberato. Lo ha annunciato la Custodia della Terra Santa (con un comunicato pubblicato sul suo sito internet, ndr). I contatti con padre Dhiya Azziz, parroco a Yacoubieh (Provincia di Idlib, distretto di Jisr al Chougour, Siria), si erano interrotti nel tardo pomeriggio del 4 luglio. Secondo quanto aveva riferito la Custodia, è stato portato via da una brigata di miliziani per un breve incontro con l’emiro che esercita l’autorità nella regione, attualmente sottoposta al dominio del Fronte al-Nusra, braccio siriano di al-Qaida. In seguito l’ordine francescano ha affermato che il Fronte al-Nusra «ha smentito qualsiasi coinvolgimento nel rapimento» che sarebbe stato perpetrato da «un altro gruppo jihadista». «C’è una pletora di gruppi operanti nella regione», ha spiegato la Custodia della Terra Santa, aggiungendo che «padre Azziz sarebbe stato trattato bene durante la prigionia». 

siria-padre-dhiya-azizÈ ancora ignoto il motivo del “prelievo” di padre Dhiya Azziz, il sacerdote francescano iracheno parroco del villaggio di Yacoubieh, in Siria, sparito sabato 4 luglio dopo che un commando dei jihadisti che controllano la zona (appartenenti ad Al Nusra, gruppo siriano legato ad Al Qaeda) sono andati a prenderlo per portarlo a un incontro con l’emiro locale. Tuttavia, riferisce Avvenire, qualche cauta speranza in merito alla sua sorte è suscitata dalla notizia – ancora priva di solide conferme – secondo cui due miliziani sarebbero stati inviati in parrocchia a prendere le medicine del religioso, che soffre di diversi problemi di salute tra i quali il diabete.

«DONO LA VITA». Come ricostruisce oggi il custode di Terrasanta Pierbattista Pizzaballa in una intervista pubblicata sempre da Avvenire, è stata una scelta volontaria quella che ha portato due anni fa padre Dhiya Azziz a prendere servizio in quel villaggio siriano situato proprio nella provincia di Idlib, da tempo in mano ai ribelli islamisti: «Prima era a Lattakia, zona più tranquilla: io mandai una lettera a tutti i confratelli in cui chiedevo se qualcuno era disponibile, andando incontro a evidenti pericoli, a quel servizio a Yacoubieh a vantaggio della popolazione locale. Lui mi rispose che quella lettera era arrivata nell’anniversario della sua professione religiosa. Per lui un segno: “La vita non mi appartiene, la dono volentieri alla gente di quel villaggio”, mi scrisse».

«CORRETTO CON I JIHADISTI». Per altro il francescano iracheno «aveva relazioni abbastanza corrette con i jihadisti» – spiega Pizzaballa, che si sentiva con lui ogni settimana – e ha sempre assecondato tutte le loro imposizioni, compresi i divieti di suonare le campane e di esporre croci o immagini di santi all’esterno della chiesa, cosa che infittisce ulteriormente il mistero intorno alla sua scomparsa. Lo stesso custode di Terrasanta ammette al quotidiano della Cei di non capire il movente né le intenzioni dei miliziani di Al Nusra. «Il mondo dei “ribelli” – spiega – è una galassia di sigle incomprensibili. C’è chi condanna, c’è chi cerca di aiutare, c’è chi mente: stentiamo a comprendere e non abbiamo, purtroppo, notizie dirette».

«SEGNALE PREOCCUPANTE». L’unica certezza è che il prelievo di padre Dhiya «è un segnale preoccupante» perché, il religioso faceva di tutto per non creare problemi agli occhi dei jihadisti. «Forse è un irrigidimento o un’intimidazione per farci andare via», continua Pizzaballa, che per ora si azzarda a escludere solo il movente economico (se si trattasse di estorcere un riscatto, osserva, «avremmo più informazioni»). Oltre tutto il convento di Azziz «era già stato distrutto in parte da un missile», ricorda sempre Pizzaballa, e attualmente lui «abitava in una parte della sagrestia, mentre parte della canonica e della scuola è occupata da questi ribelli. Forse lo hanno preso per disfarsi di lui…».


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. SUSANNA ROLLI scrive:

    Padre Azziz, un cristiano tra i tanti che sono scomodi. I veri cristiani saranno sempre scomodi a qualcuno: amati e odiati, come Gesù.
    E non scordiamoci di Asia Bibi!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana