Google+

La sapete l’ultima del calcio? Che la colpa è del fatturato

maggio 26, 2017 Fred Perri

È diventato una scusa, un alibi, qualcosa a cui attaccarsi, al posto del tram (taches al tram, come si dice a Milano), quando non si vince. Non come una bella intercettazione

La migliore di questi ultimi anni calcistici è la storia del fatturato. Neanche so bene di cosa si tratta, compagni, amici e bastardi di ogni genere e grado, ma la sento spesso, soprattutto da parte di quelli che non acchiappano nulla, come la volpe e l’uva. “Loro c’hanno il fatturato più grande”. Una volta noi maschietti ci sfidavamo con altri metri di paragone, adesso c’è il fatturato. Il fatturato è diventato una scusa, un alibi, qualcosa a cui attaccarsi, al posto del tram (taches al tram, come si dice a Milano), quando non si vince.

Comunque uno il fatturato se lo fa con le sue mani, gestendo la sua società, dando continuità a una storia e a dei risultati, investendo nello stadio di proprietà, insomma con una strategia. Non è che il fatturato si incontri ai bordi delle strade. Insomma non è una bella intercettazione che prima o poi, come l’amore, arriva a risolvere i problemi della prima pagina dei nostri giornaloni (ma anche giornalini). Il fatturato lo devi mettere su te, con le tue capacità, l’intercettazione invece te la apparecchiano su un piatto (o un file, siamo millennials) e non devi fare altro che usarla. Il fatturato è qualcosa di positivo, dà lavoro a molte persone, porta le squadre avanti, fa crescere i giocatori. L’intercettazione “mano libera” serve solo a qualche giornalista a scrivere libri e a qualche avversario politico a far carriera, sempre che ci riesca.

Eppure la cosa strana di questa Italia è che il fatturato è guardato con sospetto. “Loro hanno il fatturato, noi no”. Mentre l’intercettazione indiscriminata è benedetta anche dai professoroni come Zagrebelsky. Il quale, vi ricordo, ragazzetti, ha votato come voi al referendum.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana