Google+

La lezione di stile dei bersaglieri di Ostuni ai giovani che sparano solo con la Playstation

ottobre 8, 2017 Pietrangelo Buttafuoco

Risuona lo squillo della fanfara, perché c’è qualcosa che contamina in quel vedere i bersaglieri tutti insieme: è la fierezza

bersaglieri-ansa

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Ho visto marciare i bersaglieri. Vanno a passo di carica, meglio: corrono. Sulle note della fanfara schizzano lasciando danzare il fez oltre le schiere. E così le piume, bellissime, che sono delle note di spavalda giovinezza ancor più quando a indossare i berretti sono dei vecchi cui non manca mai la passione, il senso di cameratismo, l’identità, anzi, l’identificazione totale con lo spirito di corpo. Quel corpo di solida corporeità che non conosce altro che lo spirito, va da sé.

Ho visto i bersaglieri a Ostuni, la prima domenica di ottobre, arrivati per il loro raduno del Centro-Sud. Ce n’era uno – alto, magro, coi suoi capelli innevati di novantenne – che già nel sedersi, dopo ore e ore di sfilata, impartiva una lezione di stile alle generazioni dei millennial il cui unico riferimento di militia è la playstation.

C’erano anche quelli di stanza all’estero, nelle cosiddette “missioni di pace”. Anzi, no, loro non c’erano. Marciavano per loro – meglio, correvano – le loro fidanzate, le loro mogli, le loro madri perfino, perché il bersagliere, nella sua essenza, è pur sempre un Ignazio Pisciotta, l’eroe della Prima Guerra Mondiale: «Tutti eroi! O il Piave, o tutti accoppati». Era una festa di popolo quella domenica di Ostuni. Anche adesso, sui tasti del computer, risuona lo squillo della fanfara, perché c’è qualcosa che contamina in quel vedere i bersaglieri tutti insieme: è la fierezza, ovviamente è la storia, quindi c’è un inaudito – la fedeltà – che agli italiani sveglia il mistero remoto dell’eroismo.

Tutti hanno tradito in Italia, i bersaglieri mai. Si sono arresi in tanti, nei giorni bui della patria, non i bersaglieri che si tengono pronti sempre nell’allerta della chiamata. Mio zio Serafino Erbicella, bersagliere, pur costretto alla poltrona di vegliardo, guatava il tavolo del tinello sperando diventasse un campo di Marte dove poter consumare la sua ultima fanfara.

E niente può contro i bersaglieri, la sabbia di El Alamein è un sacrario a cielo aperto nel ricordo del loro sacrificio. Erwin Rommel, la Volpe del Deserto, l’ha scolpito nel marmo: «Il soldato tedesco ha stupito il mondo, il bersagliere italiano ha stupito il soldato tedesco».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Delle monoposto a emissioni zero (245 cv in configurazione gara, per 225 km/h di velocità massima) che si sono sfidate il sabato 14 aprile lungo un tracciato cittadino di circa 2,8 km ricavato nel quartiere Eur, non si è parlato più di tanto, ancorché all’incontro capitolino del venerdì precedente abbia partecipato anche il Direttore del […]

L'articolo Renault: elettriche avanti tutta proviene da RED Live.

La Swift Sport punta a farsi largo tra le hot hatch puntando su un invidiabile bilanciamento tra telaio e meccanica. Anche il rapporto prezzo/dotazione è vincente

L'articolo Prova Suzuki Swift Sport <br> fame di curve proviene da RED Live.

Moto dotate di radar? Presto saranno realtà. Ducati ha in cantiere un ambizioso programma chiamato “Safety Road Map 2025” che prevede lo sviluppo di molti progetti a tema sicurezza, uno dei quali si chiama Ducati ARAS. Primi arrivi nel 2020

L'articolo Ducati ARAS, presto le moto con il radar proviene da RED Live.

Voglia di avventura, di scoprire nuove strade (bianche) in località toscane ricche di fascino. Senza fretta. La prima di tre tappe andrà in scena a Buonconvento il 29 aprile, in occasione della Nova Eroica

L'articolo Gravel Road Series, da aprile a ottobre. Info e iscrizioni proviene da RED Live.

Mini elettrizza la sua Countryman e si getta nel panorama delle ibride plug-in in modo speciale e a tratti unico. Pensate che le auto Ibride non siano ancora mature o non facciano per voi? Leggete la nostra prova su strada, ma siete avvisati: il rischio di ricredersi qui è alto

L'articolo Prova MINI Cooper S E Countryman ALL4 proviene da RED Live.