Google+

La bolletta sui rifiuti è aumentata del 600 per cento. Così Marino fa cassa sulla pelle delle scuole paritarie

gennaio 22, 2015 Redazione

Il Comune di Roma toglie le agevolazioni alle scuole non statali che si vedono recapitare bollette salatissime. Da 3.361 euro il conto sale a 20.771 euro

«Come faremo a pagare?». Già, come faranno? L’impresa appare impossibile. Come spiega oggi Avvenire, l’Istituto Santa Dorotea si è visto recapitare una bolletta sui rifiuti di oltre 20 mila euro (20.771 euro per la precisione). Come è potuto succedere? Suor Alberta Camatta, economa dell’istituto paritario, frequentato da 250 bambini dall’asilo alla terza media, è sconcertata. «Nel primo semestre del 2014, l’importo era stato di 3.361 euro. Quello del secondo semestre, arrivato adesso, è di 20.771 euro, il 600 per cento in più», racconta. Ma come lei sono nei guai tutte le scuole non statali capitoline. Il Comune, infatti, «a seguito dei vincoli di bilancio», non ha individuato le risorse per garantire anche quest’anno l’agevolazione e lo sconto sulla tassa rifiuti, e così alla scuola è arrivata la salatissima bolletta.

I CONTRIBUTI? MAI ARRIVATI. Come spiega il quotidiano, «nel regolamento sulle tariffe del 2013, l’articolo 16 disponeva l’agevolazione per le scuole; ma in quello per il 2014, il riferimento all’agevolazione è sparito. Il colpo di bisturi e l’intero regolamento sono stati approvati in un pomeriggio d’estate, il 18 luglio scorso, dall’Assemblea capitolina, ma gli effetti sono stati comunicati solo ai primi di gennaio, con la lettera acclusa alle bollette-salasso. Venti righe in burocratese, con un unico pallido segno d’attenzione: la suddivisione dell’importo in 6 rate mensili, “per venire incontro alle esigenze di liquidità degli istituti”».
Ovvie le proteste, sia per l’enormità della richiesta, sia per le modalità con cui questo è stata comunicata, tanto che il consigliere comunale Gianluigi De Palo (Cittadini x Roma) ha annunciato l’intenzione di un ricorso al Tar. Ma, oltre il danno, ecco la beffa: da due anni l’istituto sta aspettando contributi pubblici promessi ma mai arrivati.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

6 Commenti

  1. sganarello scrive:

    € 20.771 : 250 alunni = € 83,084
    Ma che cifra scandalosa è?? La formazione costa, si sa.

    • Kan63 scrive:

      83€ da sommare alla retta che sarà di circa 4.000€, per andare in una scuola paritaria (quindi pubblica) che probabilmente fa già risparmiare allo stato Italiano 200.000€…ah si è vero dimenticavo, allo stato, non al comune di Roma… anche lo sceriffo di Nottingham vuole la sua parte non solo il principe Giovanni.

  2. andrea scrive:

    Vorrei tanto poter scegliere la scuola per i miei figli lo stato e la politica corrotta hanno paura di questa scelta.
    ecco perché siamo costretti a pagare tasse su tasse per servizi inesistenti e a dir poco ridicoli compresa la scuola.
    lo stato farebbe molto meglio a dare il contributo non alle scuole ma ai genitori ed ognuno se lo spende nella scuola che reputa migliore

  3. RB scrive:

    Marino mette in difficolta’ migliaia di persone, che cercano di far valere i propri diritti. E continua a sorridere. Speriamo che i romani si sveglino, e lo mandino in pensione ( senza cumulare pensioni )

  4. Marina scrive:

    Troppo preso a fantasticare sui matrimoni gay per gestire decentemente la sua città.

  5. riccardo scrive:

    a quando l’esproprio modello Cavour? Tali padri tali figli (e si stimano uomini liberi!).
    Comunque non prendetevela con marino, la natura si è già accanita abbastanza

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana