Google+

Iraq. La città di Falluja è nelle mani di al Qaeda

gennaio 4, 2014 Redazione

Dopo combattimenti durati una settimana, l’esercito e la polizia iracheni hanno dovuto lasciare la città all’Isis, braccio militare di al Qaeda

Dopo una settimana di combattimenti, la città di Falluja, nel nord dell’Iraq, è caduta nelle mani degli estremisti islamici affiliati all’Isis. Secondo il Washington Post, i jihadisti provenienti dalla Siria hanno costretto l’esercito iracheno alla ritirata e da questa mattina, a Falluja, su tutti gli edifici sventolerebbe la bandiera nera dello stato islamico dell’Iraq e del Levante.

EMIRATO ISLAMICO.  «Al momento, non c’è la presenza dello stato iracheno a Falluja», ha riferito al Washington Post un giornalista locale. «La polizia e l’esercito hanno abbandonato la città. Al Qaeda ha tolto le bandiere irachene e le ha bruciate, e poi ha issato la sua bandiera su tutti gli edifici». Secondo il quotidiano americano, ieri, durante la preghiera del venerdì, davanti a una folla di migliaia di persone, un combattente mascherato dell’Isis ha annunciato la creazione di un «emirato islamico» a Fallujah, promettendo di aiutare i residenti a combattere il governo del primo ministro Nouri Al Maliki e i suoi alleati iraniani.

TRIBÙ SENZA DIREZIONE. Non è chiaro quale sia il ruolo svolto dalle tribù locali della regione di Anbar, dove si trova Falluja, e che da mesi è luogo di scontri e di combattimenti fra l’Isis e l’esercito iracheno. Secondo un capo tribù sunnita locale, interrogato dal Washington Post, tutti i combattenti tribali di Ramadi (un’altra città della regione interessata dagli scontri) avrebbero impugnato le armi contro gli affiliati di al-Qaeda e starebbero collaborando con la polizia irachena e ricevendo armi e sostegno da parte dell’esercito iracheno. Ma, secondo fonti del quotidiano israeliano Haaretz, a Falluja, invece, le tribù si sarebbero alleate con l’Isis, per combattere contro il governo di Al Maliki e contro i suoi alleati iraniani.

SCONTRI NELLA REGIONE. Nel nord-ovest dell’Iraq, regione popolata dai sunniti, da mesi si assistono a rivolte e scontri armati fra esercito regolare, jihadisti e tribù locali. La situazione di crescente tensione, scatenata dalla guerra civile in Siria, dove jihadisti e ribelli, per lo più sunniti, combattono contro il presidente siriano Bashar Assad sta minacciando sempre di più il delicato equilibrio nella regione.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

7 Commenti

  1. Leo says:

    Nel 2005 Micalessin pubblicava su questo stesso giornale un orripilante articolo
    http://www.tempi.it/balle-esplosive-di-fosforo-bianco#.UsiFYUDJdOE che sdoganava il fosforo bianco usato dagli statunitensi a Falluja (dove centinaia di bambini continuano a nascere deformi a causa dell’uranio impoverito).
    Se gli americani non avessero incenerito i patrioti di Falluja forse a quest’ora ci sarebbe qualcuno che potrebbe resistere agli islamisti di Al Qaeda (che sono usati dagli occidentali altrove)

    • Mappo says:

      Leo, devi avere le idee un po’ confuse, i “patrioti” di Falluja inceneriti dagli americani, sono gli stessi che oggi hanno occupato la città. Gli americani in quella occasione hanno solo eliminato un po’ di spazzatura,purtroppo non abbastanza. Comunque speriamo che questo obblighi l’Iran a mandare un po’ di pasdaran nell’area. Niente di meglio che vedere pasdaran e al qaedisti scannarsi a vicenda, come sta succedendo già in Siria.

      • Leo says:

        Caro lucido e non confuso Mappo, i bambini deformi di Falluja (evidentemente figli della tua “spazzatura”) ti ringraziano per le tue neutralissime, documentatissime e razionalissime considerazioni.

        • Leo says:

          In realtà che cosa abbiano usato gli americani a Falluja nel 2004 non s’è mai esattamente saputo, ma ancor oggi, il tasso di mortalità neonatale supera di 6 volte quello della Giordania, le malformazioni fetali sono endemiche, leucemia e di cancri fra i sopravvissuti superano largamente quelli di Hiroshima.
          A Falluja la cosidetta Al Qaeda non ha mai combattuto. Questa città era la roccaforte della kabila dei Tikriti (sunniti saddamiti e baathisti).
          Città di 300 mila abitanti, di cui almeno 25 mila erano rimasti intrappolati nelle case, fu ridotta a un cumulo di rovine fumanti, Dopo di chè seguirono i rastrellamenti, casa per casa.
          Gli americani, lo provarono diversi video, finivano i combattenti feriti a mitragliate.
          Dopo un mese di diluvio di fuoco, i tikriti continuavano a combattere.
          Ma i marine spararono anche sui civili che, con la bandiera bianca, cercavano di uscire dalla città.Gli aggressori non permisero che aiuti medici e rifornimenti, organizzati dagli iracheni di Baghdad, entrassero nella città devastata.
          Lo vietarono perfino a delegazioni dell’ONU e dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

          • marzio says:

            Una cosa è certa. Leo, con il Partito Baath al potere i miliziani di al qaeda sarebbero stati buttati fuori in 3 giorni.

            • Leo says:

              Poco ma sicuro Marzio. E soprattutto non sarebbero neanche riusciti ad entrare in Iraq. Una delle prime conseguenze dell’invasione NATO fu che le frontiere dell’Iraq rimasero incustodite.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.

La terza generazione della Volkswagen Touareg si butta nella mischia dei SUV premium forte di numerosi accessori hi-tech. Disponibile per ora solo con motore 3.0 V6 TDI, ha prezzi che partono da 61.000 euro

L'articolo Prova Volkswagen Touareg 2018 proviene da RED Live.

Si chiamano Sport Edition e Sport Edition2 le due nuove versioni della Renault Captur che la Casa francese ha presentato a Roma – presso la Fondazione Exclusiva del rione Testaccio – il 14 maggio. La data non è casuale, e coincide con l’apertura delle prenotazioni dell’edizione rivista in alcuni dettagli e arricchita di una delle […]

L'articolo Renault Captur: ora è Sport Edition, e anche “al quadrato” proviene da RED Live.

Momodesign continua a rinnovare la sua gamma di prodotti incentrata sui caschi, che sono diventati negli anni un acquisto irrinunciabile per scooteristi e motociclisti attenti alle tendenze e allo stile. Il nuovo jet open face fa intuire fin dal nome la sua vocazione: interpretare la contemporaneità del design con linee decise, che mantengono comunque assoluta […]

L'articolo Momodesign Blade Urban Wonder proviene da RED Live.