Google+

Inps, Mastrapasqua lancia un allarme sul bilancio dell’istituto

novembre 14, 2013 Chiara Rizzo

Ascoltato in commissione bicamerale, il presidente dell’Istituto di previdenza ha spiegato di aver avvertito i ministri all’Economia e al Lavoro che l’accorpamento di altri enti ha creato «squilibri incolmabili»

Il bilancio dell’Inps darebbe «un segnale di non tranquillità»: lo ha appena dichiarato davanti alla commissione bicamerale sul controllo degli enti previdenziali Antonio Mastrapasqua, presidente dell’Inps.

«SQUILIBRIO INCOLMABILE». Mastrapasqua ha fatto sapere di aver già scritto ai ministri dell’Economia Fabrizio Saccomanni e del Lavoro, Enrico Giovannini, avvertendoli della situazione e chiedendo loro di fare un’accurata riflessione sui conti dell’Istituto previdenziale. Le motivazioni che lasciano cupi timori sul bilancio Inps, secondo quanto ha dichiarato Mastrapasqua alla commissione oggi, non riguardano tanto il presente dell’istituto stesso quanto buchi incolmabili provenienti da un altro ente, l’Inpdap, accorpato poi all’Inps: «un accorpamento che ha creato uno squilibrio incolmabile». Ha spiegato Mastrapasqua infatti che c’è «uno squilibrio imputabile essenzialmente ai deficit ex Inpdap, alla forte contrazione dei contributi per blocco del turnover del pubblico impiego e al continuo aumento delle uscite per prestazioni istituzionali». L’audizione del presidente dell’Inps in Commissione è stata aggiornata a data da destinarsi.

SACCOMANNI: «SITUAZIONE SOTTO CONTROLLO». Il deficit Inpdap si sarebbe avviato nel 2008, data fino a cui lo Stato trasferiva delle risorse per coprire le spese di gestione dell’ente di previdenza per i pubblici impiegati: poi il buco Inpdap avrebbe stravolto i conti dell’Inps con l’accorpamento voluto dal governo Monti, secondo quanto puntualmente riferito stamane da Mastrapasqua: «Sarebbe auspicabile riflettere sulla possibilità di intervenire, per legge, in modo da tornare alla situazione precedente alla Finanziaria del 2008, quando in pratica l’Inpdap diventò debitore dello Stato da creditore che era, con la conseguente generazione dello squilibrio, che ora, dopo la fusione, ricade sull’Inps». Nel 2011 – come si può leggere nella nota Inps di assestamento del bilancio 2012 – l’Indpap ha riversato sul bilancio complessivo i suoi 10,2 miliardi di euro di disavanzo patrimoniale, e circa 5,8 miliardi di euro per l’esercizio 2012. Oggi Mastrapasqua ha chiesto: «L’accorpamento deve consentire la realizzazione di una riduzione dei costi complessivi di funzionamento non inferiore a 20 milioni di euro nel 2012, 50 milioni di euro per l’anno 2013 e 100 milioni di euro a decorrere dal 2014». A gettare acqua sul fuoco ci ha pensato il ministro all’Economia, Fabrizio Saccomanni, che ha tranquillizzato sulla situazione spiegando che « È un problema tecnico che stiamo valutando, ne abbiamo parlato anche con Giovannini, ci sta lavorando la ragioneria, non c’è nessun motivo di allarme».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.