Google+

L’immortalità congelata

novembre 27, 2016 Emanuele Boffi

Nel mondo sono qualche centinaio le persone che hanno pagato grandi cifre per essere rinchiuse in bidoni sottozero così da essere in un futuro scongelate, curate, “rivitalizzate”

«Se ho aspettato tutta la vita di morire, perché non dovrei aspettare tutta la morte per tornare a vivere?», è una delle domande poste da un italiano che ha sottoscritto un contratto di ibernazione con un’agenzia americana. La settimana scorsa la Bbc ha dato notizia che un giudice dell’Alta Corte ha acconsentito alla richiesta di una quattordicenne malata terminale di potere essere ibernata una volta defunta.

Nel mondo sono qualche centinaio le persone che hanno pagato grandi cifre per essere rinchiuse in bidoni sottozero così da essere in un futuro scongelate, curate, “rivitalizzate”. Ad oggi non v’è alcuna tecnica che possa garantirlo, ma in futuro… chissà.

Vaneggiamenti di facoltosi buontemponi che hanno letto troppi romanzi distopici? Sicuramente, ma non solo. Nel 2013 Time mise in copertina il titolo “Google può sconfiggere la morte?”, raccontando come i guru della Silicon Valley siano ormai certi che la morte possa essere sconfitta e derubricata a banale malattia curabile con algoritmi, pillole, scongelatori.

Una questione resta, tuttavia, irrisolta. Se la tecnologia può impancarsi a nuovo Cristo che chiama Lazzaro a uscire dalla tomba, non può promettere l’eternità (una vita nuova), ma solo l’immortalità (una vita più lunga). Ma a che serve rimandare la morte se non si risponde al grande interrogativo che essa inevitabilmente suscita nei vivi? Che non è solo “cosa c’è dopo?”, ma soprattutto “per cosa vale la pena vivere qui ed ora?”. Non basterà congelare il cadavere per congelare la domanda.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Passano gli anni ma il tre cilindri della Triumph Speed Triple rimane una delle moto da bar tra le più gustose. Ha coppia e cavalli giusti, non è una moto rapida, ma ha un bell'avantreno e una ciclistica sportiva: 13.850 euro la S e 15.950 euro la RS

L'articolo Prova Triumph Speed Triple 1050 RS proviene da RED Live.

Botte piena e moglie ubriaca? I moderni pneumatici Sport Touring puntano a darvi di tutto un po’. Durata, miglior comportamento sul bagnato, e più efficacia nella guida “spigliata” sono i punti chiave su cui Michelin ha lavorato per il nuovo Road 5. Saranno riusciti nell’intento? Siamo andati in Spagna per verificarlo

L'articolo Prova Michelin Road 5 Sport Touring per vocazione proviene da RED Live.

Tutta nuova, la berlina del Leone graffia molto di più rispetto al passato. Perché è più corta e bassa, ha un design dinamico e la solita attenzione al look by Peugeot. La toccheremo con mano al prossimo Salone di Ginevra

L'articolo Nuova Peugeot 508, la berlina si fa bella proviene da RED Live.

Basata sulla piattaforma EMP2, ha due lunghezze, un bagagliaio smisurato e interni da berlina di lusso. Per elevare verso nuovi orizzonti il concetto di veicolo Multispazio

L'articolo Peugeot Rifter, la nuova multispazio a Ginevra proviene da RED Live.

Una storia, quella delle Sportster, nata nel 1957 e destinata a continuare senza sosta e senza eclatanti sorprese. Anche quest’anno infatti la famiglia si allarga e lo fa grazie a due nuove interpretazioni che combinano lo stile rétro ispirato ai canoni classici del mondo custom e le prestazioni pungenti del motore V-Twin 1200 Evolution.  IRON […]

L'articolo Nuove H-D Sportster Forty-Eight Special e Iron 1200 proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi