Google+

L’immortalità congelata

novembre 27, 2016 Emanuele Boffi

Nel mondo sono qualche centinaio le persone che hanno pagato grandi cifre per essere rinchiuse in bidoni sottozero così da essere in un futuro scongelate, curate, “rivitalizzate”

«Se ho aspettato tutta la vita di morire, perché non dovrei aspettare tutta la morte per tornare a vivere?», è una delle domande poste da un italiano che ha sottoscritto un contratto di ibernazione con un’agenzia americana. La settimana scorsa la Bbc ha dato notizia che un giudice dell’Alta Corte ha acconsentito alla richiesta di una quattordicenne malata terminale di potere essere ibernata una volta defunta.

Nel mondo sono qualche centinaio le persone che hanno pagato grandi cifre per essere rinchiuse in bidoni sottozero così da essere in un futuro scongelate, curate, “rivitalizzate”. Ad oggi non v’è alcuna tecnica che possa garantirlo, ma in futuro… chissà.

Vaneggiamenti di facoltosi buontemponi che hanno letto troppi romanzi distopici? Sicuramente, ma non solo. Nel 2013 Time mise in copertina il titolo “Google può sconfiggere la morte?”, raccontando come i guru della Silicon Valley siano ormai certi che la morte possa essere sconfitta e derubricata a banale malattia curabile con algoritmi, pillole, scongelatori.

Una questione resta, tuttavia, irrisolta. Se la tecnologia può impancarsi a nuovo Cristo che chiama Lazzaro a uscire dalla tomba, non può promettere l’eternità (una vita nuova), ma solo l’immortalità (una vita più lunga). Ma a che serve rimandare la morte se non si risponde al grande interrogativo che essa inevitabilmente suscita nei vivi? Che non è solo “cosa c’è dopo?”, ma soprattutto “per cosa vale la pena vivere qui ed ora?”. Non basterà congelare il cadavere per congelare la domanda.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

No, decisamente la Volkswagen non poteva restare a guardare. Il segmento delle B-Suv, vale a dire delle sport utility compatte, vive un momento di grande fermento e successo. La Casa tedesca, che sinora aveva nella Tiguan la proposta più “piccola”, doveva correre ai ripari. Ecco dunque avvicinarsi la presentazione ufficiale, prevista in occasione del Salone […]

L'articolo Volkswagen T-Roc: pronta alla battaglia proviene da RED Live.

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana