Google+

I pescatori di Lampedusa: «Abbiamo paura di uscire in mare, quelli sparano e tagliano teste»

febbraio 17, 2015 Chiara Rizzo

Sirte nelle mani dell’Isis. Intervista al presidente della confederazione dei pescatori dell’isola: «Scafisti hanno fatto fuoco sulla capitaneria. Chi difende la nostra isola?»

lampedusa-pescatori-profughi-shutterstock_152651534«I pescatori di Lampedusa ancora si ricordano di quello che è accaduto nel 1986». Salvatore Martello, presidente del Consorzio pescatori di Lampedusa, in queste ore continua a raccontarlo a chi gli chiede quale sia la situazione nell’isola dopo che lo Stato islamico ha preso la città di Sirte in Libia. Il 15 aprile ’86, 24 ore dopo che il presidente americano Ronald Reagan aveva ordinato un attacco aereo sulla Libia per eliminare Gheddafi, il Colonnello si vendicò, ordinando il lancio di due missili Scud su Lampedusa, dove aveva sede un centro Loran della Nato. Gli isolani sentirono distintamente intorno alle 17 i due forti boati dei missili, e nel panico si rifugiarono nei “dammusi” delle zone interne di Lampedusa: «L’allora ministro della Difesa Giovanni Spadolini – ricorda Martello a tempi.it – disse che i missili di Gheddafi non sarebbero arrivati in Italia, perché anche lui non considerava Lampedusa come italiana in fondo. Ecco. Il clima che viviamo in questi giorni è lo stesso di allora, un senso di abbandono».

Qual è la situazione in queste ultime ore?
Stamattina le barche lampedusane sono uscite a pescare come sempre. Ma pian piano tutti decidono di rientrare anzitempo. Con le notizie che ci sono in giro, i continui sbarchi di clandestini di questi giorni, la tensione per una guerra o un attentato, c’è molta paura. Tripoli dista dalla nostra isola 180 miglia, mentre il golfo di Sirte è a circa 200 miglia. Noi di solito ci spingiamo a circa 50 miglia di distanza da Lampedusa, quindi la distanza dalle coste libiche si riduce a 130 miglia. E Porto Empedocle, il più vicino porto siciliano, è pure a 130 miglia. Noi lampedusani siamo nel mezzo del caos, mentre la distanza con l’Italia e quella con Sirte per noi è la stessa. Ricordiamo ancora quando Gheddafi lanciò due missili nel 1986. All’epoca uno arrivò vicino, un altro superò l’isola senza colpirla. Ma noi eravamo abbandonati a noi stessi, e lo siamo anche oggi.

Cosa le dicono i pescatori con cui ha parlato in questi ultimi giorni?
Oggi rientrando i pescatori mi hanno detto: «Noi ci spaventiamo a stare in mare. Non si può stare tranquilli. Ascoltando la radio a bordo sentiamo continuamente notizie di nuovi barconi nelle vicinanze e adesso abbiamo paura che dalla Libia non partano più solo migranti. Quelli che hanno occupato Sirte sono terroristi che hanno tagliano teste». Ieri è arrivata la notizia che sono stati uccisi 21 copti egiziani. Che prospettive possiamo avere con un vicino del genere? Solo la paura. Intanto in questi giorni sono proseguiti i salvataggi di barconi di migranti in mare: solo tra sabato e oggi ben 800 persone sono state messe in salvo dalle vedette. Il problema è che la situazione in Libia è fuori controllo. A noi pescatori ultimamente non è accaduto di incrociare barconi (perché l’operazione Triton spinge le vedette anche oltre le acque dove di solito pescano i lampedusani, ndr), però è accaduto un fatto insolito che ci ha molto preoccupati.

Cioè?
Ieri (l’altroieri per chi legge, ndr) una vedetta della capitaneria si è avvicinata ad un barca carica di migranti per salvarli. Durante le operazioni di soccorso, si è avvicinata un’altra barca, con a bordo degli scafisti, che hanno attaccato la vedetta italiana con colpi di mitragliatrice. Gli uomini della capitaneria erano armati solo delle pistole di ordinanza, perciò se ne sono dovuti andare senza poter rispondere al fuoco. Nessuno sa perché sia stato fatto fuoco con i mitra, un’ipotesi è che gli scafisti volessero recuperare il barcone prima che venisse sequestrato dalla capitaneria. Qualunque sia la ragione, non importa: è la prima volta che accade, però la preoccupazione che succeda ancora rimane. I pescatori si chiedono cosa potrebbero fare se accadesse a loro, che non sono armati. Come rispondiamo se ci sparano, gli tiriamo addosso i pesci? Sa, qui non si sa neanche chi difende le nostre, di coste. Noi siamo andati per la Germania e la Francia ad abbattere Gheddafi, ma almeno quando c’era lui avevamo un solo capo con cui interloquire, ora in Libia non si sa chi comanda e non c’è nessuno che tenga l’ordine. In linea teorica le nostre coste le dovrebbero difendere gli italiani, o l’Europa. Ma per il momento non abbiamo visto nulla. Cosa aspettano a difenderci? Negli ultimi tempi non ci sono state più pattuglie, sono aumentati solo i soccorsi. Bisogna controllare chi parte dalla Libia, perché una volta in mare è impossibile fermare le persone.

Avete già avuto perdite economiche per questa situazione?
Qui a Lampedusa diciamo che siamo in pre-fallimento. Perdite economiche legate al turismo e causate dagli sbarchi ne abbiamo avute molte dal 2009. Ma se continua anche il fermo forzato della pesca, per la paura di morire quando usciamo in mare, dovremo chiedere al governo lo stato di calamità.

Foto Lampedusa da Shutterstock

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Filippo81 scrive:

    Il vostro sindaco pare sia invece entusiasta ogni volta che arrivano clandestini.

    • angelo scrive:

      la giusy spera di diventare segretaria del neo cardinale.

      • Raider scrive:

        Tutti gli immigrati in arrivo li ospiteranno a casa propria il sindaco e la famiglia Maggiore a casa propria e il cardinale Montenegro nei locali della Curia: arrivano in migliaia, vediamo a chi gli offre di più.
        E intanto, i siciliani falliti, disoccupati, disperati, con una Regione Sicilia sull’orlo della bancarotta, sembra che non esistano. Visto che ai siciliani non è rimasto più niente da promettergli o predicargli, ecco, allora, che si lanciano incentivi all’immigrazione per farsi belli senza porsi troppi problemi di accoglienza, assistenza e convivenza.

  2. Ellas scrive:

    I non mafiosi devono stare muti o li fanno secchi: gli affari dei politici non vanno disturbati, questa è la verità.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Opel torna nel segmento delle SUV medie. E lo fa sbattendo la porta con tanta forza da far tremare i vetri. La nuova Grandland X, terzo atto della saga X dopo Mokka X e Crossland X, è una vettura concreta, spaziosa, confortevole e ben rifinita. Oltretutto forte di un design piacevole. Caratteristiche che, di per […]

L'articolo Prova Opel Grandland X proviene da RED Live.

L’ingresso di Fiat nel segmento dei Pick-up avviene grazie a una importante e strategica collaborazione con Mitsubishi di cui il Fullback è “figlio legittimo”. Stringendo una intelligente partnership con chi è stato ritenuto il miglior interprete di questa filosofia, Fiat ha infatti potuto entrare sul mercato dalla porta principale con un mezzo che, già in […]

L'articolo Prova Fiat Fullback LX 180 CV, buona la prima proviene da RED Live.

Pirelli ci riprova. Dopo il lancio degli pneumatici da bici P Zero Velo riparte dal ciclismo il progetto Pirelli Design, avviato dall’azienda per valorizzare il suo bacino di conoscenze in fatto di tecnologia. Procede dunque in questa direzione la nuova capsule collection con la collaborazione di Castelli, azienda italiana con più di quarant’anni di storia vissuta […]

L'articolo Pirelli Design e Castelli insieme per una collezione speciale proviene da RED Live.

Le due rappresentanti heritage della Casa di Iwata si tingono di nuovi colori e richiamano ancora di più il passato: sono le Yamaha XSR700 e XSR900 2018

L'articolo Yamaha XSR700 e XSR900 2018 proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. La prova della nuova gamma Softail comincia così, all’insegna di un motto indiscutibilmente americano. Oltre alle suggestioni culturali, però, c’è altro: otto modelli del tutto inediti, progettati ex novo per essere attuali oggi e soprattutto domani. Nel futuro di Harley-Davidson, infatti, ci saranno 100 nuovi modelli in 10 anni. […]

L'articolo Prova Harley-Davidson gamma Softail 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana