Google+

Ho Feng-Shan, lo “Schindler cinese” che salvò migliaia di ebrei dallo sterminio. E non lo raccontò a nessuno

luglio 26, 2015 Leone Grotti

Da console generale cinese a Vienna, rischiò vita e carriera per concedere tra i 2.000 e i 4.000 visti per Shanghai a ebrei. Dal 2000 è “Giusto tra le nazioni”

Ho-Feng-Shan-yad-vashem«La stragrande maggioranza della gente che è stata salvata non sapeva neanche il suo nome, non aveva idea di chi fosse. Loro si mettevano solo in fila per avere un visto, e sapevano che solo all’ambasciata cinese l’avrebbero ottenuto». Se nel 1997 Ho Manli non avesse scritto un lungo articolo sul Boston Globe in memoria di suo padre, Ho Feng-Shan (letteralmente, la “fenice della montagna”), che era appena morto, il mondo non sarebbe mai venuto a sapere dell’incredibile storia dello “Schindler cinese”.

GIUSTO TRA LE NAZIONI. Ho è stato console generale a Vienna della Repubblica di Cina dal 1938 al 1940 (di lì a pochi anni il suo paese sarebbe stato conquistato dai comunisti di Mao Zedong), e in quel periodo ha salvato dalla persecuzione nazista almeno 2 mila ebrei, forse anche il doppio. È stato uno dei primi a mettere in salvo gli ebrei, nonostante l’opposizione dei suoi superiori e le minacce della Gestapo, e nel 2000 è stato definito dallo Yad Vashem “Giusto tra le nazioni”, unico cinese insieme a Pan Yun-shun.

VIETATO CONCEDERE VISTI. Quando nel 1938 la Germania invase l’Austria, Ho aveva 37 anni e aveva appena cominciato a lavorare al consolato. I nazisti fecero di tutto per cacciare i circa 185 mila ebrei che vivevano in Austria, ma per andarsene era necessario un visto, foglio di via che nessuno Stato al mondo voleva concedere loro a causa delle strettissime politiche immigratorie. Anche l’ambasciatore cinese a Berlino, Chen Jie, si era raccomandato che nessun visto venisse concesso agli ebrei, ma Ho agì diversamente.

GLI EBREI SALVATI. Poiché il diplomatico era umile e non amava vantarsi, sia durante la sua “vita attiva” sia nelle sue memorie parlò pochissimo di ciò che aveva fatto. Per certo si sa solamente che il 27 ottobre 1938, pochi mesi dopo l’inizio del suo mandato, aveva già rilasciato 1.906 visti ad ebrei. È probabile che in tutto ne abbia salvati circa 4.000, concedendo i lasciapassare per Shanghai, da dove gli ebrei avevano la libertà di spostarsi in tutto il mondo.

LE ACCUSE DEI SUPERIORI. Quando Chen, il superiore di Ho, si accorse che l’ambasciata cinese continuava a rilasciare visti, gli ordinò di smetterla per mantenere i buoni rapporti con Berlino. Accusò anche Ho di essere corrotto e di venderli per trarne profitto, ma l’indagine aperta finì in un nulla di fatto. Ho però pagò il suo coraggio, visto che negli archivi è rimasta una nota di demerito a suo carico. Nel 1940, dopo aver lasciato Vienna ed essersi unito al governo nazionalista a Taiwan, sconfitto dalla rivoluzione maoista, lo “Schindler cinese” lavorò in Egitto, Turchia, Messico e Colombia prima di stabilirsi a San Francisco, dove morì nel 1997.

«MI HA FIRMATO 20 VISTI». Solo dopo la sua morte, la figlia Manli (foto sotto, insieme al fratello Ho Manto) cominciò un lavoro certosino, nel tentativo di trovare gli ebrei che il padre aveva salvato. Rintracciarli tutti fu impossibile, ma dalle poche testimonianze raccolte si capisce l’entità dell’opera di Ho. «Avevo girato 50 consolati e tutti mi avevano negato il visto», ha raccontato Eric Goldstaub, oggi ultranovantenne, salvato da Ho all’età di 17 anni e residente a Toronto. «Quando sono entrato nel consolato cinese, lui mi ha accolto con mia grande sorpresa, mi ha sorriso e mi ha firmato 20 visti per tutta la mia famiglia. Senza di lui, quante persone oggi non esisterebbero!».

SALVATI DAI LAGER. Per salvare altre famiglie, Ho ha affrontato gli uomini della Gestapo, che gli puntarono la pistola alla fronte perché la smettesse di distribuire visti. Lui continuò e concedendo i documenti ai Rosenberg, li fece uscire di prigione e permise loro di fuggire a Shanghai. La famiglia di Karl Lang, invece, grazie al visto venne fatta uscire dal campo di concentramento di Dachau. Altri scamparono alla morte a cui sarebbero stati destinati nel lager di Buchenwald.

Ho-manli-yad-vashem

QUEI DOCUMENTI LANCIATI. Anche Gerda Gottfried Kraus, oggi residente in Canada, è stata salvata: «Mio marito era in fila al consolato cinese nella speranza di ottenere i documenti. La coda era lunghissima. Vide una macchina del consolato arrivare e fece in tempo a gettare la sua domanda compilata nell’auto attraverso il finestrino. Pochi giorni dopo ricevette una telefonata dal consolato: il nostro visto era pronto».

«I DEMONI DI HITLER». Sulla sua incessante attività, Ho lasciò queste poche righe scritte nelle sue memorie: «A partire dall’Anschluss, la persecuzione degli ebrei da parte dei “demoni” di Hitler è diventata sempre più feroce. Io ho usato ogni mezzo possibile per aiutarli, senza risparmiare le mie forze, e salvare innumerevoli ebrei». Quest’anno, in occasione del 70esimo anniversario della vittoria degli Alleati nella Seconda Guerra mondiale e di quella cinese nella guerra sino-giapponese, Taiwan conferirà a Ho un riconoscimento speciale «per aver salvato molte vite, anche se questo riconoscimento arriva con molti anni di ritardo».

«RESTITUIRE I DONI DI DIO». Ma perché lo “Schindler cinese” ha rischiato la vita e la carriera per salvare gli ebrei? Lo ha spiegato la figlia Manli. Il padre era nato nel 1901 nella Cina rurale a Yiyang (Hunan). Di famiglia poverissima, a sette anni era rimasto da solo con le sorelle per la morte del padre. È solo grazie a una missione cristiana se ha avuto la possibilità di ricevere un’educazione e studiare, fino a diventare console generale. «Nelle sue memorie – racconta Manli – afferma di essere stato educato al sacrificio di sé e all’importanza di restituire i doni ricevuti. Lui credeva che Dio lo avesse benedetto con molti doni e credeva che questi non fossero solo per lui, ma che dovesse usarli per servire gli uomini e la società. Questo è uno dei fattori che lo hanno spinto a salvare tanti ebrei in Austria. Lui diceva che vedendo il destino a cui erano condannati gli ebrei, non si poteva non provare compassione per loro. Per lui era naturale fare qualcosa, si sentiva obbligato ad aiutarli dal punto di vista umano».

Foto Yad Vashem


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. SUSANNA ROLLI scrive:

    Questa razza di cristiani, pieni di interessi, di dogmi, egoisticamente trogloditi, del medioevo, eh?? Capaci solo a “bloccare” l’evolversi dell’umanità nuova, aperta, vera, libera!!!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana