Google+

«Non ha ucciso, ha accorciato l’agonia». Francia, caso Bonnemaison (esempio di come si mascheri oggi l’eutanasia)

giugno 12, 2014 Leone Grotti

Inizia il processo a un medico accusato di aver ucciso sette pazienti in cui si svela una grande ipocrisia. Le sue stesse parole sono state adoperate da Hollande per legalizzare la dolce morte

Il processo a Nicolas Bonnemaison è cominciato ieri e ha già cominciato a far discutere in Francia. L’ex medico d’urgenza dell’ospedale Bayonne è accusato di aver ucciso sette pazienti con l’eutanasia. L’uomo, che dal 2011 non può esercitare la professione e che è stato radiato dall’albo dei medici il 24 gennaio 2013, ha sempre ammesso di aver posto fine alle loro sofferenze e di averlo fatto per il loro bene.

«È UN BUON DOTTORE». La moglie di Bonnemaison, riporta il Le Monde, ha dichiarato quando è stata chiamata a testimoniare: «Nicolas non è un assassino, né un avvelenatore, ma un buon dottore. Non ha mai posto fine a una vita. Ha accorciato delle agonie». Come spesso avviene nei casi di eutanasia, molto si gioca sulle espressioni usate per definire il gesto: secondo il medico e la moglie si tratta di atti umani e compassionevoli, per le famiglie dei pazienti di omicidio.

«NON VOLEVO CHE SOFFRISSERO». Bonnemaison, che è sostenuto al processo da lobby pro eutanasia che hanno raccolto in suo favore 11 mila firme, prima di avvelenare i suoi pazienti in fin di vita non ha consultato né i diretti interessati, né le famiglie, né i loro medici «perché non volevo che [i medici] soffrissero nel prendere una simile decisione. Ecco perché ho agito da solo. Non volevo neanche che le famiglie si sentissero in colpa».

«NON MI BATTO PER L’EUTANASIA». Il presidente della Corte ha poi chiesto al dottore: «Lei ha ripetuto durante l’istruttoria di non essere un militante dell’eutanasia. Perché ha fatto questa precisazione?». Bonnemaison ha risposto: «L’eutanasia non è la mia battaglia. Il mio ruolo non è di precipitare un decesso né di liberare dei letti. Io voglio alleviare le sofferenze dei pazienti. Fare in modo che non soffrano più».

STESSE PAROLE DI HOLLANDE. Queste ultime dichiarazioni fanno specie: non solo perché sono le stesse ripetute dai sostenitori dell’eutanasia, che Bonnemaison dice di non aver voluto applicare, ma anche perché hanno lo stesso senso delle parole utilizzate da Hollande nello scorso gennaio, quando ha annunciato di voler legalizzare l’eutanasia approvando una «assistenza medicale per terminare la propria vita in modo degno». Dunque, gli stessi motivi che hanno portato Bonnemaison a rischiare l’ergastolo, potrebbero presto diventare criteri di legge.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. augusto says:

    Non ha ucciso , ha accorciato l’agonia….sarebbe come dire “un malvivente ha assassinato una persona,,,,,,ma non l’ha assassinata, ha semplicemente anticipato la sua morte evitando alla vittima ulteriori dolori, sofferenze,problemi,ecc quindi le ha fatto del bene !” Questa è una delle CRIMINALI e FOLLI logiche alla base della mentalità dominante contemporanea.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download