Google+

«Non ha ucciso, ha accorciato l’agonia». Francia, caso Bonnemaison (esempio di come si mascheri oggi l’eutanasia)

giugno 12, 2014 Leone Grotti

Inizia il processo a un medico accusato di aver ucciso sette pazienti in cui si svela una grande ipocrisia. Le sue stesse parole sono state adoperate da Hollande per legalizzare la dolce morte

Il processo a Nicolas Bonnemaison è cominciato ieri e ha già cominciato a far discutere in Francia. L’ex medico d’urgenza dell’ospedale Bayonne è accusato di aver ucciso sette pazienti con l’eutanasia. L’uomo, che dal 2011 non può esercitare la professione e che è stato radiato dall’albo dei medici il 24 gennaio 2013, ha sempre ammesso di aver posto fine alle loro sofferenze e di averlo fatto per il loro bene.

«È UN BUON DOTTORE». La moglie di Bonnemaison, riporta il Le Monde, ha dichiarato quando è stata chiamata a testimoniare: «Nicolas non è un assassino, né un avvelenatore, ma un buon dottore. Non ha mai posto fine a una vita. Ha accorciato delle agonie». Come spesso avviene nei casi di eutanasia, molto si gioca sulle espressioni usate per definire il gesto: secondo il medico e la moglie si tratta di atti umani e compassionevoli, per le famiglie dei pazienti di omicidio.

«NON VOLEVO CHE SOFFRISSERO». Bonnemaison, che è sostenuto al processo da lobby pro eutanasia che hanno raccolto in suo favore 11 mila firme, prima di avvelenare i suoi pazienti in fin di vita non ha consultato né i diretti interessati, né le famiglie, né i loro medici «perché non volevo che [i medici] soffrissero nel prendere una simile decisione. Ecco perché ho agito da solo. Non volevo neanche che le famiglie si sentissero in colpa».

«NON MI BATTO PER L’EUTANASIA». Il presidente della Corte ha poi chiesto al dottore: «Lei ha ripetuto durante l’istruttoria di non essere un militante dell’eutanasia. Perché ha fatto questa precisazione?». Bonnemaison ha risposto: «L’eutanasia non è la mia battaglia. Il mio ruolo non è di precipitare un decesso né di liberare dei letti. Io voglio alleviare le sofferenze dei pazienti. Fare in modo che non soffrano più».

STESSE PAROLE DI HOLLANDE. Queste ultime dichiarazioni fanno specie: non solo perché sono le stesse ripetute dai sostenitori dell’eutanasia, che Bonnemaison dice di non aver voluto applicare, ma anche perché hanno lo stesso senso delle parole utilizzate da Hollande nello scorso gennaio, quando ha annunciato di voler legalizzare l’eutanasia approvando una «assistenza medicale per terminare la propria vita in modo degno». Dunque, gli stessi motivi che hanno portato Bonnemaison a rischiare l’ergastolo, potrebbero presto diventare criteri di legge.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. augusto says:

    Non ha ucciso , ha accorciato l’agonia….sarebbe come dire “un malvivente ha assassinato una persona,,,,,,ma non l’ha assassinata, ha semplicemente anticipato la sua morte evitando alla vittima ulteriori dolori, sofferenze,problemi,ecc quindi le ha fatto del bene !” Questa è una delle CRIMINALI e FOLLI logiche alla base della mentalità dominante contemporanea.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.