Google+

Fisco. Dopo un errore mi hanno concesso il rimborso, ma non sanno calcolare gli interessi

febbraio 26, 2015 Redazione

«Eppure se tardo a pagare un’imposta la “procedura” per addebitarmi gli interessi di mora esiste in automatico»

fisco-tasse-sh-244866337Il 10 febbraio «uno sconcertato contribuente», così si firmava, inviò la seguente lettera alla Stampa. «Nel 1989 mi fu indebitamente notificata una cartella esattoriale di svariati milioni di lire che fui costretto a pagare salvo poi presentare ricorso alla Commissione Tributaria di I° grado che accolse la mia istanza. L’allora Ufficio delle Imposte Dirette fece ricorso alla Commissione Tributaria di II° grado che confermò la decisione della Commissione Tributaria di I° grado così come fece successivamente la Commissione Tributaria centrale con sentenza gennaio 2013. Dopo ben 24 anni ottengo lo sgravio della cartella esattoriale e a gennaio 2014 il relativo rimborso senza un euro d’interessi. Provvedo pertanto a richiedere – con raccomandata A.R. – gli interessi legali. A giugno del 2014, quattro mesi dopo la mia richiesta, in occasione di un mio sollecito l’Ufficio delle Entrate mi invita a rinviare via fax copia della richiesta stessa (probabilmente andata persa) e mi assicurano che sarà esaminata ed evasa presumibilmente entro la fine del 2014. Alcuni giorni fa ho richiamato l’Ufficio delle Entrate e una – per altro – gentilissima funzionaria mi comunica che manca ancora la “procedura” per il rimborso e di ritelefonare tra sei mesi. Ora mi chiedo: se tardo a pagare un’imposta … una qualunque tassa … la “procedura” per addebitarmi gli interessi di mora esiste in automatico. Perché lo stesso principio non vale anche per l’Ufficio delle Entrate?».

«NO COMMENT». La Stampa ha verificato i fatti e ha scoperto che «lo sconcertato contribuente non è altro che il figlio della vittima di questa avventura. Lei è un’imprenditrice in pensione di 85 anni. Socia di un’azienda di stampaggio di Pont, nel Torinese, che 25 anni fa si è vista recapitare una cartella per i mancati versamenti Irpef tra il 1976 e il ’79». La vicenda, dunque, non è ancora chiusa e il figlio della “vittima” ne ha fatto una questione di principio. La Stampa ha interpellato anche l’Agenzia delle Entrate che, dopo un controllo ha risposto: «No comment».

Foto tasse da Shutterstock

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana