Google+

Famiglia. La feccia integralista dia retta a Melloni: invece di scendere in piazza dialoghi con Scalfarotto

giugno 20, 2015 Correttore di bozze

Il professore vede «tante ragioni strumentali dietro la manifestazione» a Roma per la famiglia. Cattolici militanti, convertitevi e credete al Corriere

melloni-ansaUn solo saputello come il professore Alberto Melloni vale cento capre illetterate come il Correttore di bozze. Ma che dico cento? Probabilmente mille, se non mille mila. Sia dunque lodato Melloni, e sempre sia lodato. Tuttavia a volte, specie quando l’insigne storico della Chiesa esce dalla modalità wikipedia e si avventura inopinatamente in considerazioni politiche, capita anche a lui di infilarne tante ma tante che se fosse un correttore di bozze lo avrebbero già scacciato a pedate da qualunque giornale. Per esempio, il commento alla manifestazione per la famiglia uscito a sua firma sul Corriere della Sera di ieri era così sciatto e infingardo che perfino quella ciabatta del Correttore di bozze adesso può sentirsi autorizzato a infliggere al mondo il proprio parere.

Dunque. Innanzitutto, come annuncia già il titolo dell’articolo, Melloni vede “dietro la manifestazione tante ragioni strumentali”. Il Correttore di bozze è un tipo scarpe grosse e cervello zero, e dunque qui riuscirà ad analizzarne solo alcune, tutte sarebbero troppe. In generale, comunque, ci vuole un bel coraggio a imputare agli altri “strumentalizzazioni” quando si comincia un articolo così: «L’enciclica Laudato si’ definisce il creato la “casa comune” di un’unica famiglia umana. Una famiglia oggi minacciata da una lacerazione devastante, di cui sono icona i “poveri cristi” sugli scogli di Ventimiglia, guardati con disumani occhi da chi li giudica colpevoli d’esser poveri, neri e di non essere annegati. Non la pensa così un pezzo di cattolicesimo militante che sabato s’aduna a piazza San Giovanni a Roma, davanti alla cattedrale del Papa. Sono, quei cattolici, convinti che la famiglia sotto attacco sia quella di “mamme e papà”». 

Al Correttore di bozze pare di cogliere in questo incipit una certa sagace intenzione di insinuare che chi ha deciso di scendere in piazza a Roma farebbe meglio a occuparsi dei migranti, anziché dei propri ricchi privilegi familisti. Ma ormai è risaputa la pochezza intellettuale del Correttore di bozze, fesso lui che vede malizia là dove invece c’è solo scintillante filantropia: state certi che oggi, mentre Roma sarà subissata di «cattolici militanti» pronti a dare il peggio di sé, Ventimiglia sarà invece letteralmente invasa da moltissime famiglie Melloni assai prodighe di solidarietà verso i «poveri cristi».

E veniamo alle “ragioni strumentali” individuate da Melloni (fingendo di ignorare la parte in cui il professore rinfaccia a questo «segmento» di Chiesa «forse non enorme, ma smemorato e politicamente orientato» l’imperdonabile colpa del Family day del 2007, ovvero quella di aver fermato l’istituzione delle unioni civili, ma soprattutto di aver messo «Prodi alla berlina»). Quali sono dunque queste “ragioni strumentali”? Eccole in estrema sintesi, accompagnate dalle solite sciocche chiose del Correttore di bozze.

1. I manifestanti pro famiglia secondo Melloni «si muovono un tempismo tutto politico. Vogliono cioè pressare il centrodestra italiano, che si sta ora risvegliando da uno stato di confusione, e mettere in mora un credito che la Chiesa ha offerto agli ultimi tre governi di larghe intese, di cui fu maieuta l’allora presidente della Repubblica Giorgio Napolitano». In effetti è evidente, solo quel sempliciotto di un Correttore di bozze non ci era ancora arrivato: la plebaglia cattolica militante scende in piazza proprio adesso mica perché gliene freghi qualcosa del ddl Cirinnà e dei corsi di gender a scuola, ma va’ là, il vero obiettivo è calpestare la maieutica dell’allora presidente Napolitano e fargli ombra con il minaccioso vessillo di Ncd.

2. Questi scalmanati, continua il professore, «vogliono, inoltre, incidere sull’azione parlamentare come se non ci fosse la carta di Nizza, che per l’Italia ha rango fondamentale, a stabilire che l’orientamento sessuale non può essere causa di discriminazione alcuna». Ovviamente non sta scritto da nessuna parte che per combattere le discriminazioni si debba per forza approvare il matrimonio gay à la Cirinnà. Se questo concetto è entrato nel microscopico cervello del Correttore di bozze, potrebbe entrare anche nell’enorme testolina di Melloni. Egli però, a differenza dei facinorosi di Roma, non è affatto «disposto a certificare l’impotenza del cattolicesimo davanti al dovere morale della mediazione democratica». Nemmeno, evidentemente, davanti al «dovere morale» di opporsi a queste leggi certificato dalla dottrina della fede.

3. Melloni dice poi di non vedere, nella manifestazione, «nulla di quel “dialogo con chi la pensa diversamente”» invocato dal segretario della Cei Nunzio Galantino, secondo i giornali proprio in contrapposizione all’iniziativa. Molto di quel “dialogo con chi la pensa diversamente”, invece, Melloni potrà con soddisfazione trovarlo forse in uno come Ivan Scalfarotto, l’uomo che porta avanti le battaglie Lgbt nel governo, talmente “moderato” nelle rivendicazioni da essere considerato un mezzo prete dalla “comunità arcobaleno”. Un esempio? Secondo Scalfarotto a Roma ci saranno solo «integralisti cattolici» determinati a fermare «leggi che concedono diritti a qualcuno senza togliere nulla a nessuno» (nemmeno ai bambini?, replica cattivissimo il Correttore integralista, mettendo colpevolmente a repentaglio questo splendido inizio di dialogo).

4. Infine, subdoleggia Melloni, chi va in piazza per la famiglia «vuol anche aggredire il Papa e i suoi uomini, accusati di non tener viva la polemica sulle questioni etiche, per dedicarsi a questioni per loro secondarie come misericordia, povertà, pace, perdono». Al che a un Correttore di bozze, da vero sfigato dell’oratorio, verrebbe da replicare che è il Papa il primo a invitare le famiglie ad «agire contro le colonizzazioni ideologiche». Ma appunto, strumentalizzare papi e vescovi per sostenere le proprie idee è un’operazione troppo smaccatamente clericale, roba da preti mancati. Passi per un correttore di bozze, ma un cattolico adulto non lo farebbe mai.


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

10 Commenti

  1. angelo scrive:

    questi sono gli allievi e il risultato di decenni di CATTOLICESIMO DEMOCRATICO e di CATTOLICI ADULTI. uno schifo indescrivibile.

    • giovanna scrive:

      Scusa, correttore di bozze, ma questo Melloni non ha alcun bisogno di dialogare con Scalfarotto, dato che la pensa come lui !
      Certo, qualche giorno in più, in cui far tesoro di tanta saggezza, avrebbe giovato alla manifestazione per la famiglia : un po’ come noi lettori, noi genitori, noi figli, che leggiamo i commenti, più leggiamo paolab o shiva , più siamo convinti che l’emergenza è grande.

      • Ti aspettiamo a Roma scrive:

        Muoviti che fai tardi per andare a Roma, tutti aspettano te per iniziare!!!

  2. Raider scrive:

    Rileggete quello che Melloni scrisse sul Corsera contro Benedetto XVI che aveva emanato il Motu Proprio sulla Santa Messa in latino: le contumelie come “lecchini” all’indirizzo dei vescovi che lo avessero concesso e parroci che avessero celebrato in latino e fedeli che avessero richiesto di assistere a una celebrazione eucaristica, ah!, quanto obbrobriosa, oscurantista, peccaminosa per lo storico Melloni, per il cristiano Melloni, per il critico feroce del “restauratore” papa “tedesco”!
    Perché i cattolici adulti, più “maturi”, più grandi, più sapienti di papi e “semplici” fedeli, sono così: e disprezzano, minacciano, lanciano anatemi: e dalle sponde e pulpiti giusti: Melloni, dalle colonne del Corsera; Mancuso, dalla cattedra di Repubblica; Roberta De Monticelli, dove capita che le chiedano di insegnare dottrina cattolica a laici e chierici.
    Ecco, loro sono così. E perciò, noialtri, cristiani piccoli piccoli, li mandiamo a farsi benedire da chi sanno loro.

  3. mery scrive:

    dopo aver letto de parole durissime di scalfarotto contro il family day, mi chiedo cosa aspettano i cattolici a chiedere che GALANTINO tolga il disturbo, che ci fa un SEGRETARIO della CEI che sconfessa quotidianamente il suo capo bagnasco?

    • yoyo scrive:

      Giusto. Rimandiamolo in un ufficio in cui ci risparmierà altre intemerate.

      • Giannino Stoppani scrive:

        Perché un ufficio? Un bello stage formativo sulla sarchiatura delle viti sarebbe molto più utile, primo perché vale più un’ora di lavoro nei campi di tutta la filosofia, secondo perché il prelato potrebbe dire, finalmente a giusta ragione, di occuparsi costruttivamente delle erbacce che infestano la vigna del Signore.

        • EquesFidus scrive:

          Meglio ancora: spedirlo in un monastero benedettino (serio), a pregare ed a lavorare. Se non ricordo male, ce n’è uno in Francia che è una fucina di vocazioni, in cui si celebra la Santa Messa domenicale in modo ineccepibile e dove non si resta con le mani in mano durante la giornata, ma o si prega o si lavora. Il problema dei… sfaticati alla Galantino è che hanno troppi soldi e troppo tempo passato a non far nulla, men che meno a pregare; metterli al servizio di un abate severo e costringerli ad un regime di preghiera e lavoro di dodici ore al giorno sicuramente può portare loro non solo benefici spirituali, ma anche mentali e corporali.

  4. Donma scrive:

    La grande manifestazione di Roma ha spiazzato tutti soprattutto quei carrieristi inutili alla “Galantino” e alla “Melloni”. E’ proprio vero che l’unica speranza per il futuro dell’umanità è rappresentata dalle meravigliose famiglie che hanno invaso Roma, famiglie libere che non si sono lasciate imbrigliare dai falsi pastori e dai progetti pedofili della teoria del gender. L’attacco alla famiglia, ai figli non ha precedenti nella storia: significa che i teorici del “dimezzamento dell’umanità” useranno tutti i mezzi, ovviamente illeciti, per tentare di distruggerla. Il contrattacco è iniziato!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana