Google+

Quando il sessismo tocca il fondo (campo)

febbraio 19, 2015 Marcella Manghi

Un cronista è finito al centro di una bufera mediatica per aver chiesto a Eugenie Bouchard di “fare una piroetta”. Apriti o cielo

Eugenie-Bouchard-sh-136529627Il nome di questo giornalista me lo devo annotare in un posto sicuro. Sì perché se vinco il prossimo premio Bancarella, vorrei fosse lui a intervistarmi subito dopo il concorso. Intendo il cronista che tempo fa è finito al centro di una bufera mediatica per aver chiesto a una nota campionessa di tennis – Eugenie Bouchard – di “fare una piroetta” su se stessa alla fine di una partita giocata agli Australian Open. Apriti o cielo. Open sia. L’accusa mossa dai media al collega è quella di aver degradato la figura femminile, mettendola in mostra “a comando” per esaltare il mero aspetto fisico.

Ho avuto un attimo di interdizione. Ma quale degrado? Chiedessero a me di fare una piroetta dopo essersi complimentati su ciò che faccio meglio, altro che umiliazione! Una giravolta, due saltelli, tre capriole,… io le farei anche a richiesta del corriere Amazon che mi suona al portone. Dio mi perdoni la vanità.
Sì perché, se ogni tanto imploro la babysitter di fermarsi un’altra mezz’ora permettendomi una messa in piega come si deve, se la sera resisto alla tentazione di controllare la mail pur di salvaguardare l’asciugatura della
french-manicure, se provo ad abbronzarmi gli zigomi tinta albume anche col solicello di febbraio, ci sarà un perché. Non è solo per “stare meglio con me stessa”. Lo faccio per piacere, a mio marito in primis certo; ma se poi, tutto questo contribuisce a togliermi quell’aria di mocho appena strizzato davanti al portinaio delle elementari, tanto meglio.

Tuttavia le femministe più agguerrite avrebbero comunque preso l’intervistatore a racchetate in testa tacciandolo – come han fatto – di sessismo, ovvero di trattare una donna in maniera diversa da un uomo, in quanto donna. Il giornalista avrebbe fatto la stessa richiesta ad un uomo? No. Certe richieste si fanno solo alle donne. Ad esempio, a me oggi un ometto ha chiesto di preparargli un frullato di banana-cioccolato, uno più grandicello mi ha domandato di rammendargli l’asola che sta sotto la cravatta; un altro ancora più maturo mi ha telefonato per un consiglio su cosa regalare alla moglie per l’anniversario. Ho esaudito puntuali istanze da chef, sarta e consigliera. Nessuna offesa, anzi sono stata fiera di essere trattata da donna. Certo, non ho il fisico giovane, prestante e abbronzato della bella Bouchard, ma se fosse non lo riterrei un impiccio al merito. Il corpo è parte di noi, è qualcosa con cui fare i conti, senza per forza tirare in ballo un sessismo del tutto pretestuoso.

E questo – ahimè – vale per donne e uomini. Dico ahimè perché io sono un po’ sessista. Settimana scorsa, alla pizza-dopo-cinema-con-gli-amici esibivo alle amiche la pancia del marito per mostrare l’inefficacia della dieta del minestrone. Ecco, davanti all’ombelico semi al vento di un robusto quarantenne, mi son detta: altro che piroetta, la dieta del minestrone è sessista!

E così, anche il passato di verdura tra un po’ verrà allontanato, ostracizzato, censurato, per la gioia dei miei figli. Che – poveretti – forse a questo punto si vedranno censurare dai cartoni animati anche la bella Cenerentola.
Proprio lei, quella che cantando al mattino con una scopa fra le mani, volteggia lieve. E senza nemmeno una racchetta…

Foto Eugenie Bouchard da Shutterstock

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. Cisco scrive:

    Le piroette da abolire sono quelle delle femministe per sembrare credibili quando pretendono di essere uguale agli uomini, poverette.
    E per fortuna che le tenniste le piroette le fanno già in campo!

  2. Clara scrive:

    Grande Marcella, sempre in forma!

  3. Geppo scrive:

    Ma se ci levate anche le piroette cosa ci resta ? Luxuria ? Non ci sto.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana