Google+

Crocifissioni, frustate in piazza e sharia: così si vive a Sirte, capitale libica dello Stato islamico

febbraio 4, 2016 Leone Grotti

La Bbc ha raccolto le testimonianze di chi ha vissuto a Sirte sotto l’Isis ed è scappato. Per tutti obbligatori anche i corsi di rieducazione

crocifissione-libia-sirte-bbc

Bint Elferagani (nome di fantasia, come i seguenti) lavorava come pediatra all’ospedale Ibn Sina ma è scappato da Sirte nell’agosto del 2015, quando gli abitanti della città costiera della Libia si sono rivoltati contro lo Stato islamico, che aveva preso il potere a febbraio. «Le uccisioni sono incredibili» afferma basandosi sui racconti dei parenti rimasti in città in una delle tante testimonianze raccolte dalla Bbc.

«CROCIFISSI E DECAPITATI». Dodici tra i suoi parenti sono stati uccisi dai jihadisti, oltre a due vicini. «Un mio cugino è stato crocifisso alla rotonda Zaafran, un altro ucciso alla rotonda Gharbiyat e un terzo è stato decapitato. Un quarto è stato colpito da un colpo di artiglieria. Una mia amica ha perso tre fratelli».

SHARIA E FRUSTATE. «All’inizio non applicavano neanche la sharia», racconta un altro abitante di Sirte, Al-Warfali, che ha abbandonato la città in dicembre. «Ad agosto invece hanno cominciato a imporre un rigido codice islamico, dal punto di visto del vestiario e del comportamento. Chiunque non si adeguava, solitamente dopo la preghiera del venerdì, veniva frustato o crocifisso in piazza».

CORSI DI RIEDUCAZIONE. In città sono stati distribuiti volantini a tutti i commercianti, invitandoli a recarsi ai «corsi di rieducazione». Durante le lezioni, l’Isis insegna come comportarsi in base alla sharia. Chi non si presenta «viene interrogato». Ibrahim è fuggito a luglio e oggi risiede a Misurata. Gli amici rimasti in città gli raccontano come la maggior parte dei jihadisti provengano da Tunisia, Iraq e Siria ma siano aiutati anche dai libici e da alcune tribù locali.

«DECINE DI CROCIFISSIONI». Entrare in città e uscire è ancora possibile. Chi scappa lo fa perché non c’è più benzina, il prezzo del cibo è aumentato e da nessuna parte si trovano medicine, neanche negli ospedali. Ibrahim ha assistito alla crocifissione di una «spia» all’entrata della città. Dopo essersene andato, «mi hanno raccontato di altre 17 crocifissioni. Tra le vittime, uccise e poi appese, c’era anche un mio amico, Sharaf Aldeen, e suo fratello, un imam salafita».

cartellone-sharia-sirte-isis

CARTELLONI INFORMATIVI. La città è tappezzata di cartelloni che spiegano alle donne come vestirsi e come portare il niqab. Uno di questi (foto sopra) recita : 1) Deve essere spesso e coprente. 2) Deve essere lento e non attillato. 3) Deve coprire tutto il corpo. 4) Non deve essere attraente. 5) Non deve assomigliare agli abiti degli infedeli o degli uomini. 6) Non deve essere decorativo o appariscente. 7) Non deve essere profumato.

POZZI PETROLIFERI. Negli ultimi due mesi l’Isis ha cercato di espandersi per conquistare anche gli impianti petroliferi più importanti del paese, finora ben difesi da guardie numerose e armate fino ai denti. Anche i pozzi di Sidra, 174 chilometri a est di Sirte, sono sotto attacco. Qui lavora Khaled: «L’ultimo grande attacco l’hanno condotto il 4 gennaio, ma sono stati respinti. Ora cercano di raggiungere anche l’impianto di Ras Lanuf. Non hanno uomini sufficienti per conquistare i pozzi ma non interrompono mai gli assalti. Noi cerchiamo di condurre una vita normale, perché non siamo in una situazione di guerra totale. Ma non siamo neanche in pace».


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Sebastiano scrive:

    Il punto migliore del regolamento del niqab è il 7). Si addice perfettamente ai caproni che lo hanno steso.

    • Menelik scrive:

      Intanto, però, i caproni hanno le armi, dunque la possibilità di fare quello che vogliono a prescindere dal fatto che sia buono o cattivo, giusto o sbagliato.
      E chi le armi non le ha, ha da subire in silenzio, e guai se ti lamenti.
      Se vuoi parlare, devi disporre di un volume di fuoco adeguato al nemico che hai di fronte.
      Scommettiamo che quando il nemico ha paura di lasciarci la pelle, quello è il momento che ti ascolta?

      Io adesso mi sto chiedendo:
      i pezzi grossi dei daesh stanno travasando dalla Siria (dove dopo l’entrata in campo dei Russi tira aria molto pericolosa per loro), alla Libia.
      Come fanno? Attraversano il Mediterraneo via nave? Passano per via di terra? E da dove?
      I servizi di intelligence stanno lavorando per i soldi che prendono?
      E gli eserciti stanno facendo qualcosa per intercettarli nel trasferimento e fare qualcosa per non farli giungere a destinazione?

  2. Rolli Susanna scrive:

    Io però queste immagini non le vedo nei vari Tg, mi dispiace: perchè?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La berlina sportiva del Tridente può ora contare su dotazioni multimediali e di sicurezza allineate alle rivali tedesche. Il V6 3.0 biturbo della versione d’ingresso a benzina eroga 350 cv anziché i precedenti 330 cv. Debuttano i pacchetti Luxury e Sport.

Il contest musicale King Of The Flow accompagna al debutto la crossover compatta giapponese. Tra chi voterà uno degli artisti protagonisti c'è in palio proprio una Toyota C-HR

L'Honda X-ADV potrebbe diventare capostipite di un nuovo genere: quello degli scooter medi con vocazione da giramondo. Nelle piccole cilindrate, però, il matrimonio tra scudo e tassello funziona già da molto tempo, come insegna il Booster

La piccola di Russelsheim debutta al Salone di Parigi in una nuova versione che strizza l'occhio al mondo dei Suv. Ha un assetto rialzato di 18 mm e un look fuoristradistico

Le auto dettano tendenze di stile nella società ma chi le disegna si è trovato spesso in difficoltà quando è stato chiamato a vestire una moto. Anche Pininfarina e Giugiaro hanno fatto fiasco

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana