Google+

Cosa fa il colosso americano degli aborti con i soldi dei contribuenti? Insegna alle 13enni «il sesso sadomaso»

giugno 15, 2014 Benedetta Frigerio

Nella video-inchiesta del gruppo Live Action si vede come nelle cliniche della Planned Parenthood, finanziata dallo Stato, si insegni alle ragazzine a violare anche la legge sull’aborto

Dopo aver mostrato tramite filmati e registrazioni le atrocità compiute nelle cliniche abortive del colosso americano Planned Parenthood, finanziato dallo Stato con oltre 500 milioni di dollari all’anno, il gruppo pro life Live Action ha reso nota un’ulteriore indagine svolta all’interno dei centri abortivi degli Stati Uniti.

FRA LE CONSEGUENZE. Nel filmato della video-inchiesta si vedono le consulenti della Planned Parenthood rispondere alle domande sul sesso di alcune adolescenti di 13 e 15 anni, che hanno registrato le conversazioni in incognito. Le dipendenti consigliano loro pratiche non esattamente consuete. Spiegano che durante i rapporti sessuali «ci sono anche persone a cui piace soffrire», alcune «si danno frustate», altre amano «il sadismo e il masochismo, relazioni in cui si prova dolore». Ma questi atti, specifica una consulente, «non li chiamerei abusi, perché sono consenzienti». E non è la sola a pensarla così, dato che un’altra dipendente racconta di quando «a volte arrivano con delle bruciature da corda o dei segni sul petto. Ovvio, se è tutto consensuale, è ok».

«VIOLENZA SESSUALE». A una tredicenne che vorrebbe abortire un figlio concepito con un uomo di 31 anni, viene chiarito che «non mi interessa quanti anni ha» il partner. Un’altra ragazzina confessa che «sa, potrebbe avere 31 anni e in quel caso…» e la consulente risponde: «Ok, non ho sentito l’età. Non voglio sapere, altrimenti diventa una violenza sessuale».

«TI PIACERA’». Il video conferma poi quanto emerso anche nelle inchieste precedenti, mostrando un’impiegata del colosso abortivo americano che impartisce direttive su come raggirare la legge nel caso di minorenni incinte, porgendo un foglio con scritto l’indirizzo di una clinica abortiva: «Non l’hai mai ricevuto da me, serve solo a renderci la vita più facile. Se ha 14 anni o meno mandatela qui», dice scoppiando a ridere. Più avanti continuano i dialoghi fra le operatrici e alcune 15enni sul sesso sadomaso. «Siete mai stati in un sexy shop insieme?», suggerisce una dipendente, seguita da un’altra: «Ci sono diversi tipi di feticismi… di sesso pervertito, di oggetti di dominazione».
E quando la ragazzina domanda se è proprio vero, la donna risponde che «è una cosa molto popolare». Non solo, c’è chi parla della possibilità «di farlo con più partner», chi di «usare le manette», mentre «ad altri piace essere sculacciati o picchiati». In fondo, continuano le consulenti, «non c’è proprio nulla di male… ti piacerà».

«GENITORI, PROTESTATE». Lila Rose, presidente di Live Action, ha chiarito durante la presentazione del filmato che non si può continuare a dire «”non giudichiamo”, qui si tratta di un vero e proprio sostegno di pratiche sessuali violente e pericolose di fronte a ragazzi e ragazze minori di 15 anni». E non conta se «le persone sono liberal o conservatrici, o se sono pro life o pro choice (…), questa è un richiamo verso tutti i genitori americani a protestare». Anche perché «i contribuenti, e soprattutto i genitori, devono sapere come vengono spesi i loro soldi».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. giovanni scrive:

    Solo Dio sa quante vite rovinate hanno sulla coscienza, (gay, masochisti,e tutta la gentaglia di questa risma) quando erano emarginate. Tremo al pensiero di quanti disastri faranno ora che gli riconosceranno alcuni diritti!!!!

  2. Luke scrive:

    E’ mostruoso. Senza parole.
    Incitano le giovani menti a corrompersi e pervertirsi.
    Se non sono servitori del Demonio questi … .

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana