Google+

Corea del Nord, il regime arresta 100 cristiani per presunti «contatti illegali con gruppi religiosi in Cina»

aprile 11, 2014 Leone Grotti

Secondo una fonte interna al paese, «il regime di Kim Jong-un vuole colpire come monito un sempre maggiore numero di individui per generare paura»

Circa 100 abitanti di Pyongyang sono stati messi sotto inchiesta dal regime stalinista della Corea del Nord per presunti «contatti illegali con gruppi religiosi in Cina». La notizia, diffusa da DailyNk, segue di poche settimane quella dell’arresto di altri 30 nordcoreani colpevoli di avere instaurato legami con cristiani stranieri.

«GENERARE PAURA». Secondo il sito con fonti all’interno del paese più chiuso del mondo, «il regime di Kim Jong-un vuole colpire come monito un sempre maggiore numero di individui per generare paura e aumentare il livello di condizionamento ideologico nella popolazione».
Secondo la fonte, «dopo aver spedito 30 persone nei campi di prigionia, altre 100 persone sono state interrogate dal dipartimento di Sicurezza di Stato. Molti di loro si sono recati in Cina quest’anno ma altri si erano recati là cinque o otto anni fa. Ancora non sappiamo se sono stati mandati nei campi di lavoro ma ci chiediamo se torneranno mai indietro». I 100 abitanti sono accusati di aver incontrato in Cina missionari cristiani, «se verrà appurato che questi missionari sono poi della vicino di sotto [Corea del Sud, ndr] saranno mandati nei campi di lavoro».

CRISTIANI PERSEGUITATI. Come confermato anche dall’inchiesta dell’Onu sulle violazioni dei diritti umani in Corea del Nord, l’unico dio ammesso e venerato sotto il regime è il padre della patria Kim Il-sung e nessun’altra religione può contrastare il credo della Juche. Come affermato da diversi testimoni, «chi pratica una religione viene perseguito come un criminale». Il cristianesimo in particolare è paragonato «alla droga, ai narcotici, al peccato e all’invasione capitalista». I missionari sono paragonati in pubblico a «vampiri che succhiano il sangue».
Di tre cose vengono accusati i cristiani una volta arrestati: 1) Non adorare il leader ma un’altra ideologia; 2) essere spie di Stati cristiani come Usa e Corea del Sud; 3) essere responsabili del crollo del comunismo nell’Europa dell’Est e in Unione Sovietica.

SEIMILA NEI GULAG. Chi viene scoperto a pregare o in possesso di una Bibbia viene o fucilato senza processo o inviato in un gulag. Attualmente nei campi di sterminio nordcoreani ci sarebbero circa 6 mila cristiani. Da quando si è instaurato il regime nel 1953, nel paese sono scomparsi circa 300 mila cristiani anche se secondo stime di Open Doors «nonostante la pesante repressione, esiste un movimento crescente di chiese sotterranee che conta circa 400 mila cristiani» su una popolazione di 24,5 milioni di abitanti.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. mike says:

    viene da chiedersi se con tanti terremoti/alluvioni che accadono in varie parti del mondo uno possa mai verificarsi in corea del nord. così, una tantum. altrove se li meritano tutti, ma quasi pure in corea uno anche piccolino…

  2. Crud says:

    Non vedo l ora che una bomba H VENGA SGANCIATA SULLA COREA DEL NORD COSÌ RIMUOVIAMO QUEL GRUPPO inutile di “persone ” (tra virgolette perché non hanno nulla di umano) che non fanno una coalizione per ribaltare il governo osceno che si ritrovano

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rialzata, “rinforzata” nel look ma con lo stesso grande comfort di ogni Classe E, la All Terrain entra di forza nel segmento delle Statio Wagon rialzate. Offre tanto spazio e un comfort sontuoso, ma la sua attitudine off road è reale

L'articolo Prova Mercedes E 220 CDi All Terrain proviene da RED Live.

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi