Google+

«Caro Profumo, un’intervista non può correggere un decreto»

maggio 8, 2012 Carlo Candiani

Per Mariella Ferrante, presidente dei Diesse Lombardia: «Questo tipo di tirocinio non è il miglior percorso possibile, ma adesso che esiste è meglio partire senza i cambiamenti annunciati a mezzo stampa».

Dopo l’intervento sul Corriere della Sera del ministro dell’Istruzione Francesco Profumo, in cui si correggeva “in corsa” il decreto che dà il via libera al Tirocinio Formativo Attivo per l’abilitazione all’insegnamento, la sede di Milano dell’associazione di docenti Diesse è stata subissata di telefonate, nelle quali si esprimeva preoccupazione, meraviglia e, soprattutto,  si chiedevano spiegazioni. «L’intervista pubblicata domenica 6 maggio rimette tutto in discussione a giochi fatti». A parlare è Mariella Ferrante, presidente di Diesse Lombardia: «Il decreto non riguarda poche persone ma circa 120.000 candidati. Tanti sono gli insegnanti che, secondo il ministro, dopo almeno tre anni di lavoro non dovrebbero sostenere alcuna prova pre-selettiva. Prima ancora che il contenuto, a renderci perplessi è la modalità di comunicazione scelta: un’intervista non può correggere un decreto».

Passando al contenuto, invece?
Come Diesse non abbiamo mai pensato che questo tipo di tirocinio fosse il miglior percorso possibile, ma adesso che esiste il decreto è meglio partire. I giovani e i meno giovani, che aspettano da due anni l’abilitazione, hanno diritto di vedere la luce in questa vicenda. Quando il ministro dice che ci sarà una corsia preferenziale per chi ha già fatto 360 giorni di servizio è lecito domandarsi: nella scuola statale o anche nelle paritarie? E poi, non è detto che un insegnante che abbia accumulato supplenze nelle statali per tre anni, abbia raggiunto una positiva capacità di insegnamento. Il tirocinio è una forma di valutazione del comportamento in classe, la supplenza non lo è assolutamente.

È un giudizio negativo molto netto il vostro.
È stato un acconsentire in modo estemporaneo, senza una progettualità precisa da parte del ministro, alle pressioni dei sindacati, che prima hanno difeso i precari delle graduatorie storiche e adesso difendono i supplenti. Finché non cambia il sistema delle supplenze, la scuola continuerà a produrre precari e non ne verremo mai fuori.

Ora cosa può accadere?
Intanto bisogna vedere se il ministro oltre a comunicare via stampa, farà un’ordinanza. Le prove iniziano la prima settimana di luglio e fino a giugno sono aperte le iscrizioni, non c’è molto tempo per chiarire il tutto. Il rischio è di avere una pletora di abilitati, tra quelli “privilegiati”, e gli altri che dovranno fare tutti i passaggi dovuti. Confusione allo stato puro.

Come si spiega quest’uscita “sui generis”?
Forse la voglia di apparire sui giornali. Credo che abbiano fatto i conti e si siano accorti del costo dell’operazione: se si prevede di fare una prova nazionale, se si prevede di avere insegnanti come tutor per un numero enorme di candidati al tirocinio (che viene pagato dallo Stato), ci sarebbero costi elevati. Il far evitare a migliaia di candidati un passaggio, sarebbe occasione di risparmio notevole per lo Stato.

E i 2500 euro che dovrebbero sborsare i candidati?
È il costo del corso universitario. L’anno del Tfa è costituito da tre prove di accesso e queste vanno pagate, a parte, dai candidati. Il costo varia dai cinquanta ai duecento euro (l’università di Trento è la più economica). Poi ci sono le ore in classe, in università, i corsi psicopedagogici: è questo il costo maggiore, a cui si aggiunge l’esame finale.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. I simply want to tell you that I am just new to weblog and truly liked you’re web-site. Very likely I’m likely to bookmark your blog . You surely come with exceptional stories. Thanks a bunch for sharing your web site.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi