Google+

«Caro Profumo, un’intervista non può correggere un decreto»

maggio 8, 2012 Carlo Candiani

Per Mariella Ferrante, presidente dei Diesse Lombardia: «Questo tipo di tirocinio non è il miglior percorso possibile, ma adesso che esiste è meglio partire senza i cambiamenti annunciati a mezzo stampa».

Dopo l’intervento sul Corriere della Sera del ministro dell’Istruzione Francesco Profumo, in cui si correggeva “in corsa” il decreto che dà il via libera al Tirocinio Formativo Attivo per l’abilitazione all’insegnamento, la sede di Milano dell’associazione di docenti Diesse è stata subissata di telefonate, nelle quali si esprimeva preoccupazione, meraviglia e, soprattutto,  si chiedevano spiegazioni. «L’intervista pubblicata domenica 6 maggio rimette tutto in discussione a giochi fatti». A parlare è Mariella Ferrante, presidente di Diesse Lombardia: «Il decreto non riguarda poche persone ma circa 120.000 candidati. Tanti sono gli insegnanti che, secondo il ministro, dopo almeno tre anni di lavoro non dovrebbero sostenere alcuna prova pre-selettiva. Prima ancora che il contenuto, a renderci perplessi è la modalità di comunicazione scelta: un’intervista non può correggere un decreto».

Passando al contenuto, invece?
Come Diesse non abbiamo mai pensato che questo tipo di tirocinio fosse il miglior percorso possibile, ma adesso che esiste il decreto è meglio partire. I giovani e i meno giovani, che aspettano da due anni l’abilitazione, hanno diritto di vedere la luce in questa vicenda. Quando il ministro dice che ci sarà una corsia preferenziale per chi ha già fatto 360 giorni di servizio è lecito domandarsi: nella scuola statale o anche nelle paritarie? E poi, non è detto che un insegnante che abbia accumulato supplenze nelle statali per tre anni, abbia raggiunto una positiva capacità di insegnamento. Il tirocinio è una forma di valutazione del comportamento in classe, la supplenza non lo è assolutamente.

È un giudizio negativo molto netto il vostro.
È stato un acconsentire in modo estemporaneo, senza una progettualità precisa da parte del ministro, alle pressioni dei sindacati, che prima hanno difeso i precari delle graduatorie storiche e adesso difendono i supplenti. Finché non cambia il sistema delle supplenze, la scuola continuerà a produrre precari e non ne verremo mai fuori.

Ora cosa può accadere?
Intanto bisogna vedere se il ministro oltre a comunicare via stampa, farà un’ordinanza. Le prove iniziano la prima settimana di luglio e fino a giugno sono aperte le iscrizioni, non c’è molto tempo per chiarire il tutto. Il rischio è di avere una pletora di abilitati, tra quelli “privilegiati”, e gli altri che dovranno fare tutti i passaggi dovuti. Confusione allo stato puro.

Come si spiega quest’uscita “sui generis”?
Forse la voglia di apparire sui giornali. Credo che abbiano fatto i conti e si siano accorti del costo dell’operazione: se si prevede di fare una prova nazionale, se si prevede di avere insegnanti come tutor per un numero enorme di candidati al tirocinio (che viene pagato dallo Stato), ci sarebbero costi elevati. Il far evitare a migliaia di candidati un passaggio, sarebbe occasione di risparmio notevole per lo Stato.

E i 2500 euro che dovrebbero sborsare i candidati?
È il costo del corso universitario. L’anno del Tfa è costituito da tre prove di accesso e queste vanno pagate, a parte, dai candidati. Il costo varia dai cinquanta ai duecento euro (l’università di Trento è la più economica). Poi ci sono le ore in classe, in università, i corsi psicopedagogici: è questo il costo maggiore, a cui si aggiunge l’esame finale.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Nerissa Kanoa scrive:

    I simply want to tell you that I am just new to weblog and truly liked you’re web-site. Very likely I’m likely to bookmark your blog . You surely come with exceptional stories. Thanks a bunch for sharing your web site.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana