Google+

Caro Marcello Lippi, sicuro di voler allenare in Cina?

aprile 6, 2012 Emmanuele Michela

L’allenatore che ha portato l’Italia a vincere i Mondiali nel 2006 pare essere prossimo ad accettare l’offerta di un club cinese. Ma perché il mister abbandona il calcio italiano per un campionato di scarsa caratura? L’appello di un tifoso: «Non andare lì dove c’hanno copiato tutto e solo una cosa non riusciranno a prenderci mai: la passione per il gioco del pallone».

Caro Marcello, ho letto che sei prossimo ad andare ad allenare in Cina, quindi ho deciso di scriverti per riflettere con te su questa scelta. Premetto una cosa: non è che tu mi stia molto simpatico. D’altronde, devi sapere, tifo Fiorentina, e quindi il mio sangue viola è incompatibile con chi, come te, ha legato il suo nome ai tanti successi dei gobbi. Però hai commosso anche me ai Mondiali di Germania 2006: quella vittoria, così imprevedibile e sofferta, è stata frutto anche del tuo genio, capace di dare motivazioni da leoni a una squadra che, indolenzita dai lividi di Calciopoli, poteva andare incontro a una Caporetto del pallone nostrano, mentre ha fatto della Germania una Vittorio Veneto. Che ricordi! T’ho perdonato anche le defaillance sudafricane, perché il pari di Materazzi con la Francia, il rigore di Totti all’Australia, il gol di Grosso contro la Germania sono emozioni che mi le porterò dietro per tutta la vita.

Permettimi però una domanda: perché andare ad allenare in un campionato di scarsissima caratura, come quello cinese? M’intristisce sempre quando vedo gli ex-grandi campioni del calcio europeo, gambe affaticate e tasche grondanti di quattrini, tramontare in stadi arabi, americani, o, ultima moda, indiani… Però tutto sommato lo accetto ancora: a fine carriera uno prova a monetizzare al meglio quel poco di classe che gli è rimasta, per andare in pensione in maniera dignitosa. Ma tu non mi sembri in questa condizione: è vero, in Sudafrica ti sei preso tutte le responsabilità di un flop colossale, ma se ti fossi reso disponibile a tornare ad allenare, tanti club avrebbero fatto a botte per ingaggiarti. Il tuo nome è un pezzo della storia del calcio italiano, e nessuno dubita sulle tue abilità letterarie per scrivere ancora altri capitoli.

E poi, perché proprio la Cina? Siamo qui che contestiamo agli orientali alcune responsabilità dell’attuale crisi finanziaria, e tu ti schieri con loro? Hanno invaso il nostro mercato in ogni settore, rubandoci qualsiasi tipo di inventiva. Qualsiasi prodotto, marchio, mobile, oggetto, vestito o accessorio che rendeva l’italianità uno stampo unico al mondo, qualcosa di cui essere fieri alla faccia delle risate dei tedeschi, o peggio ancora dei cugini francesi, c’è stato portato via. Resiste solo una cosa: il pallone. Nonostante la crisi del nostro calcio, nonostante in Europa le nostre squadre arrancano come neanche Margherita Hack alla visita oculistica per il rinnovo della patente, nonostante l’1-1 con la Nuova Zelanda in Sudafrica, nonostante tutto questo il nostro calcio rimane unico al mondo. Abbiamo partite di un’intensità e di un agonismo che in Spagna se lo sognano (ma avete in mente le difficoltà di un grande club su campi di “piccole” squadre come Catania, Atalanta, Lecce?), abbiamo allenatori nostrani – bravi quasi come te – alla guida di squadre ai piani alti dei loro campionati (Ancelotti, Spalletti, Mancini, perfino il debuttante Di Matteo…), abbiamo un amore per il pallone unico, in grado di portarci al seguito delle realtà calcistiche provinciali dei nostri paesi, e al tempo stesso capace di farci amare persino il tricolore e l’inno di Mameli, quando gioca la Nazionale. Tutto questo è la sola cosa che resiste, la sola cosa che gli orientali non sono riusciti a copiarci, la sola cosa non etichettabile come “made in China”. Pensaci bene, quindi, caro Marcello prima di accettare questa offerta. Ho già visto l’Italia perdere con Corea, Nuova Zelanda e Egitto. Non farmi tremare al pensiero di incontrare, un domani, la nazionale cinese.

Twitter: @LeleMichela

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download