Google+

Carlo Nordio, gran magistrato consapevole dei limiti della giustizia

febbraio 10, 2017 Maurizio Tortorella

Il procuratore reggente di Venezia va in pensione. Un saluto pieno di stima a un garantista convinto e perciò protagonista di inchieste formidabili

nordio-carlo

C’è una sottile ironia, del tutto involontaria, nell’annuncio dell’andata in pensione di Carlo Nordio, 70 anni compiuti il 6 febbraio e da tempo procuratore reggente di Venezia. E l’ironia si racchiude nella data. Perché mancava una manciata di giorni al 17 di questo mese, venticinquesimo anniversario di Mani pulite: la grande inchiesta cui proprio Nordio dette un contributo fondamentale, unico, e antitetico (per coerenza e integrità) rispetto a quello di tanti colleghi coinvolti nelle indagini sulla corruzione della Prima Repubblica.

Nordio, partendo dal Veneto, indagò e colpì con inchieste efficaci non soltanto i rappresentanti dei partiti di governo, ma anche un centinaio e passa di funzionari del Pci-Pds e di rappresentanti delle cooperative. Ottenne molte loro condanne. Fu, insomma, tra i pochi pubblici ministeri che negli anni tra 1992 e 1996 indagarono sull’intero spettro dei soggetti politici che incassavano tangenti e finanziamenti illeciti. È vero anche che Nordio si fermò di fronte al vertice del Pci-Pds: coerentemente con le sue idee di giustizia, e soprattutto con la legge, ammise che la formula «non poteva non sapere», che altrove era stata adottata nei confronti di Bettino Craxi e di altri segretari di partito, era un mostro giuridico. E quindi, non avendo trovato le prove per ottenere il rinvio a giudizio di Achille Occhetto o di Massimo D’Alema, chiese il loro proscioglimento.

Eppure Nordio aveva visto da vicino e studiato la perfetta macchina del Pci-Pds. Aveva potuto constatare anche la granitica fedeltà dei suoi funzionari. Perfino la loro disponibilità a mentire e a cancellare prove. Nelle richieste finali della sua indagine, Nordio scrisse di non aver potuto procedere nell’inchiesta sul patrimonio del Pds, dove erano finiti immobili per migliaia di miliardi di lire, a causa della scomparsa della documentazione.

Il 19 settembre 1993 il pm milanese Tiziana Parenti, che a sua volta indagava su Marco Fredda, responsabile del patrimonio immobiliare del partito, aveva fatto perquisire i suoi uffici alle Botteghe Oscure. Davanti a quintalate di carte, e su richiesta dei funzionari del Pds («se li portate via, non possiamo lavorare»), i carabinieri avevano rinunciato a trasferire quelle migliaia di fascicoli a Milano. Le carte, così, erano rimaste in alcune stanze del palazzo, sigillate dai militari.

Due giorni dopo Tiziana Parenti aveva spedito la Guardia di finanza a visionare i documenti, ma i sigilli erano stati violati e la documentazione era sparita. Nordio ricorda, sconsolato: «Gli agenti trovarono l’ufficio assolutamente vuoto». Erano rimaste solo le tracce degli scatoloni, trascinate sui pavimenti. Ecco, se mai leggerà questo articolo e queste parole, il procuratore ricorrerà forse a una delle sue frasi più tipiche, intimamente laiche e liberali: «Il concetto di giustizia si afferma solo nel calvario delle sue sconfitte».

Ma Nordio non è stato solo tangenti rosse. Ha condotto mille altre inchieste, da quelle sulla «colonna veneta» delle Brigate rosse fino a quella sugli appalti miliardari per le paratoie mobili, che dovrebbero proteggere Venezia dalle maree. Ha scritto bellissimi libri: nel 2010, assieme a Giuliano Pisapia, ha pubblicato In attesa di giustizia. Dialogo sulle riforme possibili, che spiega con chiarezza esemplare i disastri della nostra amministrazione giudiziaria.

Ha anche tentato di dare all’Italia nuove norme penali, più semplici e garantiste, come presidente della Commissione per la riforma del codice. La sua proposta è rimasta chiusa in qualche cassetto parlamentare. Del resto, si sa: «La giustizia si afferma solo nel calvario delle sue sconfitte».

Un saluto pieno di stima, dottor Nordio.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

La SUV francese monta un nuovo turbo a benzina, capace di 300 Nm a 1.900 giri e di un consumo medio dichiarato di 5,9 l/100 km. Perfetto per i mercati di tutto il mondo

L'articolo DS 7 Crossback Puretech, 225 cv per il benzina top di gamma proviene da RED Live.

Molti avrebbero voluto vedere una Foxy con ruote da 29″, così da renderla più versatile ed esasperarne la capacità di tritare tutto ciò che le passa sotto, sia in salita sia in discesa. Detto, fatto. La Foxy Carbon 29 è arrivata, ma sbaglia che pensa che ci sia stato solo un banale cambio ruote perché […]

L'articolo Mondraker Foxy Carbon 29 m.y. 2018 proviene da RED Live.

   LIVE    Della più recente generazione di MINI Countryman abbiamo parlato con la prova della Cooper SD e della Cooper S E. Ora è il momento di guidare la MINI Countryman Cooper S, una versione indubbiamente ricca di fascino, che monta il quattro cilindri in linea di 2 litri, accreditato di 192 cv di potenza e […]

L'articolo Prova MINI Countryman Cooper S proviene da RED Live.

La gamma Renault si rinnova e si semplifica; meno allestimenti ma più ricchi e tecnologici.

L'articolo Renault Megane, arrivano tre nuovi allestimenti proviene da RED Live.

Esemplare unico, s'ispira non solo alla leggendaria F40 ma anche all'iconica 308 GTB. Ha già girato con il suo nuovo proprietario a Fiorano ma il debutto ufficiale in società è previsto a Villa d'Este

L'articolo Ferrari SP38, la one-off su base 488 GTB proviene da RED Live.