Google+

Sulla canonica di Cervia campeggia la “N” araba dei cristiani perseguitati. «Il loro martirio risveglia la nostra fede imborghesita»

luglio 29, 2014 Leone Grotti

Intervista al parroco Pierre Laurent Cabantous: «Questo segno viene messo sulle case dei cristiani di Mosul. Noi per solidarietà, oltre alla preghiera, l’abbiamo affisso sulla canonica. In Italia c’è troppa rassegnazione»

cabantous-cervia-cristiani-iraq

La lettera “N” in arabo (“ن”), che sta per Nazarat e che è stata usata dai terroristi dello Stato islamico in Iraq per marchiare le case dei cristiani e così cacciarli dalla città, campeggia da tre giorni anche sulla canonica della Concattedrale di Cervia. Ad affiggerla è stato il parroco Pierre Laurent Cabantous (foto a destra) «per dare un segno, una testimonianza di comunione con tutti i nostri fratelli che in questo momento vengono massacrati e anche crocifissi in Iraq, Siria e non solo», dichiara a tempi.it.

pierre-laurent-cabantousPadre, come le è venuta questa idea?
Siccome questo segno viene messo sulle case dei cristiani di Mosul, noi per solidarietà, oltre alla preghiera, l’abbiamo affisso sulla canonica. Perché siamo anche noi seguaci del Nazareno.

I suoi parrocchiani come hanno accolto questa iniziativa?
Molto bene, in modo entusiasta. Domenica ho spiegato il significato di questo gesto prendendo spunto dal Vangelo della perla preziosa: nella parabola si parla di chi vende tutto per acquistare il campo dove è nascosto il tesoro. La domanda che ho rivolto a tutti è: e noi, cosa siamo disposti a mettere in gioco per la nostra fede? Ho citato la testimonianza di Meriam, che si è fatta condannare a morte pur di non abiurare e ha dovuto partorire in carcere, ho parlato di Asia Bibi, che è in prigione da anni ormai. La Chiesa è un unico corpo: oggi delle membra di questo corpo soffrono e noi come possiamo restare indifferenti? Ecco perché ho affisso quella “N”, perché come diceva Madre Teresa di Calcutta, l’indifferenza è più grave del peccato.

case-cristiani-mosul-califfato-homeChe valore ha per lei la testimonianza dei cristiani perseguitati?
Questi nostri fratelli subiscono il martirio in odio alla fede. La loro testimonianza ci scuote dal nostro torpore, dalla nostra fede un po’ imborghesita e ci fa chiedere: a noi cosa costa essere cristiani? Io penso che un po’ costi anche a noi perché in Occidente ormai anche noi siamo marchiati, almeno culturalmente.

Pensa che qualcuno seguirà il suo gesto?
Non lo so e non è importante. Però è triste che oggi non si veda nessuno in piazza mentre anni fa, quando c’è stata la guerra in Iraq, tanti hanno protestato con le bandiere della pace. Dove sono questi pacifisti ora? Dove sono le bandiere arcobaleno? Io sono solo un parroco di provincia ma mi rammarica un po’ vedere in Italia una certa rassegnazione a questi eventi terribili.

C’è un antidoto a questa rassegnazione?
Sì, il primo antidoto è la preghiera, sperando che dalla preghiera nasca anche la capacità di far sentire la nostra voce per sollecitare i responsabili delle nazioni a venire in aiuto di questa gente. Ricordiamoci che in gioco c’è uno dei beni più preziosi al mondo, la libertà religiosa. Il califfo sta compiendo crimini contro l’umanità. In Francia hanno dimostrato solidarietà ai cristiani scendendo in piazza davanti alla cattedrale di Notre-Dame a Parigi e anche a Lione. E noi in Italia?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. givanni says:

    Complimenti per questa attenta e sensibile iniziativa.grazie al governo francese che ci ha umiliati. Grazie padre laurent

    iniziativa! Facciamo di tutto per aiutare i nostri fratelli xristiani! Grazie anche al governo francese che ci ha umiliati per il nostro sillenzio e insensibilita.grazie

  2. Padania cristiana says:

    Attenzione a filtrare SEMPRE quello che ci viene raccontato dai Mass Media… Il disegno massonico sfrutta la dabbenaggine di tutti i gonzi che votano PD-PDL-M5S, e Roma in questi giorni lo sta a dimostrare

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download