Google+

Bruni: «Se sono inique, gli italiani non pagano ma evadono le tasse»

dicembre 12, 2011 Carlo Candiani

Intervista al docente di Economia politica all’università Bicocca di Milano, prof. Luigino Bruni: «Non si può più staccare l’efficienza dall’equità».E sulla polemica Chiesa-Ici: «Se incattiviamo i rapporti tra laici e cattolici, non usciremo dalla crisi»

«Uno dei dati nuovi di questa Italia globalizzata è che non è più possibile separare l’efficienza dall’equità, considerandoli due “poli” alternativi. In tempo di crisi, una norma per essere efficiente deve essere anche etica» spiega a Radio Tempi il prof. Luigino Bruni, docente di Economia politica all’università Bicocca di Milano. «Quando questo governo è passato dal principio di non politicità, presentandosi come esecutivo tecnico, alla presentazione di una manovra economica, ci siamo accorti che qualunque nuova norma deve essere etica per natura: sia che si tratti di alzare l’Iva, sia che si parli di toccare i patrimoni».

Ma “etica” non è un concetto un troppo vago?
«Etica, effettivamente, è una parola logora e abusata: di quale etica parliamo? Quella degli hedge fund o quella dell’accoglienza degli immigrati? Quella utilitarista, quella kantiana, quella massonica o quella cattolica? Io parlo di etica nel concetto primitivo, faccio un esempio: se per efficienza impastiamo una grande torta e in un secondo momento decidiamo quante fette dare ai poveri e quante ai ricchi, ma non includiamo chi rimane senza, già all’inizio dell’impasto, le fette saranno più piccole e anzi risulteranno indigeste, inique».

E la manovra Monti è riuscita nel compito di unire efficienza ed equità?
«Questa manovra risente molto dei veti incrociati dei partiti, di destra e sinistra, a cui l’esecutivo Monti è sottoposto. Non si possono toccare più di tanto i patrimoni, le pensioni, perché i sindacati e la sinistra fanno una enorme pressione, l’Irpef, le frequenze televisive, i grandi stipendi dei manager pubblici, i privilegi antichi che dovrebbero essere almeno scalfiti. Ma questo problema non c’è solo in Italia ma dappertutto».

Ascolta l’intervista al prof. Luigino Bruni
[podcast pid=124/]

Cioè?
«Le democrazie, così come sono concepite, nell’era della globalizzazione sono inadeguate e lente a prendere misure incisive: è quello che sta avvenendo in Europa in questi giorni. O si riduce la velocità dei mercati o si cambia la democrazia. Il fallimento, aldilà dell’ottimismo di Draghi, nel summit Ue, dice proprio questo: democrazie lente e mercati on-line, in tempo reale. La politica non può restare commissariata dalla finanza ancora a lungo: o prevale la finanza, e allora avremo sempre più governi tecnici e Parlamenti sempre meno importanti, o la politica riuscirà a porre regole serie alla finanza, a ridurre la sua velocità e il peso che ha assunto negli ultimi trent’anni. Ci vorranno una finanza e una politica nuove».

Nei suoi ultimi editoriali su Avvenire, parla di neuro–economia, che studia la buona recezione o meno da parte della gente di una manovra, tanto da annullarne l’efficacia. Può spiegare meglio di che cosa si tratta?
«Se prendiamo due soggetti (A e B) e diamo ad “A” 100 euro e gli chiediamo di dare una parte a “B”. Se quest’ultimo accetta, si divide la somma, se invece non accetta, tutti e due prenderanno zero. Secondo la teoria economica normale la mossa razionale di “A” consiste nel dare un euro a “B”, che dovrebbe accettarlo, anche se è poco, perché è meglio che niente».

Che cosa si vuol dimostrare?
«Che la gente invece preferisce farsi del male e non avere niente pur di punire un comportamento che considera iniquo. Cioè, meglio zero che venti, se l’altro prende ottanta».

E questo che cosa c’entra con la manovra Monti?
«C’entra eccome. Se io percepisco un aumento dell’Iva come iniquo, preferisco non pagarla, non fare lo scontrino, rischiare la multa e pagarla se mi beccano. Tutto, piuttosto che pagare: preferisco farmi del male, piuttosto che accettare un’offerta che considero iniqua. Il messaggio è: l’equità è fondamentale se si vuole che la gente non eluda le norme e le rispetti».

È questo il rischio che corre la manovra, così come è stata concepita e comunicata?
«Lo corre meno di quanto pensassi all’inizio: è stata comunicata bene. Il pianto non intenzionale del ministro Fornero, atto di vulnerabilità pubblica, è stato l’atto comunicativo più efficace del governo, che ci ha dimostrato una partecipazione emotiva alle scelte economiche. Se l’immagine di una compagine di persone serie dura e non cede il passo alle cattiverie e ai litigi, per esempio la polemica dell’Ici e la Chiesa cattolica, una sorta di guerra tra poveri, se regge questa reputazione insieme allo spauracchio del baratro, della Grecia, allora la manovra verrà accettata. Altrimenti, come è accaduto altre volte, le norme verranno eluse».

Perché quella che riguarda la Chiesa e l’Ici è una guerra tra poveri?

«Ho scritto al direttore della Repubblica Ezio Mauro, chiedendogli se pensi veramente che il problema della manovra sia l’oratorio che non paga l’Ici o il bar della parrocchia che non paga l’Iva. Questa è una parte sana del paese alla quale conviene allearsi. Non ha nessun senso questa polemica, perché così facendo si fa veramente il gioco dei “poteri forti”, che portano i patrimoni nei paradisi fiscali ai quali bisognerebbe prestare più attenzione. Non dico che non ci sia un problema dell’Ici legata al Vaticano, ma questo non è il centro del dibattito politico odierno. Se diventa il centro del dibattito, e non lo affermo per “benaltrismo”, incattiviamo i rapporti tra i laici (destra e sinistra) e i cattolici, due anime che se unite, come sono state in altri momenti delicati della nostra storia, possono fare uscire l’Italia dalla crisi. Rischieremmo altrimenti di fare come i capponi di Renzo nei “Promessi sposi”: mentre venivano portati all’Azzeccagarbugli, per essere messi sulla tavola e mangiati, litigavano tra loro».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana